Giulio Regeni, il giudice chiede l'intervento del Governo. Il Ministero: 'Studiamo nuove strade'

10/01/2022 23:39:00

Sul caso Regeni il Ministero della Giustizia 'continuerà a fare la sua parte in ogni modo, in collaborazione con le altre articolazioni del Governo coinvolte, studiando nuove strade e le modalità operative più efficaci'

Sul caso Regeni il Ministero della Giustizia 'continuerà a fare la sua parte in ogni modo, in collaborazione con le altre articolazioni del Governo coinvolte, studiando nuove strade e le modalità operative più efficaci'

Incaricati inoltre i Ros di trovare gli indagati per le notifiche mancanti. La legale della famiglia: 'Esecutivo scelga da che parte stare, se da quella di chi tortura e uccide o con chi chiede il rispetto di diritti inviolabili'

(Rainews)sette agenti dei servizi segreti egizianiin relazione alla vicenda diLa prima riguarda l'trasmesso gli atti al Governoinoltrata all'Egitto nell'aprile 2019 e se ci sono margini per unaIl giudice ha così accolto le richieste della Procura,

11 aprile

Leggi di più:
RaiNews »

Verità per Regeni. Ma anche per LucaIl Giornale è un quotidiano nazionale italiano fondato a Milano nel 1974 da Indro Montanelli.

Regeni, al via la nuova udienza preliminare: sit-in davanti al tribunaleRegeni, al via la nuova udienza preliminare: sit-in davanti al tribunale. Palazzotto: “La strategia italiana del dialogo è stata sconfitta” regeni un altro libro dell'italia che non conoscerà mai la verità | ̄ ̄ ̄ ̄ ̄ ̄ ̄ ̄ ̄ ̄ ̄| Hai firmato la petizione ParleRAI per il ReferendumCannabis? |___________| (\\__/) || (•ㅅ•) || / づ SpiniNelFianco tanto non faranno mai niente, prima gli interessi dei pochi

Regeni: nuova udienza gup per decidere su procedimento a carico degli 007 egizianiRegeni, sit-in in sostegno ai familiari si è tenuto fuori al tribunale di Roma. L'udienza di oggi arriva dopo che il 14 ottobre scorso la terza Corte d'Assise aveva dichiarato nullo il decreto di rinvio a giudizio TgLa7 10gennaio A questo punto visto tutto ciò che chiede la famiglia allo Stato,hanno un avvocato e potrebbe cercare lui gli indirizzi dei presunti assassini ; lo dicano Reggeni era uomo dei servizi ? Per nessun altro italiano ucciso all'estero sollevato tanto ! Comprendo i genitori ma....

Bonus psicologico: la petizione che chiede al governo di reintrodurlo quasi a 200mila firmeBonus psicologico, quasi 200mila firme per la petizione che chiede al governo di reintrodurlo: “27,5% dei pazienti non ha potuto iniziare il percorso per ragioni economiche” Ma non diciamo cazzate... Aderisci anche tu, alla campagna di sensibilizzazione sul dramma degli psicologi che hanno dovuto rinunciare ad ingrassare grazie a mammà e al delfino di matteorenzi. E gli altri - psicologi e non - si trovino un bonus e uno specialista, ecco. ( ... ) Iniziare il percorso non vuol dire poter proseguire, col bonus si coprono solo poche sedute e la psicoterapia non è una pillola da prender x 8 giorni. Deve rientrare nel SSN dove costerebbe anche meno delle sedute private e la serietà dei professionisti sarebbe più controllabile.

Djokovic, è vittoria: può restare in Australia e giocare l'Open. Ma il governo è pronto al ricorsoLa decisione del governo australiano di cancellare il visto di Novak Djokovic è stata clamorosamente ribaltata dal tribunale presieduto dal giudice Anthony No! Il Governo Australiano 🇦🇺 governa, a differenza del nostro. Quindi, nel caso, VIETA l’ingresso in Australia con proprio provvedimento inappellabile e senza bisogno di agenti esterni. Non gli possono togliere il passaporto ma il visto

Scuole, Zaia: 'Si guardi in faccia realtà, Draghi chieda parere a Cts'Il governatore veneto: 'Scelta del governo sui tamponi diventa una cosa folle' Ancora? Ma se col 75% di vaccinati (su consiglio Cts) avete ancora il paese sul collasso da positivi, voi chiedete consiglio al Cts che ha consigliato questa strategia fallimentare Abbiamo 84 deceduti con dose BOOSTER GENIO!!!! Il Presidente della mia regione ha ragione da vendere. Me ne frego se io sono del PD e lui della Lega, è uno pratico e in questo momento serve una persona così. Più realista del re

Nuova udienza l'11 aprile Giulio Regeni, il giudice chiede l'intervento del Governo.9 Gennaio 2022 - 10:27 3 «Se i caschi blu avessero saputo della presenza dell'ambasciatore, sicuramente avrebbero predisposto una sicurezza diversa o non avrebbero autorizzato lo spostamento».a causa dell’impossibilità di notificare agli imputati l’iscrizione nel registro degli indagati per via della mancata collaborazione delle autorità egiziane che non hanno mai risposto alla rogatoria dei pm romani in cui si chiedeva l’elezione di domicilio per quelli che all’epoca erano 5 indagati.Un'altra tappa della dolorosa vicenda che coinvolge la famiglia Regeni.

Il Ministero:"Studiamo nuove strade" Incaricati inoltre i Ros di trovare gli indagati per le notifiche mancanti. La legale della famiglia:"Esecutivo scelga da che parte stare, se da quella di chi tortura e uccide o con chi chiede il rispetto di diritti inviolabili" (Rainews) I genitori di Giulio Regeni e altri sostenitori, questa mattina al presidio durante l'udienza a piazzale Clodio Sono due le decisioni del giudice per l'udienza preliminare di Roma, al termine della camera ci consiglio di oggi nell'ambito del procedimento a carico di sette agenti dei servizi segreti egiziani accusati a vario titolo di omicidio volontario, lesioni e sequestro di persona in relazione alla vicenda di Giulio Regeni , il ricercatore italiano dell'Università di Cambridge trovato morto alla periferia del Cairo il 3 febbraio 2016. Leggerezze che hanno come protagonisti i funzionari del Pam (Programma Alimentare Mondiale) da cui dipendevano le procedure di sicurezza. La prima riguarda l' affidamento al Ros dei Carabinieri di nuove ricerche per la notifica degli atti agli indagati . Se il governo non riesce a farlo, perde di credibilità sul piano internazionale, ma soprattutto viene messa in discussione la sua capacità di proteggere la vita e la dignità dei cittadini italiani nel mondo”, è stato il commento duro del deputato di LeU, Erasmo Palazzotto , presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte del ricercatore friulano, intervenuto a Che giorno è. I militari per avere riscontro dei luoghi di lavoro e di residenza degli imputati potranno avvalersi di banche dati, elenchi telefonici, social network, fonti confidenziali. In questo contesto il Pam aveva due interessi confliggenti. In parallelo, il gup ha trasmesso gli atti al Governo per verificare eventuali esiti della rogatoria inoltrata all'Egitto nell'aprile 2019 e se ci sono margini per una interlocuzione con le autorità egiziane .

Il giudice ha così accolto le richieste della Procura, le difese chiedevano invece la sospensione del processo. Il secondo era garantirne l'incolumità. In una nuova udienza, fissata per l' 11 aprile , si verificheranno gli esiti degli accertamenti disposti oggi. Il caso è di nuovo all'attenzione del gup dopo l'annullamento del precedente decreto di rinvio a giudizio, nell'ottobre scorso, deciso dalla terza corte d'Assise per l'assenza dei quattro 007 egiziani imputati. O attenderle troppo a lungo. "Siamo soddisfatti che la nostra battaglia di giustizia possa proseguire", ha detto l'avvocato Alessandra Ballerini, legale della famiglia Regeni,"noi e con noi il 'popolo giallo' e la scorta mediatica in sei anni non abbiamo mai avuto tentennamenti. Adesso chiediamo al governo di fare la sua parte e di rispondere alle istanze del giudice e alle nostre pretese di giustizia. Facendolo il Pam ha privilegiato il proprio interesse a detrimento della sicurezza dei propri ospiti.

Il nostro governo scelga da che parte stare , se dalla parte di chi tortura e uccide e invoca impunità, o di chi chiede il rispetto di diritti inviolabili".  Un sit-in si è tenuto in contemporanea all'udienza in piazzale Clodio, fuori dal tribunale capitolino, alla presenza dei genitori di Giulio, Paola Deffendi e Claudio Regeni, che hanno mostrato uno striscione giallo con la scritta"Verità per Giulio". Una condotta resa poi più riprovevole da due aggravanti. Era presente anche il presidente della Federazione nazionale della stampa Beppe Giulietti. Il Ministero della Giustizia:"Studiamo nuove strade" Sul caso"il Ministero della Giustizia continuerà a fare la sua parte in ogni modo, in collaborazione con le altre articolazioni del Governo coinvolte, studiando nuove strade e le modalità operative più efficaci, per assicurare il corso della giustizia, in linea e in piena collaborazione con le richieste avanzate dall'autorità giudiziaria procedente". Un utilizzo che equivale a giustificarne la condotta spingendo altri a replicarne le leggerezze. Lo sottolinea una nota di via Arenula .