Video, Rai, Tv, Raitv, Rai News, Tech

Video, Rai

Formazione digitale: Unione consumatori e TikTok presentano piattaforma per le scuole

Formazione disponibile gratuitamente online

21/10/2021 15.21.00

Formazione disponibile gratuitamente online

L'Unc, con la consulenza della psicoterapeuta Maura Manca e il supporto di TikTok, ha ideato un progetto educativo per affiancare i più giovani nel loro percorso digitale, disponibile gratuitamente online

Si chiama"DigitalMente. Imparare, creare e condividere nel digitale in sicurezza" ilprogetto educativo ideato da Unione Nazionale Consumatori con il supporto di TikTok e la consulenza della psicoterapeuta Maura Manca, dell'Osservatorio Adolescenza, per creare una cultura digitale orientata alla sicurezza e alla promozione di un ambiente online positivo.

''Proteggere i minori online e accompagnarli in un percorso digitale sicuro e adatto alla propria età è una priorità.Una sfida difficile, ma che si può vincerecon un approccio sistemico che coinvolga tutti gli attori, in primis scuola e famiglie che hanno un ruolo chiave nella formazione dei più giovani'', ha detto

Guido Scorza, componente dell'Autorità garante per la protezione dei dati personali.Cosa vuole la Generazione ZDisponibili sulla piattaforma realizzata daEducazione Digitale per l'anno accademico 2021/2022, i materiali didattici sono dedicati agli insegnanti delle scuole secondarie di I e II grado di tutta Italia. L'educazione digitale, del resto, è un tema molto sentito dagli stessi adolescenti, come rivelano i dati di una ricerca condotta da Skuola.net: I headtopics.com

'nativi digitali' della GenZ, infatti, sono molto interessati alla sicurezza online: l'80% dichiara di aver letto i regolamenti delle piattaforme online e quasi la metà (44%) dice di aver consultato materiali educational per navigare in modo più sicuro, ma vorrebbero saperne ancora di più.

Privacy, tempo speso online e fake newsi temi sui quali vorrebbero ricevere una maggiore formazione e, in quest'ottica, i principali punti di riferimento sul tema sono gli insegnanti (41%), seguiti dai genitori (26%).I ragazzi però preferirebbero che a scuola si organizzassero dei momenti dedicati: incontri con esperti o gruppi di discussione tra coetanei, magari con una materia ad hoc. La modalità ''edutainment'' (20%) risulta tra le preferite per l'apprendimento, insieme alla testimonianza diretta di altri utenti e, specie per la fascia più giovane, al

coinvolgimento di creator, i creatori di contenuti delle piattaforme online.Unione nazionale consumatori: usare la tecnologia senza farsi usareMassimiliano Dona, presidente di Unione nazionale consumatori ha commentato: ''I ragazzi di oggi, grazie al digitale, diventano consumatori ben prima rispetto ai loro genitori. È questa una grande opportunità che permette di abbattere i confini: pensiamo a quanto sono stati importanti le piattaforme nel periodo di lockdown per far sentire i ragazzi meno soli. E anche esprimere la propria creatività, aspetto che piattaforme come TikTok valorizzano grazie alla creazione di contenuti, ma è sempre bene ricordare che

il digitale è uno strumento e come tale deve essere usatonel modo giusto".Dona ha sottolineato che Unc"è stata la prima associazione a portare su TikTok itemi di consumoa dimostrazione che anche su una piattaforma di intrattenimento si può fare educazione in chiave leggera, ma non per questo meno autorevole: per questo aderiamo a questo progetto nella convinzione che dobbiamo usare la tecnologia, non farci usare da essa" ha concluso. headtopics.com

"I ragazzi sanno muoversi ma non hanno consapevolezza"Maura Manca, psicoterapeuta dell'Osservatorio nazionale adolescenza, ha elaborato i contenuti didattici del programma con particolare attenzione all’influenza dei modelli online, ai comportamenti pericolosi, al benessere digitale, a saper leggere e analizzare le informazioni che vengono diffuse in rete. “I ragazzi sono abili nel muoversi all’interno delle piattaforme digitali, ma non conoscono i

meccanismi che si attivano nel loro cervello, non hanno consapevolezza di tante re-azioni che mettono in atto in modo meccanico e automatico, senza pensare", ha detto Manca."Il progetto è stato ideato e costruito appositamente per aiutare insegnanti e ragazzi a conoscere il loro mondo interno e prendere coscienza di se stessi, delle potenzialità e dei rischi della rete attraverso esempi e giochi legati alla loro quotidianità”.

Leggi di più: Rainews »

Covid, Science: identificata paziente zero al mercato di Wuhan

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, Science: identificata paziente zero al mercato di Wuhan

Educazione digitale, i ragazzi italiani meno consapevoli rispetto agli europeiI dati dell’Osservatorio del Movimento etico digitale. Dal Maso: «Ripartiamo da una Giornata Europea sulla cittadinanza digitale e dalle scuole» Digitale = sudditanza/controllo = meno digitalizzazione = maggiore libertà …possiamo cominciare con il portare la banda ultra larga a tutti?

L'oroscopo di Antonio Capitani dal 20 al 26 ottobre 2021Antonio Capitani legge le stelle per noi. Ecco segno per segno tutti le previsioni antoniocapitani antoniocapitani 👍 antoniocapitani Uhhh che bella cosa che ho letto per il leone....vedremo un po'!!! antoniocapitani Leonessa pronta

Tampon Box: le scuole dove il ciclo non è più un lussoBen prima dell’annuncio da parte del Governo, della riduzione dell’Iva sugli assorbenti dal 22 al 10%, in molti Istituti superiori del Paese gli studenti si sono organizzati per rendere gratuiti questi strumenti di igiene femminile

I rossetti più amati dalle star che dovresti provare questo autunnoLe star sembrano avere le idee chiare per quanto riguarda la scelta dei rossetti quindi perché non prendere ispirazione da loro in vista del prossimo make up shopping

Non ridete di CuoreMarcello Fois si accosta a Cuore in modo illuminante: non per rivelarne gli aspetti ridicoli e le debolezze, ma per capirne la forza. La recensione di Giuliano Milani.

Trump annuncia il lancio di una sua piattaforma di social network: «Truth»La piattaforma sarà di proprietà di Trump Media & Tech nology Group. L’ex presidente americano ha spiegato: «Li ho creati per oppormi alla tirannia di Big Tech » Fallirà. Quale inserzionista vorrebbe essere associato a questo buffone. Un rete sociale dovrebbe essere composto da persone comuni