2 Giugno, Mattarella

2 Giugno, Mattarella

Festa della Repubblica, Mattarella: 'E' tempo di costruire il futuro'

'La Repubblica è storia degli Italiani e della loro libertà. Nessuno si senta escluso'

02/06/2021 20.53.00

Nel suo discorso il capo dello Stato parla delle imperfezioni della nostra democrazia, che è comunque un successo. Sulle donne: 'Permangono disparità e inaccettabile violenza' 2giugno Mattarella

'La Repubblica è storia degli Italiani e della loro libertà. Nessuno si senta escluso'

"A me sta a cuore, oggi, porre l'accento su ciò che viene prima. Quel che precede il valore e il significato, pur fondamentale, degli ordinamenti - ha sottolineato il presidente della Repubblica - parlo della vita delle donne e degli uomini di questo nostro Paese. Dei loro valori e dei loro sentimenti. Del loro impegno quotidiano. Della loro laboriosità. Del contributo, grande o piccolo, che ciascuno di loro ha dato a questi decenni di storia comune".

Riccardo Puglisi, chi è 'l'ultras liberista' chiamato a Palazzo Chigi Il gesto gentile di un tranviere: ferma il suo mezzo per salvare una tartaruga sulle rotaie I lavoratori del magazzino Lidl: 'Non ci sono orari, siamo pagati quanto vogliono loro e ricattati per gli straordinari. Li prende solo chi non fa storie' - Il Fatto Quotidiano

"La Repubblica - ha affermato - è, prima di tutto, la storia degli italiani e della loro libertà. E' la storia del lavoro, motore della trasformazione del nostro Paese. E' la storia della Ricostruzione, delle fatiche, dei sacrifici, spesso delle sofferenze, di tanti che si trasferirono da Sud a Nord, dalle campagne alle città, animando uno straordinario periodo di sviluppo. E' la storia del formarsi e del crescere di una comunità. Un bel brano di De Gregori dice: la storia siamo noi, nessuno si senta escluso".

Umanità è salvare vite nel Mediterraneo"La Repubblica è umanità e difesa della pace e della vita. Sempre e ovunque. L'impegno della nostra Guardia costiera e della Marina militare per salvare la vita di persone spinte dalla disperazione alla deriva nel Mediterraneo.Va ricordato il contributo prezioso che, da molti anni a questa parte, i nostri militari forniscono nelle missioni internazionali, impegnati per la sicurezza e la pace, a fianco delle popolazioni che incontravano sulle loro strade, dimostrando sempre amicizia e umanità. Che nel mondo si parli di un"modello italiano" delle missioni è motivo di grande orgoglio per il nostro Paese. E voglio ricordare con commozione tutti i caduti: a loro va la riconoscenza della Repubblica". Ma"affermare i grandi principi, evocarli in formulazioni astratte non basta. Perché essi abbiano concreta incidenza sulla storia, dunque, bisogna viverli. Non è sempre facile. L'esito non è mai scontato". headtopics.com

Sui diritti l'Italia ora è più matura"Lo stesso lento, accidentato cammino abbiamo vissuto per la piena affermazione della dignità della persona e dei suoi diritti, combattendo una difficile battaglia per sradicare ogni forma di discriminazione. Possiamo dire con orgoglio che, su questo versante, l'Italia di oggi, anche sul piano dei diritti civili, è più matura e consapevole, migliore di quella di settantacinque anni fa. Lo è anche grazie al valore della memoria raccontata da persone come Liliana Segre, instancabile testimone di civiltà e umanità.

Per le donne ancora disparità e violenzeNon siamo ancora al traguardo di una piena parità di genere. Desidero ricordare la figura di una donna, Lina Merlin, pioniera della dignità femminile. Rammento la norma che precludeva alle donne l'accesso a molti importanti uffici pubblici, giudicata illegittima dalla Corte costituzionale nel 1960. Una storia che forse i giovani non conoscono e che oggi non può che sembrar loro inconcepibile. Così come è inconcepibile - non soltanto per i giovani - apprendere che il diritto di votare delle donne, nel 1946, è stato una conquista.

Si comprende allora come l'elezione a Presidente della Camera, nel 1979, di un'altra donna della Repubblica, Nilde Iotti, sia stata un passo decisivo nell'affermazione del protagonismo delle donne nella vita delle istituzioni. Non siamo ancora al traguardo di una piena parità. Soprattutto riguardo alla condizione delle donne nel mondo del lavoro, al loro numero, al trattamento economico, alle prospettive di carriera, alla tutela della maternità, alla conciliazione dei tempi. Permangono disparità mentre cresce l'inaccettabile violenza contro di loro.

L'Italia ha le carte in regola per farcelaL'Italia, la nostra Patria, ha le carte in regola per farcela. La Repubblica possiede valori e risorse per affrontare queste sfide a viso aperto. Ha potenzialità straordinarie. L'ineguagliabile patrimonio di arte e cultura, che affonda le sue radici nel passato e che continua a esprimersi e a parlare al mondo grazie a interpreti e intelligenze ammirate ovunque. Ha creatività. Competenze. Capacità che ci rendono in tanti settori un Paese all'avanguardia. Ne sono esempio tante nostre aziende che esprimono la qualità italiana, motore di sviluppo e di benessere in questi decenni. Ne sono esempio donne e uomini impegnati nella ricerca e nei settori dell'innovazione e delle tecnologie più avanzate. Un'altra donna italiana oggi ci rende orgogliosi: Samantha Cristoforetti, prima europea chiamata a comandare la stazione spaziale internazionale. headtopics.com

Vescovi Usa verso la scomunica a Biden sull'aborto - Mondo Morto Paolo Armando, partecipò a Masterchef: lo chiamavano «tigre» Calabria, il Partito Gay rinuncia a liste: “Mancano Lgbt dichiarati”

Il cambiamento c'è ed è veloceIl Paese non è fermo, il cambiamento c'è ed è veloce. Risollevare il Paese, sgomberando le macerie materiali e morali che la Repubblica aveva trovato, portandolo a essere una delle principali realtà economiche e industriali del mondo, è stata una grande impresa. Un'impresa collettiva, risultato dello sforzo di tanti. Politici, imprenditori, lavoratori, donne e uomini di ogni ruolo e condizione: hanno avuto come orientamento il loro senso del dovere, la responsabilità verso sé stessi, verso le loro famiglie e la comunità; l'amore per la Patria. La forza di credere in un futuro migliore.

La disponibilità al sacrificio per realizzare qualcosa per i propri figli e nipoti. Qualcuno, a volte, manifesta l'impressione che questo spirito, che animò i costruttori di allora, sia andato smarrito. Che il Paese si sia fermato, imbrigliato da inerzie e pigrizie, bloccato da rendite di posizione, dall'illusione di poter sopravvivere seguendo la logica emergenziale del"giorno per giorno". Ma il Paese non è fermo. Affiora talvolta la tentazione di rinchiudersi nel presente, trascurando il futuro. Ma non può essere così.Quando diciamo che nulla sarà come prima sappiamo che il cambiamento è già in atto. Ed è veloce.

Appello ai giovaniTocca ora a voi scrivere la storia della Repubblica. Scegliete gli esempi, i volti, i modelli, le tante cose positive da custodire della nostra Italia. E poi preparatevi a vivere i capitoli nuovi di questa storia, ad essere voi protagonisti del nostro futuro. I doveri verso i giovani, a cui passeremo il testimone della vita, sono ineludibili. Ma si presenta una nuova generazione che è pronta, chiede spazio e ha voglia di impegnarsi.

La solidarietà unisce il nostro popoloLa Repubblica è solidarietà. La solidarietà che scattò all'indomani dell'alluvione del Polesine che colpì le province venete, nel novembre del 1951, con quasi cento vittime e più di 180.000 sfollati, soccorsi e ospitati spontaneamente da tantissime famiglie in tutto il Paese. Oppure l'indimenticabile mobilitazione degli angeli del fango: migliaia di giovani che nel novembre del '66 corsero a Firenze, provenienti da ogni parte d'Italia, per dare aiuto alla città messa in ginocchio dall'alluvione e porre in salvo centinaia di opere d'arte. E così è avvenuto ogni volta che il Paese è stato ferito da catastrofi naturali, alluvioni, terremoti. Dal Vajont al Belice al Friuli all'Irpinia, ai tragici eventi che più di recente hanno colpito l'Emilia e l'Italia centrale. Ogni volta abbiamo visto quanto sia forte il legame di solidarietà e fraternità che unisce i nostri territori, il nostro popolo. headtopics.com

La Repubblica è legalitàE mentre lo diciamo avvertiamo il dovere di fare memoria di chi ha pagato con la vita il proprio impegno contro le mafie. Quelli noti e quelli meno ricordati. Uomini dello stato, semplici cittadini, esponenti politici, sacerdoti, giornalisti, che con il loro sacrificio hanno saputo dare speranza e fiducia a chi non si rassegna alla prepotenza criminale.

Terrorismo sconfitto da regole e popoloA volte le istituzioni possono sembrare fragili, esposte a sfide inedite, ma seguendo le regole del diritto e con il sostegno popolare anche la sfida più dura del recente passato, gli anni del terrorismo fu vinta. Gli attentati, le stragi, i ferimenti, gli omicidi. Sono state tante le vittime della ferocia di chi voleva sovvertire lo Stato con le bombe o con le armi. Nei cinquantacinque giorni dopo l'eccidio di via Fani e il rapimento di Aldo Moro, la Repubblica visse il suo momento più difficile. La risposta degli apparati dello Stato per molti aspetti apparve incerta di fronte all'attacco terroristico.

Sileri, stop ai voli dal Regno Unito se la variante Delta elude i vaccini In Edicola sul Fatto Quotidiano del 19 Giugno: L’autogol di Draghi 'faccio l’eterologa” - Il Fatto Quotidiano L’ispettrice di polizia: “Così ho convinto le ragazze a denunciare lo stupro”

A salvare la democrazia in quel passaggio drammatico, stringendosi intorno alle istituzioni democratiche, fu prima di tutto la straordinaria mobilitazione popolare. Il no alla violenza netto, forte, determinato dei partiti, dei sindacati. Le piazze piene di persone di ogni età e di differente orientamento culturale e politico. Il coraggio di chi, come l'operaio e sindacalista Guido Rossa, scelse di denunciare i terroristi e per questo pagò con la vita. Il senso del dovere di magistrati e forze di polizia.

Una risposta di popolo che spazzò via le ambiguità di chi teorizzava assurde e intollerabili equidistanze tra lo Stato e i terroristi. Il terrorismo è stato sconfitto e lo Stato ha prevalso con gli strumenti del diritto. Anche per questopossiamo dire che la Repubblica è libertà e democrazia.

La Costituzione è vivaL'Italia è stata ricostruita dalle macerie. La Costituzione ha indicato alla Repubblica la strada da percorrere. Questa è l'idea fondante della Repubblica, di una Costituzione viva, che si invera ogni giorno nei comportamenti, nelle scelte, nell'assunzione di responsabilità dei suoi cittadini, a tutti i livelli e in qualunque ruolo. La Repubblica è, prima di tutto, la storia degli italiani e della loro libertà. E' la storia del lavoro, motore della trasformazione del nostro Paese. E' la storia della Ricostruzione, delle fatiche, dei sacrifici, spesso delle sofferenze, di tanti che si trasferirono da Sud a Nord, dalle campagne alle città, animando uno straordinario periodo di sviluppo. E' la storia del formarsi e del crescere di una comunità.

Leggi di più: Rainews »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

andreavianel abarachini EnricaAgostini per parlare sempre della GiorgiaMeloni o ospitare FratellidItalia con i loro discorsi psicopatici sadici pervertiti masochisti Siete minacciate dalle mafie? Poi ci credo che i sondaggi salgono Quando usate i soldi dei contribuenti GiorgiaMeloni hai fatto un bel bonifico alla RAI o usi le tue influenze mafiose. 3 giornalisti in 3 minuti che dicono tutti La stessa cosa. Veronica Fernandez, gabriele martelloni Enrica agostini. abarachini _Carabinieri_ poliziadistato GDF Quirinale Quirinale

21.10 Ci mancavano le stronzate di matteosalvinimi GiorgiaMeloni berlusconi EnricaAgostini il centro destra non esiste , si chiamano fascisti. Chiamate le cose col proprio nome Quirinale Chi sa che discorsi costruttivi PUÒ fare la GiorgiaMeloni al Palazzo_Chigi Chi sa che discorsi costruttivi può fare GiorgiaMeloni a Palazzo_Chigi

21.04 Ci mancava ancora dire GiorgiaMeloni Fa un giro Palazzo_Chigi Ma dite anche che bel partito dirige.

2 Giugno, la seconda Festa della Repubblica senza festa - VanityFair.itVotarono per la prima volta le donne il 2 giugno del 1946 e gli italiani scelsero la Repubblica. Il presidente Mattarella riapre il Quirinale e ricorda le tappe fondamentali di questi 75 anni

Festa della Repubblica, lettera di Mattarella ai Prefetti per 2 giugnoLeggi su Sky TG24 l'articolo Festa della Repubblica, la lettera di Mattarella ai Prefetti per il 2 giugno

Next Gen IT, il 1 giugno la Festa della Repubblica dei giovaniIn diretta dalle 19 in streaming sui siti di Repubblica, della Stampa e degli altri quotidiani del gruppo GEDI oltre che su Italian.tech. Sugli stessi canali t…

Festa della Repubblica, senza parata ma con Roberto Bolle nel cortile del Colle - iO DonnaNo non ci saranno grandi celebrazioni, sarà una festa sobria. Ma con una bellissima sorpresa, stasera in diretta tv

70 anni di regno: è tutto pronto per la festa della Regina ElisabettaLeggi su Sky TG24 l'articolo La Regina Elisabetta festeggerà 70 anni di regno nel 2022: il programma

Matrimoni e green pass: regole, consigli di stile e 10 location per una festa no stressIl Covid pass detta le nuove tendenze per il matrimonio, ce le racconta il wedding planner Angelo Garini. Dagli igienizzanti personalizzati ai confetti in confezioni singole, dagli allestimenti eco-friendly al matrimonio “letterario”. E poi, la classifica delle location dove organizzare la cerimonia in assoluta serenità.