Effetto coronavirus: che fine hanno fatto i corporate con tassi negativi?

Effetto coronavirus: che fine hanno fatto i corporate con tassi negativi?

01/04/2020 16.45.00

Effetto coronavirus: che fine hanno fatto i corporate con tassi negativi?

Le società tornano a collocare debito, ma a costi più elevati. E sul secondario non ci sono più bond «sottozero»: erano quasi 700 miliardi un mese fa

3' di letturaIl nome Yum! Brands dirà sicuramente poco al grande pubblico, che al limite avrà forse messo i piedi sotto al tavolo di una delle grandi catene di fast food - Kfc, Pizza Hut o Taco Bell – controllate da questo gruppo. Da lunedì scorso, però, qualche investitore più attento avrà preso familiarità con la società di Louisville, Kentucky, quantomeno perché è stata la prima con merito di credito basso (o

“Gli assistenti civici non sono ronde ma volontari che danno un aiuto” Commercialisti: inaccettabili le parole di Saviano sull’usura A Pompei il mistero della piccola Mummia - Arte

junk, spazzatura come si dice in gergo)a emettere un un’obbligazione ad alto rendimentoohigh yieldda quasi un mese a questa parte, dopo la serrata dei mercati provocata dall’espansione del coronavirus.Quei 600 milioni di dollari raccolti da Yum! Brands a un

prezzo non certo indifferente, visto che la società ha dovuto garantire il 7,5% per un titolo a 5 anni quando sei mesi fa aveva offerto solo il 4,75% per un decennale, è in ogni caso un segnale di quanto sul mercato si desideri tornare alla normalità. E anche dell’appetito (nonché della voglia di rischiare) degli stessi investitori, la cui domanda è stata di ben

dieci volte superiore l’importo collocato. Un interesse quest’ultimo che per la verità non è mai diminuito per i bond con grado di affidabilità più elevato, almeno in sede di emissione. Dopo il primo comprensibile momento di sbandamento, le società

investment gradesi sono infatti ripresentate in massa a sondare l’attenzione di fondi e gestori: prima i grossi calibri comeExxon MobilPepsi, poi a ruota anche gli altri.Soltanto nell’ultima settimana - complici le mosse espansive senza precedenti annunciate sia dalle Banche centrali sia dai Governi - secondo quanto riportato da Bloomberg negli Stati Uniti

sono stati emessi corporate bond per ben 109 miliardi di dollari, scatenando un’autentica caccia fra gli investitori che hanno presentato richieste di ammontare oltre cinque volte superiore. Stesso scenario dai due volti in Europa, dove se da una parte ci si sono contesi titoli ad alto merito di credito per

75 miliardi di euro(con richieste per almeno 310 miliardi), dall’altra si è assistito a un vero e proprio blocco per glihigh yield.Non sempre tuttavia è oro quello che sembra luccicare e il tema dei rendimenti in deciso rialzo, su tutta la gamma del rischio di credito, non è da sottovalutare: si va sul mercato, ma a un prezzo ben più caro e lo dimostra il fatto che si è

Orsa a spasso con quattro cuccioli nel Parco d'Abruzzo - Ambiente & Energia Allenatori, ritratto di Fatih Terim Papa scrive a giornalista ANSA: 'Maternità umiliata, importa solo la crescita economica' - Politica

praticamente azzerato lo stock di titoli con rendimento negativo, che in Europa in poco più di un mese fa ammontava secondo Goldman Sachs addirittura a quasi 700 miliardi.Un altro fattore che mette in dubbio la teoria del ritorno alla «normalità» è l’assoluta mancanza di corrispondenza fra ciò che sta avvenendo in sede di emissione e sul secondario, dove

l’attività risulta anzi tutt’altro che frenetica. «Il miglioramento del sentiment - nota infatti David Norris di TwentyFour Asset Management - non sembra aver penetrato completamente questa parte del mercato, dove fra gliinvestment gradesi è invece registrato per la terza settimana consecutiva un

deflusso recorddi 43 miliardi di dollari». Leggi di più: IlSole24ORE »

Tocca essere d'accordo con Orlando. 5🌟

Coronavirus, le scuole paritarie chiedono il rimborso delle rette: 'Se le famiglie non pagano non possiamo versare gli stipendi' - Il Fatto QuotidianoLe scuole paritarie chiedono che nei mesi di chiusura imposta dal coronavirus sia prevista “la detraibilità integrale del costo delle rette versate” tenendo conto del “costo standard di sostenibilità per allievo”. La proposta arriva da suor Anna Monia Alfieri, esperta di politiche scolastiche e legale rappresentante dell’Istituto di cultura e di lingue delle Marcelline. La … Scambieremo nuovamente viveri, torneremo al baratto ? parla con il governo Inverosimile. Le congregazioni religiose posseggono patrimoni liquidi ed immobiliari da capogiro. E grazie alle fondazioni a cui fanno capo gli istituti, esenti da tributi: altra sòla tutta italiana Per non parlare del Concordato

Dalla campagna toscana alle foche al sole, le foto spettacolari della natura - VanityFair.itIl fotografo francese Florian Ledoux ha scattato la foto vincitrice, intitolata Above the Crabeater Seals, sopra le foche mangiagranchi

Mascherine Italia spa, ecco tutte le aziende in pista e i volumi di produzioneL’obiettivo delineato nei giorni scorsi dal commissario Domenico Arcuri è «diventare in fretta autosufficienti». La mobilitazione della moda la maschera non contiene vitamina C. Le mascherine di pezza prodotte da piccole aziende, tra l'altro, dopo quasi 2 mesi, in emergenza si hanno i minuti contati e il sistema deve reagire, per evitare una strage, alla velocità della luce. P.s guarda caso vi siete messi a produrre dopo la 'strigliata' --- Abbiamo anche aspettato troppo, le materie prime le abbiamo

Stop ai dividendi, le mosse delle banche in Italia e in EuropaDopo Unicredit, Mediolanum e Generali che hanno già annunciato la sospensione delle cedole, si definiranno nelle prossime ore le mosse degli altri istituti. Sia in Italia che in Europa

Cyberoo, l’emergenza coronavirus non frena le previsioni di crescitaRisultati in crescita per Cyberoo, Pmi di Reggio Emilia specializzata in cyber security che prepara l'assegnazione gratuita di warrant

Coronavirus, Maraini: «L’Italia nella pandemia e le virtù di un Paese di fronte al dolore»La scrittrice: «Nei momenti di pericolo, dicono, il nostro Paese dà il meglio di sé. Un amico mi scrive dal Messico: per la prima volta mi sento orgoglioso di essere italiano»