Cinema%2Ctelevisione

Cinema%2Ctelevisione

E' morto Ugo Gregoretti, una vita come regista: cinema, televisione e palcoscenico - La Stampa

E' morto Ugo Gregoretti, una vita come regista: cinema, televisione e palcoscenico

05/07/2019 17.38.00

E' morto Ugo Gregoretti, una vita come regista: cinema, televisione e palcoscenico

Dal '68 a fine anni Settanta si dedicò al documentario politico, nell'80 iniziò la carriera teatrale

Dal '68 a fine anni Settanta si dedicò al documentario politico, nell'80 iniziò la carriera teatrale05 Luglio 2019E' morto oggi, nella sua casa di Roma, Ugo Gregoretti, regista e attore. Era nato il 28 settembre 1930 a Roma. Arguto e ironico osservatore di costume, Gregoretti aveva esordito sul piccolo schermo con «La Sicilia del Gattopardo» nel 1960, documentario he gli valse il Prix Italia. In Rai realizzo' poi lavori televisivi di grande successo, in cui univa ironia, sperimentalismo e grande cultura: da «Controfagotto» del 1961, a «Il Circolo Pickwick» del 1968, dalle serie parodistiche Romanzo popolare italiano del 1975 e 'Uova fatali' del 1977, all'omaggio a Zavattini scrittore del 1982, dall'inchiesta Sottotraccia nel 1991 dedicata all'Italia seminascosta, a 'Lezioni di design' nel 2001, trasmissione che presentava oggetti notevoli di design ed i relativi autori e che fu insignita nel 2001 del Premio Compasso d'oro.

L'Uomo di luglio: Romelu Lukaku in copertina Diletta Leotta vola in Turchia per conoscere la famiglia di Can Yaman: nozze in vista? - VanityFair.it Orban: «Non ritiro la legge sull’omosessualità». Ma i leader della Ue lo isolano

Fu anche regista cinematografico: spiccano l'apologo fantascientifico «Omicron» del 1963 e, lo stesso anno, «Ro.Go.Pa.G.», film del 1963 diviso in quattro episodi, il cui titolo è una sigla che identifica i registi dei quattro segmenti: Rossellini, Godard, Pasolini e Gregoretti. Sempre impegnato politicamente - nel 1970 aderì al Partito Comunista Italiano, rimanendo poi sempre legato all'area politica della Sinistra italiana anche negli anni successivi al suo scioglimento - realizzò due importanti documentari sulle proteste degli operai alla fine degli anni '60: «Apollon, una fabbrica occupata» nel 1969 e «Contratto» nel 1971.

Si è misurato anche come regista lirico, mettendo in scena tra l'altro una memorabile edizione de «L'italiana in Algeri» nel 1976, mentre nel 1998 ha messo in scena «Purgatorio 98», una versione rivisitata e «contaminata» del Purgatorio di Dante in cui ha fatto uso anche del dialetto napoletano. Nel 2009 ha ricevuto il Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi, quale «giornalista, autore teatrale e televisivo, regista, attore, sempre uomo d'alto impegno intellettuale e civile», e nel 2010 il Nastro d'argento alla carriera, mentre nel 2016 viene insignito del titolo di socio onorario del Rotary Club di Benevento. Nel 2006 ha pubblicato la sua autobiografia «Finale aperto», riedita nel 2012 con il titolo «La storia sono io (con finale aperto)» di cui al Bif&st annunciò quattro anni fa di voler fare un film a basso costo: «Sarà il ritratto di un perfetto cialtrone, la mappa esatta delle mia cialtroneria congenita e inguaribile», raccontò. headtopics.com

Leggi di più: La Stampa »

Siparietto Draghi-Casellati: 'Forse la presidente mi ha tolto parola' - Italia

Lei: 'Non mi permetterei' (ANSA)

un grande era un piacere ascoltarlo altro che adesso eccetto gli Angela ovvio

Morto il tabaccaio che era stato aggredito il 9 giugno - La StampaL'episodio di violenza da parte di un nigeriano era accaduto davanti al suo negozio nella stazione della metropolitana di Chiaiano, periferia di Napoli gli assassini istituzionali hanno ammazzato un altro italiano

Napoli, morto in ospedale l'uomo aggredito in stazione da un richiedente asilo - La StampaDa inizio giugno versava in gravi condizioni in seguito a un pugno ricevuto in testa

La Stampa cambia: ecco la casa trasparente dell’informazione digitale - La Stampa - News dall'Italia e dal mondoUn giornale digitale tutto nuovo. La Stampa cambia aspetto e sostanza: un progetto cominciato un anno fa con il restyling del giornale cartaceo e il lancio delle Top News che oggi approda anche sulla nostra home page. Abbiamo lavorato su un design il più possibile chiaro ed essenziale, che porti in primo piano i singoli contenuti e riorganizzato le pagine. La parte più impegnativa, però, non si conclude con il nuovo design: al contrario, la home page nuova è il punto di partenza di un cantiere che procederà nei prossimi mesi.Il cardine di questa seconda trasformazione è la trasparenza. La principale caratteristica dei giornali digitali è l’immediatezza del contatto con il pubblico: per un giornalista, una risorsa inestimabile. Moltiplicheremo i canali – e i momenti – di scambio diretto, valorizzeremo i commenti del lettori sotto i nostri articoli perché crediamo che questo sia uno dei punti che qualificano il giornale digitale. Chi legge può interagire all’istante, chi scrive può (e deve) tenere conto dell’interazione in tempo reale. Correggere il tiro, controllare, aggiungere elementi che sono sfuggiti al primo sguardo, integrare le nostre opinioni con quelle di chi ci legge. E anche raccontare ai nostri lettori come funziona il nostro lavoro: nell’era dell’informazione (quasi) istantanea e del social network condividere i metodi che seguiamo per fare il nostro lavoro e i trucchi del mestiere è diventato importante. Cercheremo di somigliare il più possibile a un ristorante con la cucina in vista.Il secondo punto fondamentale sono i nuovi mezzi. Negli ultimi anni, con la parte digitale, La Stampa ha imparato a raccontare il mondo ai suoi lettori attraverso i video. Quindici anni fa una produzione video dentro la redazione di un quotidiano sembrava fantascienza, oggi è lavoro di tutti i giorni. Ora ci avviamo verso la stagione dei podcast, i giornali (digitali) che parlano: i nostri lettori conoscono bene il servizio PodLast, uno strumento che negli ultimi due anni è Si ma cambia anche cominciando a scrivere una riga su Bibbiano o la censura continua?

La fascinazione di James Blake dal vivo, una voce fuori dallo straordinario - La StampaLa fascinazione di James Blake dal vivo, una voce fuori dallo straordinario

Solidarietà del Cdr della Stampa al giornalista Gervasoni per le minacce ricevute sul web - La StampaIl Cdr de La Stampa esprime solidarietà al nostro collaboratore Federico Gervasoni per le nuove minacce di morte di cui è stato oggetto sul web negli ultimi giorni. Gervasoni era già stato vittima di pesanti intimidazioni, un anno fa, in seguito ad un articolo (“Vino, risate e saluti romani: Avanguardia Nazionale rinasce in trattoria”) pubblicato sul nostro sito. In questi ultimi giorni, in seguito all’uscita di un suo libro sul neofascismo a Brescia, Gervasoni è stato nuovamente oggetto di preoccupanti minacce denunciate all’autorità giudiziaria. Non ho letto gli articoli ne il libro di Gervasoni. Mi sento di esprimere però la massima solidarietà del il vostro collega. Auguriamoci che questi delinquenti vengano finalmente individuati e puniti dalla magistratura. L’espressione deve essere libera e garantita. Non mollare 👍

Pressioni per far comprare al papà la casa popolare: indagata l'ex deputata del Pd - La Stampa'Pressioni per far comprare al papà la casa popolare': indagata l'ex deputata del Pd Strano, sarebbe la prima indagata del Pd della storia Onestona come i grilli Che tristezza.