Depistaggio via d'Amelio, il falso pentito Scarantino voleva ritrattare la sua confessione alla vigilia della deposizione in aula - Il Fatto Quotidiano

Depistaggio via d’Amelio, il falso pentito Scarantino voleva ritrattare la sua confessione alla vigilia della deposizione in aula

30/10/2019 10.56.00

Depistaggio via d’Amelio, il falso pentito Scarantino voleva ritrattare la sua confessione alla vigilia della deposizione in aula

Vincenzo Scarantino voleva ritrattare la sua falsa confessione alla vigilia della deposizione in aula. Lo svelano i brogliacci contenenti le intercettazioni dell’ex pentito di mafia – che con le sue dichiarazioni depistò le prime indagini sulla strage di via d’Amelio – nella primavera del 1995, nel periodo in cui Scarantino si trovava a San Bartolomeo …

Depistaggio via d’Amelio, il falso pentito Scarantino voleva ritrattare la sua confessione alla vigilia della deposizione in aulaLo svelano i brogliacci contenenti le intercettazioni dell’ex pentito di mafia - che con le sue dichiarazioni depistò le prime indagini sulla strage di via d'Amelio - nella primavera del 1995, nel periodo in cui si trovava a San Bartolomeo al Mare, in Liguria, guardato a vista dagli uomini del gruppo investigativo diretto da La Barbera. Si tratta di 19 bobine, depositate dalla Procura di Messina alla procura di Caltanissetta, che indaga sul depistaggio sulla strage di Paolo Borsellino

Cinque azzurri (e tutto il Galles) si inginocchiano prima del fischio di inizio: non era mai successo Berrettini vince il torneo del Queen's Primarie a Roma e Bologna, Letta e il Pd: «Grande affluenza, una festa della democrazia»

di F. Q.| 30 Ottobre 2019Vincenzo Scarantino voleva ritrattare la sua falsa confessione alla vigilia della deposizione in aula. Lo svelano i brogliacci contenenti le intercettazioni dell’ex pentito di mafia – che con le sue dichiarazioni depistò le prime indagini sulla strage di via d’Amelio – nella primavera del 1995, nel periodo in cui Scarantino si trovava a San Bartolomeo al Mare, in Liguria, guardato a vista dagli uomini del gruppo investigativo diretto da Arnaldo La Barbera che indagava sulle stragi mafiose. Si tratta di 19 bobine, depositate dalla

Procura di Messinaalla procura di Caltanissetta, che indaga sul depistaggio sulla strage di Paolo Borsellino. Lo scorso 19 giugno sono stati effettuati, alRacisdei Carabinieri di Roma, degli accertamenti tecnici non ripetibili nell’ambito dell’inchiesta di Messina sul depistaggio sulla strage di Via D’Amelio. E ora le microcassette, che riguardano Scarantino sono al vaglio della Dda di Caltanissetta. headtopics.com

“Mi sento preso in giro” diceva Scarantino al suo legale, l’avvocato Lucia Falzone, al telefono, senza sapere di essere intercettato nella sua casa di San Bartolomeo al Mare, in Liguria. E’ il 22 gennaio del 1995 e Scarantino confida all’avvocato. Si sente “preso in giro” ma “non dagli avvocati”, chiarisce al legale. Per questo motivo

vuole tornare in carcere e “rispedire la famiglia a Palermo”.“Afferma che non ce l’ha con i magistrati – come annotano i poliziotti nel brogliaccio che è stato depositato alla Procura di Caltanissetta e di cui è in possesso l’Adnkronos- ma con qualcuno di Palermo che lo vuole fare innervosire” e che vede “cose strane”. E ribadisce che lui “sa” di parlare con sincerità”. Il giorno successivo, invece di tornare in carcere e “rispedire la famiglia a Palermo”, depone al processo per la strage.

“Non sono pentito di quello che ho fatto, anzi dovevo parlare subito dopo il io arresto“, diceva invece il 4 maggio del 1995 parlando con la cognata al telefono. I due non sanno di essere intercettati. La conversazione è finita nel brogliaccio depositato dalla Procura di Messina ai colleghi nisseni nell’ambito dell’inchiesta sul depistaggio sulle strage di via D’Amelio. Poco prima la moglie di Scarantino, Rosalia parla con la sorella e quest’ultima gli dice: “Se Enzo (Scarantino ndr) torna indietro con la sua scelta è meglio per tutti”. E Rosalia le dice che quando sente parlare al telefono del marito “pensa sempre a brutte cose”. Ma quando passa la cornetta al marito, Scarantino dice alla cognata di non essere affatto pentito della sua scelta. Si dice “preoccupato” per la suocera perché la madre “non la tocca nessuno”.

Più volte Scarantino chiama un numero con il prefisso diCaltanissetta. Poi chiama a Palermo il numero della Squadra mobile per parlare conMario Bo, che però non risponde al telefono. E nel brogliaccio si legge: “Enzo chiede spiegazioni sulle domande che ha scritto in merito alla prossima presenza in aula”. Domande di chi? E perché? Scarantino poi richiama ancora Bo per avere “ headtopics.com

Giustizia, l'attacco di Marta Cartabia: “Crisi di credibilità e fiducia, ci vorrebbero tanti Livatino” In Edicola sul Fatto Quotidiano del 21 Giugno: Fico: “Ora il salario minimo e nuovo alt ai licenziamenti” - Il Fatto Quotidiano Euro 2020. Pessina manda al tappeto il Galles, l'Italia è prima nel girone A

spiegazioni sulle domande“. Dopo poche ore altra telefonata al prefisso 0934, che ancora una volta non risponde. Il 4 maggio, ancora una volta, la telefonata non viene registrata “per motivi tecnici”. Stavolta è un telefono cellulare. E più volte, facendo altri numeri di telefono per la Germania, si legge sul brogliaccio “Sbaglia numero”. Anche il 5 maggio 1995 la telefonata fatta da Scarantino non viene registrata “perché finiscono i nastri per la sua lunga durata, tre ore”, si legge sul brogliaccio.Tre ore di conversazione. E perché non viene registrata ancora una volta?

Il 26 maggio 1995 Scarantino tiene la cornetta alzata ma finge soltanto di parlare, come annotano gli investigatori. Perché? Il 10 giugno 1995 Scarantino chiede di parlare con l’avvocato Lucia Falzone, che però gli spiega che servono 15 giorni per potere avere un colloquio. Poi, sempre a giugno, più volte formula il numero con lo 0934 ma non risponde nessuno, come scrivono i poliziotti. La Procura?

Cerca anche più volte Mario Bo, che però “non è in ufficio”. In più occasioni, i poliziotti addetti alle intercettazioni scrivono ‘controllò. E altre volte “non prende la linea”.Prima di continuareSe sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it. headtopics.com

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana. Leggi di più: Il Fatto Quotidiano »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Il Toro in silenzio stampa, contro la Lazio torna Berenguer - La StampaIl tecnico Mazzarri, squalificato, ha preferito rinunciare alla conferenza stampa alla vigilia della trasferta dell’Olimpico

Per salvare il “patto civico” in Emilia via i due simboli - Il Fatto QuotidianoIl governo non è in crisi, ma potrebbe esserlo rapidamente. Subito dopo le elezioni in Emilia-Romagna di gennaio, in caso di sconfitta. Ma l’idea di una coalizione organica tra Cinque Stelle e Pd da ripresentare in ogni tornata amministrativa pare già quasi tramontata, nonostante le dichiarazioni dei piani alti del Nazareno e delle intenzioni annunciate. … non è in crisi?Se lo dite voi... Poi se affermate che è improbabile che cada è certo come il fatto che è in crisi. Chi di questi esseri ha un futuro senza la poltrona occupata? Sono quasi tutti da Reddito di Cittadinanza in un eventuale post voto... Il governo non è in crisi, vi credo, voi non conoscete la crisi, la crisi ce l'abbiamo noi.

Milan e il fantasma della B: il problema non era l’allenatore, ma la squadraLa sconfitta contro la Roma aggrava il bilancio e apre scenari inquietanti. Troppe fragilità, alla prima difficoltà la squadra crolla. Leao è bravo ma non segna mai 😂🤣😂🤣 Anche voi scrivete di pallone? Mi pare che ormai è un tiro a bersaglio sull' acmilan Ma come !? Ad agosto non erano già quarti ed in CL ? Ahahahahahahahahahah !! Salutoni da Roma. Find_Ju Dispiace tantissimo

Incidente Freginals, le famiglie delle 7 vittime italiane ottengono il processo in Spagna - Il Fatto QuotidianoCi sono voluti tre anni e tre opposizioni ad altrettanti tentativi di archiviazione, ma alla fine il risultato è arrivato. Serve un processo per stabilire di chi siano le responsabilità per la strage di Freginals, l’incidente stradale in cui persero la vita tredici studentesse, tra cui sette ragazze italiane in Erasmus. Lo ha stabilito contro …

Ai Benetton sfuma il regalo: no al raddoppio di Fiumicino - Il Fatto QuotidianoIl piano di raddoppio dell’aeroporto di Fiumicino modello Benetton esce a pezzi dall’esame degli uffici del ministero dell’Ambiente. Il rapporto redatto dai tecnici dopo 31 mesi di studi e verifiche finisce con una frase che non lascia margine a dubbi: “La Commissione Tecnica di Valutazione impatto ambientale-Valutazione ambientale strategica esprime parere negativo circa la compatibilità … Molto bene. marcotravaglio A questi non gli basta mai eh! In galera tutti i Benetton del cazzo

Portovesme, la Sider Alloys ora minaccia di non aprire - Il Fatto QuotidianoSembrava una vertenza in dirittura d’arrivo, invece il futuro per lo stabilimento ex Alcoa di Portovesme è nuovamente a rischio, e con lui il destino dei 130 lavoratori riassunti e dei circa 500 fra diretti e dell’ indotto che ancora attendono fuori dai cancelli della fabbrica, nel deserto industriale del Sulcis che proprio a partire … chiedete a Salvini. Poveri Sardi una battaglia infinita marcotravaglio Nel frattempo ha fatto il ministro per un anno Giggino. Lui non ha mantenuto? Mica è una promessa personale di Calenda, è il governo che si impegna