Armenia, Azerbaigian

Armenia, Azerbaigian

Dal Nagorno Karabakh raccapriccianti immagini di crimini di guerra

Nagorno Karabakh, i video che dimostrano i crimini di guerra

13/12/2020 11.31.00

Nagorno Karabakh, i video che dimostrano i crimini di guerra

Dopo aver esaminato 22 video girati nel Nagorno Karabakh durante il recente conflitto, Amnesty International è giunta alla conclusione che le forze armate dell’ Armenia e dell’ Azerbaigian hanno commesso crimini di guerra come esecuzioni extragiudiziali, decapitazioni, maltrattamenti ai danni di prigionieri...

|Dopo aver esaminato 22 video girati nel Nagorno Karabakh durante il recente conflitto, Amnesty International è giunta alla conclusione che leforze armate dell’Armenia e dell’Azerbaigian hanno commesso crimini di guerracome esecuzioni extragiudiziali, decapitazioni, maltrattamenti ai danni di prigionieri e profanazione di cadaveri di soldati nemici.

Lega, La No Vax Donato: “Lascio il partito: ormai qui comanda Giorgetti” Stati Uniti. Migranti frustati dalle guardie di frontiera al confine col Messico Green pass, preside rievoca Auschwitz. Sospeso dal servizio

In particolare, due video mostranodecapitazioni commesse da militari dell’Azerbaigianmentre in un terzo filmato si vedeuna guardia di confine azera cui viene tagliata la gola.Azioni orrende, che hanno spinto Amnesty International a sollecitare l’avvio, da parte delle autorità amene ed azere, di indagini indipendenti e imparziali che identifichino i responsabili di questi crimini di guerra.

Le immagini, come accertato dal Crisis Evidence Lab di Amnesty International e poi confermato da esperti forensi indipendenti,non sono state manipolate.Uno dei due video di decapitazioni mostra un gruppo di soldati dell’Azerbaigian trattenere a terra un uomo che cerca di divincolarsi mentre un terzo soldato, con la bandiera azera e altre insegne militari cucite sulla divisa, gli taglia la gola con un coltello. Al termine dell’esecuzione, vi sono applausi e grida di festeggiamento. headtopics.com

Nel secondo, la testa di un civile armeno viene posta accanto alla carcassa di un maiale. Un uomo, in lingua azera, dice “Tu sei senza onore, ecco come ci vendichiamo del sangue dei nostri martiri: tagliando loro la testa”. Nel video si vedono due uomini in uniforme delle forze armate azere con la bandiera del paese cucita sulla spalla sinistra procedere alla decapitazione.

Nel terzo video un uomo che indossa l’uniforme della polizia di frontiera dell’Azerbaigian viene gettato e bloccato a terra. La persona che sta girando il filmato gli parla in lingua armena poi si avvicina e gli pianta un coltello in gola.In altri filmati esaminati e convalidati da Amnesty International si vedono

soldati armeni tagliare le orecchie al cadavere di un soldatoazero e trascinare un altro cadavere legato con una corda ai piedi e posare sul suo corpo. E ancora,soldati azeri picchiare armeni fatti prigionieri costringendoli a fare dichiarazioni contro il loro governo

Leggi di più: Corriere della Sera »

Willy, la mamma dei fratelli Bianchi: “Manco fosse morta la regina”

Leggi su Sky TG24 l'articolo Omicidio Willy, la mamma dei fratelli Bianchi: “Manco fosse morta la regina”

una guerra è sempre un crimine, spesso da ambo le parti, la differenza sono gli strumenti per documentarlo La stupidità e la cattiveria degli uomini si misurano nelle guerre e nelle violenze che esse ne fanno conseguire