Cronaca

Cucchi è stato ucciso: due carabinieri condannati a 12 anni per omicidio preterintenzionale - La Stampa

Cucchi è stato ucciso: due carabinieri condannati a 12 anni per omicidio preterintenzionale

15/11/2019 09.07.00
Cronaca

Cucchi è stato ucciso: due carabinieri condannati a 12 anni per omicidio preterintenzionale

Assolto il vicebrigadiere che rivelò il pestaggio. Salvini: «Se qualcuno ha sbagliato, paghi. Ma la droga fa male»

Stefano Cucchi è morto in conseguenza del pestaggio subito da alcuni carabinieri nella caserma della Compagnia Casilina. Lo ha accertato la prima Corte d’Assise di Roma, che ha condannato Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro - due dei tre militari accusati di omicidio preterintenzionale - a 12 anni di reclusione, contro i 18 chiesti dal pm Musarò.

Il Santissimo Draghi “si immola” e “offre il suo corpo per noi” - Il Fatto Quotidiano Fotorassegna stampa, le prime pagine dei quotidiani di domenica 20 giugno 2021 Etna, nuova eruzione: la sera illuminata dalle fontane di lava

Assolto invece «per non aver commesso il fatto» il militare dell’Arma Francesco Tedesco, il primo ad aver accusato i colleghi del pestaggio, unico imputato presente in aula, che ha commentato: «È finito un incubo». Lo stesso Tedesco ha tuttavia ricevuto una condanna a 2 anni e mezzo per l’accusa di falso, insieme al maresciallo Roberto Mandolini, che ha avuto 3 anni e 8 mesi per lo stesso reato.

Medici prescritti e una assolta«Soddisfatto» - secondo il suo legale, Serena Gasperini - il carabiniere Riccardo Casamassima, che «è stato il testimone cardine del processo, aprendo poi la strada alla confessione di Tedesco». Si è concluso invece con la decisione di «non doversi procedere» e la prescrizione del reato di omicidio colposo il processo d’Appello Ter per Aldo Fierro, Flaminia Bruno, Luigi De Marchis Preite e Silvia Di Carlo: i quattro medici dell’ospedale Sandro Pertini, che si occuparono a vario titolo del geometra romano durante i sei giorni di ricovero nel reparto protetto dove è poi deceduto. headtopics.com

Assolta invece dalla stessa accusa, per non aver commesso il fatto, la dottoressa Stefania Corbi, quinto medico coinvolto nell’inchiesta. La sentenza sui camici bianchi coinvolti nella vicenda è giunta dopo due ore di camera di consiglio, è stata emessa dalla seconda corte d’assise d’appello.

La lettura della sentenza Cucchi della Corte d'Assise di RomaUna coincidenza temporale ha fatto sì che le due sentenze fossero pronunciate lo stesso giorno, sia pure in aule diverse. «Come si concilia questa sentenza col fatto che nello stesso giorno la corte d’Assise d’Appello ha dichiarato la prescrizione per i medici?», dicono però i difensori dei carabinieri condannati. «Leggeremo le motivazioni della sentenza e faremo certamente appello», avverte l’avvocato Giosuè Bruno Naso, legale di Mandolini. Di «condanna ingiusta» e di ricorso in appello parla anche Maria Lampitella, difensore del carabiniere D’Alessandro, amareggiata del fatto che la corte non abbia accolto la richiesta di interrompere la camera di consiglio per disporre una super perizia che eliminasse ogni dubbio sul nesso di causalità.

Di Maio: non è accettabileConsiderazioni che non offuscano il sollievo dei familiari di Stefano per la sentenza di primo grado del processo bis, a dieci anni di distanza dalla sua morte. «Stefano è stato ucciso, lo sapevamo, forse adesso potrà riposare in pace», ha detto Ilaria Cucchi.

Soddisfazione e vicinanza è stata espressa su Facebook dal ministro degli Esteri, Luigi Di Maio: «Oggi lo Stato abbraccia la famiglia Cucchi. Ma lo fa con ritardo, dopo anni di silenzi e complicazioni - ha detto. - Quello che è accaduto a Stefano non può essere accettabile in uno Stato di diritto». Un commento anche dall’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini: «Se qualcuno lo ha fatto è giusto che paghi, sono vicinissimo alla famiglia - ha affermato - Questo testimonia che la droga fa male sempre e comunque headtopics.com

'In Tunisia io e mia moglie siamo diventati imprenditori. L'Italia, che amo, incastrata in una burocrazia senza visione' Per non far sparire Forza Italia Berlusconi insiste col partito unico di centrodestra Mattarella e i profughi: «L’Italia mai sottratta ai salvataggi, ma rendere effettiva la protezione» Leggi di più: La Stampa »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

I medici ed il giudice che l'ha visto in aula il giorno dopo l'arresto la passano liscia? Non va bene...

Under 12 femminile, il primo trionfo delle “leoncine” della Pro Vercelli - La StampaE' arrivata proprio nell'ultimo turno del girone d'andata la prima, storica vittoria per le ragazze dell’Under 12 della Pro Vercelli Piemonte Sport. Una formazione nata pochi mesi fa ma che, sotto la guida di Martina Borando, sta onorando al meglio il torneo regionale nel quale, militano società che da tempo lavorano nel settore femminile. Il successo con l’Ivrea nella cornice del «Piola» (3-2) è stato festeggiato come si conviene dalle giovani vercellesi subito dopo la gara con le eporediesi, con una corsa verso genitori, amici, tifosi, quindi negli spogliatoi. «E’ stata una vittoria cercata e voluta - conferma il tecnico Borando -. Sicuramente il fatto d'aver giocato in uno stadio come il Piola è stata una spinta ulteriore. Siamo migliorate a ogni partita sia a livello tecnico che, soprattutto come carattere. Le ragazze stanno iniziano ad acquisire quello spirito di squadra che era un po’ l’obiettivo che cercavo. Centrare il successo dopo sole quattro partite è una soddisfazione per le giovani calciatrici e anche per me». Dopo la sosta le baby leonesse affronteranno il Novara che, all’esordio, s'impose di misura. Le giovani calciatrici vercellesi protagoniste dell'impresa contro l'Indipendente sono state Sofia Prata, Rachele Gogna, Sra Toma, Virginia Massaro, Aicha Abbsi, Sfia Vescovo, Crystel Sagristano, Aurora Sampietro, Lucrezia Bredo, Antonia Vitulli. —

Caso Cucchi: due carabinieri condannati a 12 anni per omicidioL’imputato-teste Francesco Tedesco, il primo a parlare dei colpi ricevuti da Stefano Cucchi, è stato condannato a due anni e sei mesi per falso, mentre è stato assolto dall’accusa di omicidio preterintenzionale Giustizia fatta✔️ Troppo pochi

Processo Cucchi: 12 anni ai carabinieri responsabili del pestaggioPoche mele marce ma quante mele sane li hanno sostenuti e coperti fino all’inevitabile 😓😓😓 Drogato per sempre! Cerca di coprire un omicidio. Ha una divisa. 3 anni e 8 mesi. Significa che non farà neanche un giorno. Se hai una P.Iva e a qualcuno girano i coglioni, grazie a Bonafede ti fai 4 anni dentro. Capito bene?

Processi Cucchi: 12 anni a due carabinieri, prescrizione per 4 medici - VanityFair.itCondanna a 12 anni per due carabinieri che ebbero in custodia Stefano Cucchi. Prescrizione per i medici dell'ospedale Pertini

Caso Cucchi, i genitori: “Da Ilaria la forza per cercare verità” | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Caso Cucchi, i genitori: “Da Ilaria la forza per cercare verità” | Sky TG24 Da Ilaria la forza per mangiare soldi su vostro figlio che sino a quando è morto ve ne siete sbattuti il cazzo! SCHIFOSI FA SCHIFO! cucchi_ilaria sbugiardata da prove oggettive (autopsie, perizie mediche) e mille 'se' trasforma un processo in arma mediatica per personale lotta d'odio contro Carabinieri e ripulire il TOSSICO Cucchi. Stato e vertici dell'Arma complici dello show. VERGOGNOSO! L'odio verso questo ragazzo ammazzato e l'omerta' diffusa e 'voluta' dicono tanto di un Paese che non cambia. Magari la platealita' del caso portera' a qualcosa in questa circostanza ma temo che in certi ambienti cambiera' poco, purtroppo per tanto altro.

Caso Stefano Cucchi, la sentenza per i 5 carabinieri imputati: 12 anni a Di Bernardo e D'Alessandro | Sky Tg24 | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Caso Stefano Cucchi, la sentenza per i 5 carabinieri imputati: 12 anni a Di Bernardo e D'Alessandro | Sky Tg24 | Sky TG24 Giusto cosi, per potevano confermare i 18 anni Finalmente Stefano può riposare in pace. Complimenti alla sorella, non ha molato.Un esempio per tutti!