Caraibi, caos e rivoluzione: la libertà secondo Far Cry 6

Caraibi, caos e rivoluzione: la libertà secondo Far Cry 6

17/10/2021 16.22.00

Caraibi, caos e rivoluzione: la libertà secondo Far Cry 6

Nemici prevedibili, gameplay ipertrofico e una storia che vale la pena di essere “combattuta”. Il nuovo Far Cry non soprende ma non delude

2' di letturaAntón Castillo interpretato da Giancarlo Esposito (Breaking Bad e The Mandalorian) è cattivo vero di quelli che vediamo raramente nei videogiochi. Dani Rojas invece (che siete voi) è un casinista che semina il caos ovunque vada, e lui invece è una tipologia di giocatore che conosciamo bene. L’isola di Yara è l’isola caraibica delle rivoluzioni dove si respira tabacco e si lotta per la libertà.

Far Cry 6 di Ubisoft per console e Pc è un franchise che non delude ma non sorprende. Parliamo di un open world ipertrofico, bello da esplorare quanto scontato nelle sue dinamiche narrative. Parliamo di un gioco a tratti sempre uguale a sé stesso che però sa regalare istanti spettacolari ed esplosivi. Liberare Yara dal suo dittatore sarà una impresa liberatoria.

Loading...Cosa ci è piaciutoI giochi Ubisoft saranno anche datati come impostazione ma hanno il pregio di “prenderti e portarti altrove”. Saranno le meccaniche di gioco ripetitive ma vi ritroverete nella cosa più simile a Cuba che potete trovare in un videogioco. Poi la storia sta in piedi, i personaggi hanno quel guizzo che non trovate da altre parti e c’è la sorpresa degli animali da compagna che sono davvero di compagnia. Se in questi mesi autunnali avete voglia di sigaro, Sole e rivoluzione allora è il vostro gioco. headtopics.com

Cosa non ci è piaciuto Leggi di più: IlSole24ORE »

Guarda - Il Fatto Quotidiano

Triora entra a far parte dei “Villaggi degli alpinisti”: la cerimonia in paeseIl borgo noto per i processi alle streghe nel Cinquecento è statio scelto da un’associazione internazionale che riunisce 35 “Villaggi”

L’ultima lezione del professor Norberto BobbioIn un libro il corso che il filosofo tenne prima di lasciare la cattedra. Nella numero 54 l’analisi della sinistra tra rivoluzione e riformismo

Il sesso secondo Fanny Ardant: 'Non conta il corpo, prima viene l'anima'Alla Festa di Roma incontro con l'attrice che nel film 'Les jeunes amants' ritrova la passione con un uomo più giovane. 'Non mi interes…

Vacanze a ottobre al mare: le mete «hot» per un ultimo tuffoItalia, Europa, ma anche Caraibi e luoghi paradisiaci. Da un semplice weekend a una lunga vacanza al caldo in autunno Wow

Toro, il napoletano Mandragora: “Pronti per sfidare la capolista: vogliamo fare punti”Contro il Napoli sarà un vero e proprio crash test per il Toro che se la vedrà anche contro il secondo attacco del campionato e la difesa meno battuta erano anche pronti a sfidare la juve abbiamo visto come finita

Non solo Agamben, Giovanna Cosenza: 'Il Green pass un'imposizione? Come dire che la patente limita la libertà di movimento' - Il Fatto Quotidiano“Non posso attraversare il semaforo rosso solo perché sono in grado di farlo. Sarei di intralcio al traffico, rischierei di causare incidenti, provocherei disordine. Questa non è libertà“. Giovanna Cosenza, professoressa ordinaria di filosofia e teoria del linguaggio all’università di Bologna, usa un esempio quotidiano per spiegare il detto celebre: “La mia libertà finisce dove … Se i grandi filosofi per controbattere ad Agamben usano l’esempio della patente, significa che non hanno capito un tubo. Non hanno nemmeno le basi per comprendere la differenza tra le due cose. Smettetela con i paragoni stupidi che altrimenti ci troveremo a dire 'social credit un'imposizione? Anche la patente per guidare è a punti'. Basta Cazzate. Grazie e buonanotte dall'esempio che ha fatto meglio ascoltare Agamben