Bullismo, Filippo Sensi: «Quando mi chiamavano Cicciobomba» - VanityFair.it

L'onorevole Pd che ha commosso l'aula con il suo discorso contro il fat-shaming: «Quando cadde Renzi decisi di mettermi a dieta. E persi 40 chili. Ma ci sono insulti che non si dimenticano»

01/02/2020 01.00.00

L'onorevole Pd ha raccontato di quando era un «cicciobomba», un «trippone», una «palla di lardo». Di quando una volta un ragazzino gli gridò «Sensi mi fai senso» e lui lo ricorda «come fosse adesso»

L'onorevole Pd che ha commosso l'aula con il suo discorso contro il fat-shaming: «Quando cadde Renzi decisi di mettermi a dieta. E persi 40 chili. Ma ci sono insulti che non si dimenticano»

Francesco OggianoFilippo Sensiha parlato di se stesso. Davanti all’aula della Camera, davanti alle camere dei giornalisti, l’onorevole Pd ha raccontato di quando era un«cicciobomba», un «trippone», una «palla di lardo». Di quando una volta un ragazzino gli gridò «Sensi mi fai senso» e lui lo ricorda «come fosse adesso». Non l’ha fatto «per vittimismo», ma perché alla Camera si esaminava la proposta di legge sul bullismo, e ci teneva a illustrare un ordine del giorno relativo al «bodyshaming».

'Saman? Le politiche di integrazione hanno fallito. E le donne restano invisibili' Variante Delta, la mutazione del coronavirus preoccupa l'Europa. Ecco cosa succede G7, Draghi: 'Contro autocrazie posizioni condivise'

Da abilissimo esperto di comunicazione politica (è stato portavoce di Matteo Renzi e Paolo Gentiloni a Palazzo Chigi), sa che il miglior modo per far passare un tema è attraverso una storia. E la migliore, solo per questa volta, era la sua. Nato 51 anni fa a Roma, è sempre stato «un grasso». Uno che ogni giorno riceveva, come altri, «delle piccole umiliazioni, magari sotto forma di battuta».

Lei come reagiva?«Mangiavo di più. Mi sentivo inadeguato e cercavo una gratificazione istantanea in altro cibo».È una reazione comune?«Sì. Uno studio della Florida State University ha scoperto che le vittime di fat shaming sono due volte e mezzo più a rischio di ingrassare ulteriormente. Gli insulti fisici sedimentano nella mente di chi li subisci. Alcuni riescono a dimenticarli, altri no». headtopics.com

Lei li ha dimenticati?«Non del tutto. Ma col passare del tempo ho imparato a giocare sul mio peso, a scherzarci sopra assieme agli altri».Si è mai sentito obbligato a provare delle diete in quegli anni?«Ne ho provato diverse, ma senza grossi risultati».

E poi?«Alla fine del 2016 ero portavoce di Palazzo Chigi. Durante i giorni del passaggio di consegna tra Matteo Renzi e Paolo Gentiloni decisi che era venuto il momento di avere un’alimentazione più regolare».Come mai?«Poco prima avevo fatto delle analisi che non erano perfette. Il nuovo governo fu la molla che usai per provare a cambiare regime alimentare».

Nuovo governo, nuova dieta. Cos’ha fatto?«Come prima cosa, ho smesso di bere i quattro litri quotidiani della bevanda zuccherata che ingurgitavo ogni giorno. Una sera, come il protagonista de La Coscienza di Zeno che fuma l’ultima sigaretta, ho bevuto l’ultima lattina, l’ho buttata nel cestino e ho iniziato una nuova alimentazione».

Com’è andata?«Da allora ho perso 40 chili. Ne pesavo 131, adesso 90».Ha ricevuto mai insulti sul suo fisico durante la carriera parlamentare?«È capitato. Il linguaggio politico italiano è ancora molto fisico e machista. Ma vorrei precisare una cosa». headtopics.com

Coronavirus in Italia e nel mondo: le news del 14 giugno. LIVE Variante Delta, Draghi: 'Se occorre, quarantena per chi arriva da Gb' Spagna, Ione Belarra è la nuova leader del partito di sinistra Podemos

Dica.«Quando si parla di bodyshaming, così come di bullismo, non dovremmo tracciare due campi separati, con le vittime sofferenti da una parte e i bulli dall’altra».Cosa dovremmo fare?«Realizzare che ognuno di noi può essere, anche involontariamente, l’uno e/o l’altro. Sarà capitato anche a me di fare battute sbagliate o poco accorte che avranno offeso la sensibilità di qualcuno».

Ha l’occasione di scusarsi. Vada.«Nel 2016, per esempio, inviai per sbaglio a un gruppo Whatsapp di giornalisti un messaggio destinato ad altri. “Proviamo a menare Di Battista sul discorso della Libia ricordandogli l’Isis”. Ovviamente venne pubbicato. Ecco, non intendevo ovviamente menare in senso fisico. Ma credo nella responsabilità personale, e me ne scuso».

Cosa dovrebbe fare la politica secondo lei su temi così delicati?«Lavorare sull’informazione e sulla prevenzione. E, in alcun casi, normare con interventi ben circoscritti. Non è facile, perché a volte una “ipergiuridicizzazione” del linguaggio può produrre dei mostri giuridici».

In attesa di interventi del genere, com’è stato il suo giorno dopo la confessione da «cicciabomba»?«Sorprendente. Ho ricevuto i ringraziamenti di tanti che ci erano già passati. Un collega del Movimento 5 Stelle, mai sentito, è venuto a cercarmi». headtopics.com

Che le ha detto?«“Anch’io ho sofferto tantissimo. Da piccolo storpiavano il mio cognome perché ero grasso”. Ci siamo capiti subito». Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Brusca torna libero, tra gli artefici della strage di Capaci - Sicilia

Fuori con 45 giorni di anticipo. Sciolse nell'acido il piccolo Di Matteo (ANSA)

Bullismo, il racconto del deputato Sensi in aula: 'Ciccione, così mi insultavano da bambino'La Camera approva con 234 voti a favore, nessun contrario e 131 astenuti la legge e l'esponente Pd raccoglie un lungo applauso: 'Non ho mai Quante manfrine. Gne Gne Gne... magari non e' piu' grasso ma e' sempre un gran coglionazzo !!

Perché con il suo discorso contro il fat shaming Sensi parla di tutti noiLe circostanze possono essere diverse, le esperienze straordinariamente simili. Bisogna evitare che la vergogna del corpo diventi una condanna, un destino ineluttabile Magari lo diceste in italiano potremmo anche capire di cosa si tratta!

Bullismo, il racconto del deputato Sensi in Aula. Video | Sky TG24'Mi hanno chiamato un cicciabomba, un panzone, una palla di lardo'. Durante l'esame del progetto di legge sul bullismo, l'esponente dem Filippo Sensi ha portato in Aula la sua storia personale, accolta da un lungo applauso ⬇️

Bodyshaming, la testimonianza di Sensi (Pd) in Aula: 'Mi chiamavano 'cicciabomba', ma non tutti ci scherzano. Ecco perché serve la norma' - Il Fatto Quotidiano“Sono stato per tutta la vita, e sono, un ‘cicciabomba’, ‘cannoniere’, un ‘panzone’, un ‘trippone’, una ‘palla di lardo’, qualcuno mi chiamava anche manzo. Un ragazzino una volta mi gridò ‘Sensi mi fai senso’, lo ricordo come fosse adesso”. Così il parlamentare del Partito democratico, Filippo Sensi, in Aula alla Camera, durante l’esame della proposta … A me ha aiutato da piccolo! Mi ha reso il ragazzo di oggi il fatto di subire 'bodyshaming', quindi fare una norma per aiutare un obeso ad essere obeso non mi pare il caso. Dimagrisci Tutti da ragazzi abbiamo avuto episodi simili. ma quando intraprendi il percorso delle norme. dei paletti. è un percorso che non sai mai dove va a finire. dovrebbe essere potenziata l'educazione civica/sociale fin dall'asilo. troppe norme creano solo divieti inutili dannosi.

Gwen Stefani prima e dopo, l'evoluzione del suo beauty look - VanityFair.itLa cantante, 50 anni, sugli ultimi red carpet sembrava ringiovanita. Sarà tutto merito del trucco anti-age? Nella gallery tutti i suoi beauty look più iconici dagli anni Novanta a oggi

Brexit, anche l'Erasmus nel Regno Unito sarebbe a rischio - VanityFair.itSui social è scattata la rabbia dopo la notizia che il Parlamento britannico diceva no al prolungamento automatico del programma Erasmus. Da Londra il governo dice che nulla è deciso