Bmw Z4 M40i

BMW Z4 Prova in pista della M40i

BMW Z4 Prova in pista della M40i #motori

05/07/2019 02.15.00
Bmw Z4 M40i

BMW Z4 Prova in pista della M40i motori

Il test in circuito della nuova roadster tedesca con motore 6 cilindri da 3,0 litri e 340 CV

19 giugno - 12:14- MilanoEvolversi senza cambiare: la BMW Z4 si è evoluta nello stile, ora più moderno e accattivante, senza cambiare il suo DNA. Non cambia la sua capacità, innata, di regalare emozioni, di andare al di la del semplice concetto di mezzo di trasporto, mettendo sempre al centro il piacere di chi guida. La sua evoluzione l'ha portata ad un look che evoca qualche somiglianza con la Porsche Boxster, passando per un nuovo pianale condiviso con la Toyota Supra, mentre sono rimasti al loro posto motore e cambio. Cambia il passo, sceso a 2,47 m. nonostante la lunghezza incrementata a 4,32 metri, non cambia la sostanza data dal piacere di guida tipica delle auto con motore anteriore e trazione posteriore.

Etna, nuova eruzione: la sera illuminata dalle fontane di lava «Se si può andare al ristorante, si può tornare in ufficio»: perché le parole del Ceo di Morgan Stanley sono solo la punta dell'iceberg Scontro Orban-Ue: il premier ungherese vuole depotenziare la plenaria di Strasburgo

Come va: la guida—  La BMW Z4 è stata interamente riconcepita per offrire il massimo in termini di agilità e maneggevolezza, a partire dall’assetto. Sull’asse anteriore troviamo sospensioni a quadrilatero, mentre al posteriore un sistema multilink a cinque bracci. La M40i vanta inoltre il sistema di sospensioni Adaptive, freni potenziati, differenziale elettronico M Sport e pneumatici ad alte prestazioni. Il tutto per rispondere repentinamente alle sollecitazioni di uno sterzo adattivo in grado di modificare in tempo reale sia il servosterzo che l’angolo di sterzata, per fronteggiare al meglio la situazione in corso. Il risultato è una roadster piacevole e facile da guidare nel quotidiano alle basse velocità, ma estremamente reattiva nella guida in pista.

In questo caso Vallelunga ha rappresentato un banco di prova ideale per testare soprattutto stabilità e tenuta laterale della nuova BMW Z4. Il comportamento è sempre prevedibile per il buon bilanciamento dei pesi ed ogni reazione scomposta, anche minima, viene immediatamente trasmessa al volante. Alzando il ritmo sul tracciato bagnato dalla pioggia, il posteriore tende a muoversi se si anticipa troppo l’apertura del gas, ma nel complesso si può godere di un’ottima stabilità e velocità di percorrenza nei curvoni veloci. Il 6 cilindri da 3.0 litri offre una risposta pronta in virtù di un coppia disponibile già a 1.600 giri, ben assecondato dalla velocità degli innesti del cambio Steptronic ad otto rapporti. Davvero ottima la frenata, incisiva e apparsa mai messa affaticata anche dopo una mattinata di turni in pista. headtopics.com

INTERNI—  Gli interni sono in linea con gli standard elevati di casa BMW e ripropongono lo stesso layout visto sui modelli di ultimissima generazione. Il quadro strumenti è interamente digitale e può essere integrato, in opzione, dall’head up display che proietta le principali informazioni di marcia sul parabrezza. Di serie c’è ovviamente l’infotainment BMW Operating System 7.0, gestibile attraverso il touchscreen al centro della plancia, selettore iDrive, dai tasti sul volante o utilizzando i comandi vocali. Nel caso della M40i, pannelli delle portiere, plancia e sedili sono rivestiti in pelle e Alcantara. Assai nutrita la lista di dispositivi di assistenza alla guida, di serie o a richiesta: tra i primi ci sono la frenata assistita con riconoscimento pedoni e il sistema di mantenimento attivo della corsia Lane Departure Warning. Sono invece disponibili in opzione il Cruise Control adattivo con funzione Stop&Go, il sistema anticollisione posteriore Rear Collision Prevention e il Cross-Traffic Alert. Sempre a richiesta troviamo i sistemi di assistenza alle manovre Active Park Distance Control in grado di gestire autonomamente sterzo, freno e acceleratore. Include anche la funzione di assistenza alla retromarcia, che permette di ripercorrere a ritroso, senza alcun intervento, gli ultimi 50 metri percorsi.

Pregi e Difetti—  Piace:il motore 6 cilindri in linea è potente, progressivo e piacevole sia nell’uso quotidiano che in pista. L’assetto è equilibrato, prevedibile e non fa scherzi. Gli interni coniugano lusso e sportività.Non piace:

è dimagrita di 65 chilogrammi rispetto alla versione precedente ma non è ancora una piuma, gli oltre 1600 chili si sentono specialmente quando si scende in pista.Prezzi e allestimenti—  La BMW Z4 M40i è il modello più completo e costoso, con i suoi 65.700 euro di prezzo. Nel costo di acquisto sono inclusi il pacchetto aerodinamico M e l’assetto sportivo M, la capote in stoffa effetto silver, fari adattivi a LED, listelli battitacco con la scritta M40i, sedili anteriori sportivi M in pelle Vernasca Black con cuciture decorative e regolazione elettrica con funzione Memory, volante M in pelle, modanature in alluminio, BMW Live Cockpit professional, sistema audio Haman Kardon surround, climatizzatore automatico. Sono invece disponibili in opzione il Cruise Control adattivo con funzione Stop&Go, il sistema anticollisione posteriore Rear Collision Prevention e il Cross-Traffic Alert. Sempre a richiesta troviamo i sistemi di assistenza alle manovre Active Park Distance Control in grado di gestire autonomamente sterzo, freno e acceleratore. Include anche la funzione di assistenza alla retromarcia, che permette di ripercorrere a ritroso, senza alcun intervento, gli ultimi 50 metri percorsi

In Sintesi—  La nuova Z4 M40i è una roadster sportiva senza dubbio riuscita, degna erede dei modelli precedenti e in grado di competere con le concorrenti. La personalizzazione BMW sul progetto comune con la Toyota Supra c’è e si sente: le due auto sono simili, ma distinguibili e la Z4 è una BMW al 100%. headtopics.com

Il presidente dell’Anm Santalucia contro i referendum radical-leghisti perché “adesso non aiutano le riforme della giustizia” Focolaio di Covid nel carcere (sovraffollato) di Taranto: almeno 36 contagi Fotorassegna stampa, le prime pagine dei quotidiani di domenica 20 giugno 2021

Scheda Tecnica BMW Z4 M40i—  Motore: 6 cilindri in linea Leggi di più: LaGazzettadelloSport »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Mattarella a Vienna prova a ricucire coi partner europei - La Stampa - News dall'Italia e dal mondoIl Presidente: «La procedura di infrazione non ha ragione di essere aperta, conti a posto»

Giampaolo aspetta i colpi di Silva, ma il Southampton prova a tentarloMilan. Giampaolo aspetta i colpi di Silva, ma il Southampton prova a tentarlo serieA milan 3.5€ Povero Giampaolo

Corriere della Sera on Instagram: “Sul Corriere della Sera di oggi il regista-attore Alessandro Siani, intervistato da Renato Franco, racconta il suo nuovo film 'Il giorno…”Sul Corriere della Sera di oggi il regista-attore Alessandro Siani, intervistato da Renato Franco, racconta il suo nuovo film 'Il giorno più bello del mondo'. Ma parla anche del cinema in Italia e dell'importanza di conquistare il pubblico 👉 corriere parli chi ci mette i soldi ...... più realistica l'opinione

La soglia della decenza - VanityFair.it«Da quando sono membro del partito sono stata insultata personalmente di continuo, e in modo molto crudele», scriveva più di cent’anni fa Rosa Luxemburg. Dalla rubrica di dariabig

Palinsesti Mediaset 2019/2020, tra il ritorno della Champions e «Amici Vip» - VanityFair.itSappiamo che ci sarà un nuovo game-show condotto da Gerri Scotti, che il cartone-evento «Adrian» sparisce e che la Champions League sarà in diretta. E poi, e poi... Tv rete4

Addio a Iacocca, il padre della Mustang che salvò la Chrysler negli anni OttantaAveva 94 anni. Un Marchionne ante litteram: figlio di immigrati italiani divenne prima presidente di Ford e poi guidò la casa automobilistica poi diventata Fca