Automotive, Econ 24, 23 Luglio, Gkn

Automotive, Econ 24

Blog | La banalità della transizione ecologica nell’ automotive: i licenziamenti

Questa rivoluzione industriale non funziona come le altre: non è il progresso a minacciare il futuro dell’auto a combustione, bensì le scelte della politica

23/07/2021 10.54.00

La banalità della transizione ecologica nell’automotive: i licenziamenti | Post di s_capaccioli, commercialista, ed enricomariutti, analista | via econopoly24 econ24 23luglio GKN Melroseplc --- segui Econopoly - Il Sole 24 Ore

Questa rivoluzione industriale non funziona come le altre: non è il progresso a minacciare il futuro dell’auto a combustione, bensì le scelte della politica

) e 8 milioni ancora pendenti (iscritti in bilancio al 31 dicembre 2020 tra i crediti oltre l’esercizio).Anche l’altro stabilimento italiano, la GKN Driveline di Brunico, non appare tanto in salute, dato che dall’ultimo bilancio risulta una perdita della gestione caratteristica di oltre 16 milioni, nonostante l’incremento dell’11% dei ricavi, nonostante gli investimenti effettuati e le nuove linee di prodotti sviluppati.

Open Arms, Salvini: “Richard Gere testimone contro di me al processo” Il comizio no green pass della vicequestora di Roma in piazza San Giovanni: avviata azione disciplinare - video - Il Fatto Quotidiano Da Versace è protagonista il foulard interpretato da supermodelle e star

Su una situazione già molto complessa, perciò, piomba come un meteorite la transizione ecologica.Le crisi di GKN Automotive, Giannetti Ruote eTimken, infatti, mettono a nudo alcune delle illusioni su cui abbiamo costruito la narrativa sulla mobilità elettrica e, più in generale, sulla transizione ecologica.

Che ci fosse un problema dal punto di vista della riconversione industriale e delle prospettive occupazionali, per esempio, era cosa nota.Un’auto elettrica ha un quinto delle componenti mobili di un’auto a combustione interna, questo significa un minor fabbisogno di manodopera sia per la produzione che per la manutenzione. headtopics.com

Chevy Bolt (elettrica) vs VW Golf (tradizionale)Parti mobili + parti soggette a usuraDi conseguenza, gli outlook di settore prevedono che la riconversione dell’industria italiana della componentistica per auto, che impiega circa 600mila persone, potrebbe costare il posto di lavoro a due terzi degli addetti.

Queste prime crisi industriali, però, dimostrano che le aziende chiudono gli stabilimenti “tradizionali” in Italia e aprono quelli “elettrici” in estremo Oriente.Quindi l’Italia non perde due terzi dei posti di lavoro, li perde tutti.Come mai?Il motivo, se vogliamo, è piuttosto banale.

Il nostro Paese ha una lunga tradizione nell’industria del motore a combustione. E non parliamo solamente di marchi storici come Ferrari, Lamborghini, Alfa Romeo, Lancia e Maserati, parliamo di know-how, capacità industriale, brevetti, rapporti privilegiati con i grandi produttori internazionali.

La transizione verso la mobilità elettrica, però, trasforma le automobili in “computer con le ruote”, quindi il cuore tecnologico del veicolo non è più meccanico ma elettronico.Di conseguenza, il mercato si riorienta automaticamente verso l’Asia, che da vent’anni ha il predominio assoluto nell’elettronica di consumo. headtopics.com

Milano, in piazza Duomo per Giorgia Meloni anche i leghisti delusi: 'Più coerente di Salvini, è la vera leader del centrodestra' - Il Fatto Quotidiano Elezioni Islanda, il nuovo Parlamento sarà a maggioranza femminile: è la prima volta che succede in Europa - Il Fatto Quotidiano Gli 80 anni del maestro Salvatore Accardo: 'La musica è stata la mia stella polare'

Giro d’affari dell’industria elettronicaTOP 10, miliardi di euroPechino, in particolare, può contare su due asset strategici ineguagliabili:domina la supply chain delle batterie– il “petrolio” della mobilità elettrica – e può mettere sul piatto un mercato con un potenziale di crescita superiore all’Europa e agli USA messi assieme.

Un mercato, oltretutto, dove per entrare devi dare precise garanzie industriali al governo e in cui, comunque, è sempre meglio essere introdotto da un player nazionale.Non deve stupire, quindi, che le imprese interessate a entrare nel business della mobilità elettrica e i grandi gruppi automobilistici come Volkswagen, Daimler, Bmw, Renault, facciano a gara per siglare partnership con i colossi cinesi.

Supply chain delle batterieCliccare sulla figura per ingrandireDisgraziatamente, l’Italia non solo non fa alcuna politica industriale, seguendo idee altrui che mortificano il nostro interesse nazionale, ma non cerca neanche di diventare attrattiva per gli investimenti, galleggiando al

58° posto della facilità di fare impresa, con una incertezza normativa, amministrativa e giudiziaria a livelli imbarazzanti.Ovviamente, mettendo sul piatto munifici incentivi pubblici, riusciremo ad agganciare qualche colosso internazionale ma non faremo altro che costruire cattedrali nel deserto, permettendo oltretutto arbitraggi e razzie da parte di imprese straniere. headtopics.com

Ma di certo queste manovre non miglioreranno le prospettive del Paese.Il settore dell’ automotive, con il suo indotto, in assenza di un’immediata inversione di rotta rischia di fare la fine dei minatori del Galles.Qualcuno dirà che è colpa dei produttori europei, rimasti indietro rispetto a quelli asiatici. Va molto di moda paragonare la transizione dall’auto tradizionale a quella elettrica con la transizione dalla macchina da scrivere al computer. Il problema, però, è che questa rivoluzione industriale non funziona come tutte quelle che l’hanno preceduta: non è il progresso a minacciare il futuro dell’auto a combustione bensì le scelte della politica.

La GKN di Campi Bisenzio (foto da Il Sole 24 Ore)In poche parole, per la prima volta l’evoluzione tecnologica non è dettata dall’efficienza economica (pur essendo più semplici le auto elettriche sono più costose e meno performanti)ma è imposta per legge dai Parlamenti

In Islanda il parlamento sarà composto in maggioranza da donne Mello molestata durante il reality «La Fazenda»: squalificato Nego Do Borel Salvini: “Al processo Richard Gere sarà testimone contro di me”

, nell’assoluta e colpevole mancata analisi delle conseguenze. Perciò, domandarsi che senso abbia incentivare questa transizione industriale non significa mettere in discussione il progresso o, peggio ancora, dubitare della drammaticità della crisi climatica.

Significa semplicemente chiedersi che senso ha aprire un tavolo di crisi ogni volta che chiude un impianto per la produzione di semiassi, cuscinetti a sfera o ruote, quando l’ipocrita narrativa ecologica, che trova la sua massima interpretazione a Bruxelles, genera una politica industriale che inevitabilmente li porterà a chiudere tutti nel giro di pochi anni.

Non per altro, riprendendo il caso GKN, basta analizzare la società. È la società che agendo come un fondo di private equity controlla la società di Campi Bisenzio, e il cui motto è “buy, improve, sell” (compra, migliora, vendi).

Cosa dovrebbe fare un fondo di investimento se non seguire la narrativa buonista che gli stessi Parlamenti e i vari stakeholder gli impongono?Analizzando il bilancio (Annual Report 2020) della Melrose plc, il packaging è perfetto:gender compliant

, ecosostenibile, straordinariamente e stucchevolmente in linea con il pensiero all’ammasso, compresa la transizione all’auto elettrica.Il tutto, nella rutilante propaganda infantile di coloro che, dopo aver propalato le feroci banalizzazioni del modello-Greta, ignorandone gli effetti, saranno i primi indignati a salire sulle barricate per protestare contro i licenziamenti, senza realizzare che ne è l’effetto logico.

Leggi di più: IlSole24ORE »

Dante, i suoi luoghi nelle foto Alinari e di Massimo Sestini - ViaggiArt

s_capaccioli enricomariutti econopoly24 Melroseplc Transizioneecologica Europa - 1MLD di T. / USA e CINA + 13MLD di T. di CO2 - complimenti siamo i primi della classe. 'Non è il progresso a minacciare il futuro dell’auto a combustione bensì le scelte della politica.' s_capaccioli enricomariutti econopoly24 Melroseplc Bell'articolo, confermo tutto essendo pienamente coinvolto per motivi di lavoro. C'è solo una parte che non condivido. Pensare che i decisori di Bruxelles non sappiano le conseguenze di quello che ci spingono a fare. Invece hanno tutto ben chiaro, anche nei dettagli.

Blog | Le Olimpiadi della parità, ecco le atlete che gareggeranno per entrare nella storia - Alley OopAlle Olimpiadi di Rio 2016 le donne erano il 45% degli atleti in gara. A Tokyo si sfiorerà la parità e anche la delegazione italiana ha numeri da record.

La ricerca del compromesso per difendere la ripresaNel Paese, come in Francia e in Germania, i nuovi casi di contagio a questo punto dell’estate sono un multiplo elevato di quelli degli stessi giorni di luglio di un anno fa. I 63 milioni di dosi somministrate fanno sì che in Italia il numero dei decessi sia molto basso ma in Italia la variante Delta fa sì che i primi segni di un nuovo rallentamento dell’economia inizino ad emergere

La guida perfetta per indossare la borsa bianca in estateDalle passerelle alle celebrities passando per lo streetstyle, ecco tutti i segreti su come abbinare la borsa bianca ai vostri outfit estivi

Mps chiude contenzioso con la Fondazione per per la vicenda Antonveneta: pagherà 150 milioniSi riducono di 3,8 miliardi di euro le richieste risarcitorie che gravano sulla banca

5 modi per aumentare la confidenza con la tua vagina - VanityFair.itLa chiamiamo con diversi nomignoli, eppure non sempre si ha con lei una reale confidenza. Spesso non abbiamo chiara la sua anatomia, come funziona e tutti i fantastici piaceri che può regalare. Per migliorare l’amicizia con la più intima delle BFF, ecco le dritte dell'esperta

La novità di Instagram per migliorare la sicurezza degli account - VanityFair.itDal controllo delle informazioni del profilo al monitoraggio delle attività di login, ecco la funzione dedicata per evitare che l'account ci venga violato