Popolaredibari

Popolaredibari

Banca Popolare di Bari. Due ex manager indagati per crac Fusillo

Accuse di concorso in bancarotta per Gianluca Jacobini e Nicola Loperfido #PopolarediBari

21/12/2019 19.12.00

Accuse di concorso in bancarotta per Gianluca Jacobini e Nicola Loperfido PopolarediBari

Stando agli accertamenti della Guardia di finanza di Bari, la banca, nonostante fosse creditrice di oltre 100 milioni di euro dalle società del gruppo Fusillo, all'epoca in procedura di concordato preventivo, nel marzo 2019 avrebbe erogato in loro favore nuova finanza per circa 40 milioni di euro

Nei confronti di Jacobini e Loperfido il 12 dicembre scorso, alla vigilia del commissariamento della banca, il cda ha avviato le procedure per una azione di responsabilità. L'attenzione della magistratura barese sul loro coinvolgimento nel crac delle società del gruppo Fusillo risale all'estate scorsa, quando la Guardia di Finanza, su disposizione del procuratore aggiunto Roberto Rossi e del sostituto Lanfranco Marazia, ha eseguito perquisizioni nelle sedi delle società poi dichiarate fallite (all'epoca erano indagati per bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio quattro imprenditori) e nella direzione generale della banca.

Astrazeneca, Bersani a La7: 'Speranza ha accumulato errori? No, è il capitano della nave che ci ha portato fuori dalla tempesta' - Il Fatto Quotidiano Il Fatto di Domani del 15 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Bari, è gravissimo il quadro clinico del 54enne in Rianimazione: ischemia dopo il vaccino J&J - Il Fatto Quotidiano

Le indagini della Guardia di Finanza"hanno consentito di far emergere il ruolo della Banca Popolare di Bari - spiegavano gli inquirenti già al momento delle perquisizioni - quale principale creditore delle imprese sottoposte a procedura concorsuale, risultate esposte con l'istituto di credito per una cifra di poco inferiore ai 140 milioni di euro, a seguito delle ingenti linee di credito elargite negli anni".

Stando agli accertamenti dei finanzieri baresi, la banca, nonostante fosse creditrice di oltre 100 milioni di euro dalle società del gruppo Fusillo, all'epoca in procedura di concordato preventivo, nel marzo 2019 avrebbe erogato in loro favore nuova finanza per circa 40 milioni di euro. Un"intervento estremamente oneroso - annotava la Gdf - che si aggiunge ai numerosi già effettuati in passato, sulla cui sostenibilità finanziaria appare necessario investigare". Ed è proprio sulle linee di credito concesse dal 2010 al 2019 dalla banca alle società Fusillo che si sono concentrate le indagini degli ultimi mesi, fino all'attuale ipotesi di bancarotta anche a carico degli ex dirigenti della Popolare di Bari. headtopics.com

Repubblica: ex Presidente Marco Jacobini sarebbe indagatoLa Procura di Bari è al lavoro per ricostruire i rapporti tra i vertici della Banca Popolare di Bari e la Vigilanza di Bankitalia. Secondo quanto ricostruisce 'Repubblica', ai dieci indagati a diverso titolo per falso in bilancio, false comunicazioni al mercato, ostacolo alla vigilanza, estorsione, si aggiunge Marco Jacobini, ex presidente dell'istituto di credito pugliese, che è stato raggiunto da un'informazione di garanzia per corruzione.

Secondo quanto riporta il quotidiano, nell'atto inviato a Jacobini "non viene indicata l'identità del corrotto, ma - scrive Repubblica - questo si potrebbe trovare nella Vigilanza di Palazzo Koch". Tecnicamente, si legge nella ricostruzione,"quello notificato a Jacobini, difeso dall'avvocato Francesco Paolo Sisto, è un avviso di 'proroga indagini', che documenta dunque come questo nuovo filone dell'inchiesta risalga all'inizio dell'estate. Nel documento, la Procura si limita alla semplice contestazione del reato, senza specificarne le circostanze di tempo e di luogo, né chi sarebbe stato il destinatario della corruzione o in cosa si sarebbe concretizzata.

Leggi di più: Rainews »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Suicidi in France Telecom, l’ex a.d. Lombard condannato. «Ci fu mobbing morale e istituzionale»Il super manager francese Didier Lombard condannato con altri due manager dell’ex monopolista delle tlc per l’impressionante catena di suicidi di dipendenti avvenuta 10 anni fa

Bankitalia, regole “à la carte” per salvare l’amico De Bustis - Il Fatto QuotidianoLa capacità del governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco di sostenere tutto e il contrario di tutto, à la carte, nel caso della Popolare di Bari e del suo intoccabile boss Vincenzo De Bustis è stata dispiegata per nascondere il palese appoggio sempre fornito al banchiere pugliese. Per stare ai dati oggettivi, De Bustis è … Una buona lana: 100% Visco sa. Ma come, ora parlate male di Visco? Quando Renzi diceva che non voleva riconfermarlo, lo avete praticamente crocifisso. L unica cosa che mi chiedo e che desidero. I responsabili non devono passarla liscia e i danneggiati devono essere risarciti!!!!

Banche, firmato il rinnovo del contratto nazionale. 'Più protezione dalle pressioni a vendere prodotti finanziari ai clienti' - Il Fatto QuotidianoNel nuovo contratto nazionale dei bancari firmato giovedì dopo un anno di negoziato è prevista anche una “svolta sulla vendita di prodotti finanziari allo sportello“. Lo rivendica il sindacato dei bancari, la Fabi, nei giorni in cui il caso della banca Popolare di Bari riaccende l’attenzione sui casi di clienti con profili prudenti a cui …

‘Ndrangheta, 'Andiamo e parliamo col giudice': Nicola Adamo indagato per traffico d'influenze '50mila euro per aggiustare la sentenza al Tar' - Il Fatto QuotidianoLa segnalazione: c’è “questo amico mio, giovanotto brillante di Catania”, bisogna dargli una mano e aggiustare una causa al Tar della calabria. La risposta: “Andiamo e parliamo con Durante allora…!”. In cambio di 50mila euro. Tanto, secondo la procura di Catanzaro guidata da Nicola Gratteri, sarebbe stato promesso a Nicola Adamo, ex parlamentare ed ex … che ZOZZI ma come il partito degli onesti con cui grillo vuole fare cose fantastiche fino al 2023 capisco tante cose Quando si parla di politici in Calabria specificare questo o quell'altro partito non serve a niente. C'è una situazione di larghe intese criminali permanente.

Processo Kuciak, l’imputato in aula con elmetto e giubbotto antiproiettilePrima udienza per l’omicidio del giornalista e della fidanzata. L’imprenditore immobiliare accusato di essere il mandante «incrocia» in aula i genitori dei due giovani Ma perché il carro armato non ci entrava in aula?

Sul 5G gli Usa rilanciano: le leggi escludano qualsiasi compagnia non affidabile - La StampaDal dipartimento di Stato apprezzamento per la posizione espressa dal Comitato per la sicurezza