Zaki

Zaki

Zaki non torna libero: «Situazione brutta. Siamo 35 in una cella. Mi tenete la mano?»

Udienza negativa. Per l’Italia un sorriso: forza Bologna

16/02/2020 03.09.00

Zaki non torna libero: «Situazione brutta. Siamo 35 in una cella. Mi tenete la mano?»

Udienza negativa. Per l’Italia un sorriso: forza Bologna

Ma poi, ma poi. Appena la tensione si scioglie, il ragazzo ha l’ansia di chi sarà anche sbarbato e avrà i capelli tagliati di fresco e una camicia verdolina ben stirata e porterà pure jeans di marca e scarpe da ginnastica senza stringhe, sembrerà magari uno normale, eppure qui c’è poco di normale. Zaki ostenta calma, non ha segni visibili di botte e sta meglio che all’ultimo colloquio di giovedì, nella calca gli finiamo a fianco e stavolta trema: gli prendiamo la mano sinistra lasciata libera dalle manette e mentre parlano gli avvocati, lui stringe e ascolta le domande che gli sussurriamo. Ti trattano bene? «Very bad situation». Tanto brutta? «Sono in una cella con 35 persone, abbiamo una latrina soltanto, la finestra è piccolissima». Sai che hai intorno tanta solidarietà? «Sì, bene, grazie, bene così». Dai, fai un sorriso, prima o poi tornerai a vedere le tue partite di pallone: che cosa diciamo all’Italia? «Forza Bologna».

Anziani maltrattati e legati a letti in Rsa, 17 indagati - Cronaca Reddito cittadinanza, salta la stretta. Non passa l’obbligo di accettare lavori stagionali Istat, nel 2020 cresce la povertà assoluta, 5,6 milioni, record dal 2005 - Economia

diLa paura ha gli occhi persi d’un ricercatore universitariodi 27 anni, elettrificato come altre migliaia di poveracci per avere scritto che il potere è marcio. Smarrito fin qui in una storia «più grande di lui», come dice il suo amico Gasser Abdel Razek, e in una vicenda che nell’equiparazione a Regeni sta scappando di mano anche agli egiziani. Difensori, diplomatici, giornalisti, pacifisti: la piccola scia del pubblico è una confusione di ruoli, l’udienza era a porte chiuse ma fa nulla, e i poliziotti si confondono pure loro, non sanno chi può e chi no, in una quindicina c’infiliamo dietro Patrick in quel bugigattolo e a sentire quel che ne sarà. Dieci minuti soltanto d’udienza, mezz’ora appena di consiglio e a mezzogiorno il destino si compie: sabato prossimo si discuteranno le accuse di sovversione dello Stato, per cinque settimane non si parlerà più di scarcerazione e ora basta — toc! — la seduta è tolta. La giustizia di Al Sisi se ne infischia che la cristianissima famiglia di Zaki sia lontana parente del papa copto Tawadros II, delle autorevoli telefonate partite in queste ore dall’Europa per evitare l’ennesimo scontro, dei quattro diplomatici Ue (italiano e svedese) ed extra Ue (statunitense e canadese) venuti a «monitorare» questa palese violazione della libertà d’opinione, dei quattro amici d’infanzia saliti dal Cairo, dei quattro avvocati ingaggiati dall’ong Eipr che si batte per i troppi diritti calpestati delle persone.

L’avvocatessa Huda Nasrallah s’accalora fino a irritare i giudici: «L’accusate sulla base d’un profilo Facebook falso! L’avete torturato sei ore in aeroporto! L’avete trattenuto 30 ore illegalmente! L’avete interrogato senza difensore! Gli imputate cose accadute in Egitto mentre lui era in Italia!». Anche Patrick prova a dire la sua, ma a bassa voce: «Io sono solo un ragazzo che era atterrato al Cairo per venire a Mansura a salutare la famiglia. Sono solo un laureato che vuole finire il suo master a Bologna. Voglio solo tornare alla mia borsa di studio. Mi hanno messo in carcere perché hanno letto dei post sull’account d’un nome che non era il mio. Mi hanno denudato per ore in una sala, mi hanno preso a schiaffi in faccia. Lasciatemi libero». headtopics.com

Niente. La sentenza di rigetto non ha bisogno di motivazioni, e infatti i giudici non ne danno agli avvocati che le chiedono. Al caffè Oscar, poco fuori, ci s’abbraccia e un po’ ci si dispera: quando lo rivedremo? E se si facesse venire gente dall’Europa per organizzare un flash-mob al Cairo? «Follie, finirebbe malissimo — dicono all’Eipr — nell’Egitto di oggi è troppo pericoloso fare queste cose». Qualcuno ha scattato una foto a Zaki: come l’hanno portato in aula, così se lo sono ripresi in prigione. Trascinato giù per le scale, la testa schiacciata da un secondino, le manette strette dietro il buio d’una gabbia.

16 febbraio 2020 (modifica il 16 febbraio 2020 | 00:23) Leggi di più: Corriere della Sera »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Qualcuno mi po spiegare cosa c’entra l’Italia è la Unione Europea con attivista egiziano ricercato da settembre dell’anno scorso per motivi di sicurezza nazionale meglio di non mettere il naso negli affari degli altri A nessuno importa! La comunità internazionale tace e l'Egitto fa quello che vuole! Spero vivamente non faccia la stessa fine del caso Regeni e che il governo italiano faccia valere le sue ragioni e, per una volta, difenda i suoi cittadini!

altra fonte dice che sono tutte balle e che zaky sta bene Se Sassoli fa un altro appello, secondo me gli egiziani lo rimandano a Bologna. Un pezzo alla volta. Ma regeni non è italiano

Zaki trasferito, domani l’udienza «Che ci faccio in mezzo ai criminali?»Egitto, il ricercatore spostato nel carcere per i delitti comuni. L’incontro con i genitori dura un minuto Per chi non conoscesse l'italiano :ti spinge a compiere reati facendoti sentire dalla parte giusta. Poi una volta che ti beccano si perde l'amicizia. Perché con noi nessuno vuole trattare a meno ché non ci sia uno stupido da manipolare?

Zaki, la madre di Regeni: Di Maio vergognoso | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Zaki , la madre di Regeni: Di Maio vergognoso | Sky TG24 Si sa Di Maio non può fare nulla, perché è nulla!!!! Solo?

Egitto, arresto Zaki: giovedì 20 febbraio fiaccolata al Pantheon | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Egitto, arresto Zaki : giovedì 20 febbraio fiaccolata al Pantheon | Sky TG24 Le fiaccolate hanno sempre risolto i problemi. Bisognerebbe farle anche per le altre centinaia di ragazzi torturati dagli egiziani che non hanno la fortuna di studiare in Italia Iniziativa utilissima, in egitto gli assassini di Regeni e i carcerieri di Zaki se la stanno facendo sotto. Quando questo paese si farà rispettare all'estero? Corriere messveneto raiportaaporta ilmessaggeroit GiuseppeConteIT luigidimaio nzingaretti tgla7 leggoit affaritaliani Alsisi è sanguinario dittatore, lo aspettiamo al tribunale de l'Aja, Eni o non Eni. Intanto gli Italiani civili disertino il Mar Rosso. PatrickZaky

Sono le Venti (Nove), Bologna si mobilita per Patrick Zaki. Amnesty: 'Egitto usa macchina del fango come fece per Regeni' - Il Fatto QuotidianoBologna, la città in cui Patrick George Zaki frequenta l’Università come studente con il progetto Erasmus Mundus, si mobilità per il giovane egiziano, arrestato e detenuto al Cairo e accusato di essere “terrorista” per una serie di post pubblicati su Facebook. “Sappiamo che ha chiesto i suoi libri per continuare a studiare, un modo per … petergomezblog Quiz. Chi ha messo al potere l'attuale giunta militare in Egitto Un aiutino È oltre atlantico petergomezblog amnesty quell'organizzazione che interviene solo per chi gli pare quando gli pare e se gli pare papavero1993 petergomezblog Più passa il tempo e più ho paura che si possa solo scegliere il colore per un altro braccialetto

Pessina: 'Verona, niente vertigini. Guardare dietro è la nostra forza'Verona, senti Pessina: 'Niente vertigini, siamo intelligenti. Guardare dietro è la nostra forza' serieA premium

Zaki, la madre di Regeni: Di Maio vergognoso | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Zaki , la madre di Regeni: Di Maio vergognoso | Sky TG24 Si sa Di Maio non può fare nulla, perché è nulla!!!! Solo?