Zaki l’italiano in carcere da quattro mesi e i doveri di un Paese

Zaki l’italiano in carcere da quattro mesi e i doveri di un Paese

07/06/2020 08.40.00

Zaki l’italiano in carcere da quattro mesi e i doveri di un Paese

Stiamo facendo qualcosa per lui? E per Giulio Regeni? Doppio zero | La riflessione di Carlo Verdelli

EmailOggi sono quattro mesi esatti che Patrick George Zaki è in prigione nel carcere di Tora al Cairo, la capitale del suo Paese, incolpato di non si sa bene quali malefatte contro il regime di Abdel Fattah al Sisi. Un egiziano alle prese con la malagiustizia egiziana. Affari loro?

G7, Draghi: 'Cina è autocrazia che non aderisce alle regole multilaterali, non condivide la stessa visione del mondo delle democrazie' - Il Fatto Quotidiano Calhanoglu, c'è l'offerta dell'Atletico Madrid Sparatoria Ardea, morto suicida il killer che si era barricato in casa - Tgcom24

120 chilometri dalla capitale, dal settembre scorso si era guadagnato un master europeo all’Università di Bologna, diventando studente in Italia. Dopo aver brillantemente superato un esame complicato, si concede come premio un breve ritorno a casa dalla sua famiglia.

È il7 febbraio, quando non si sono ancora spenti gli echi dell’ultima commissione d’inchiesta parlamentare sulla morte indecente di un altro studente italiano, ma di stanza a Cambridge, Giulio Regeni. I familiari, stremati da quattro anni di inutili battaglie per avere almeno un po’ di verità sulla fine atroce e misteriosa di loro figlio, accusano apertamente di omicidio la «dittatura sanguinaria» di Al Sisi. Tre giorni dopo, Patrick Zaki atterra al Cairo, e forse proprio in quanto «italiano» viene headtopics.com

arrestato, torturato, interrogato senza esitoanche su presunti legami con i Regeni, che non conosceva.Da allora, di 15 giorni in 15 giorni, la sua custodia preventiva viene rinnovata, in attesa di un processo per «istigamento al rovesciamento del governo» che si celebrerà forse tra un anno ma nessuno può dirlo

.Nel frattempo, oltre al sospetto che il suo sia stato un sequestro a scopo di avvertimento alle nostre istituzioni (basta indagini su Regeni), il Covid 19 ha fatto la prima vittima anche nel penitenziario di Tora.Patrick è asmatico: un’infezione polmonare, già debilitato com’è, gli sarebbe fatale.

Stiamo facendo qualcosa per lui? Stiamo continuando a fare qualcosa per Giulio Regeni? Doppio zero.Una democrazia, la nostra, che lascia che due giovani di 28 anni, entrambi impegnati nello studio e nella pratica dei diritti civili, vengano inghiottiti da una ex repubblica socialista guidata da un presidente padrone e supinamente ne accetta l’insolenza, non brilla né per forza né per decenza. Ma anche se magari non sembra, è un problema che non riguarda solo la coscienza di un Paese.

Riguarda il peso che abbiamo, e soprattutto che dovremmo avere, nelle complicate trattative finanziarie che ci attendono al varco a Bruxelles e dintorni.Specie in questo tempo sospeso, imboccato il ponte fragile tra il prima e il dopo Covid, vale la cruda verità annunciata per sempre da Marguerite Duras: «Si crede che quando una cosa finisce, un’altra ricomincia immediatamente. No. Tra le due cose, c’è lo scompiglio». headtopics.com

Rapina e violenta un'anziana: arrestato 26enne nel Comasco Droga a Torino, spacciatore arrestato per la quarta volta in un anno Il Pio Albergo Trivulzio comprò i camici del cognato di Fontana - Il Fatto Quotidiano

Ecco, noi siamo proprio in quel punto, nello scompiglio, in ordine sparso.Se guardiamo giù, da un lato ci affacciamo sul precipizio di una crisi economica senza fondo, dall’altro si scorgono le sagome di un milione di senza lavoro precipitati in un buco nel quale rischiano di essere raggiunti da tanti altri disarcionati dal virus. A guidarci nell’incertezza, tra vaghi «piani di rinascita» (meglio sarebbe almeno cambiargli il nome, visto il passato piduista che evocano) e certezze di ripartenza, a cominciare dalla scuola, instabili come le assi su cui camminiamo, c’è un presidente del Consiglio indebolito dagli attacchi dentro e fuori la sua maggioranza e un pacchetto elettorale previsto per settembre che non gli agevola il comando. La speranza è il soccorso alpino dell’Europa, ma molto dipende dalla compattezza con cui ci presenteremo ai prossimi tavoli e dalla credibilità di nazione che riusciremo a esibire.

E una piccola storia ignobile come quella di Patrick Zaki, gemella, speriamo non negli esiti, con la fine martoriata e mai spiegata di Giulio Regeni, rappresentano due ombre che non aiutano l’immagine di un Paese che dovrebbe fare rispettare, oltre al proprio onore, anche i propri cittadini, naturali o acquisiti che siano.

Rifugiarsi nella ragion di Stato è un comodo espediente per non dire che, oltre un po’ di innocuo baccano diplomatico (compreso il provvisorio ritiro del nostro ambasciatore dopo lo strazio di Regeni, ma dall’agosto 2017 ne è tornato un altro in sede), l’Egitto è un partner da maneggiare con cura sia per gli equilibri geopolitici nella zona sia perché è un più che discreto giacimento di affari.

Oltre all’Eni, più di 130 aziende italiane ci lavorano con ottimo profitto (2 miliardi e mezzo di dollari di fatturato, commesse militari, due fregate della Fincantieri pronte ad essere vendute in loco).Restano qui e là in Italia, per esempio sulla facciata di Palazzo Marino del comune di Milano, gli striscioni gialli con la scritta headtopics.com

«Verità per Giulio Regeni». Bologna tutta, a cominciare dall’università dove non smettono di invocare il ritorno del loro compagno Zaki, è unita nella lotta, per quanto impari. Anche se, dopo quattro mesi, qualche segno di resa comincia a intravvedersi. Fino a una settimana fa, un

, opera di Gianluca Costantini, copriva un’intera facciata del Palazzo dei Notai, vicino a San Petronio. È stato sostituito con il poster di una banca.Unambasciata d’Egitto, realizzato dallo street artist Laika, vede due bravi ragazzi col volto gentile e una barbetta ancora adolescenziale

La moglie di Johnson al G7 con abiti noleggiati Sparatoria in strada ad Ardea: bimbi morti erano fratelli Cina: “Finito il tempo che un piccolo gruppo decideva le sorti del mondo”

. Uno è Giulio Regeni che abbraccia sorridendo il compagno di sventura Patrick George Zaki e lo rassicura:«Stavolta andrà tutto bene». Stavolta, non come a lui. Tutto bene, nelle condizioni date, è davvero un atto di fede. Leggi di più: Corriere della Sera »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

CarloVerdelli Questo articolo è un esempio per tutti, non solo per quello che c'è scritto ma anche per chi lo ha scritto. Grazie Carlo! CarloVerdelli Mi dissocio da tutte le risposte precedenti. Se si legge l'articolo, si capisce anche l'utilizzo dell'aggettivo 'italiano' nel titolo. Grazie CarloVerdelli per averci ricordato la necessità di un'azione tempestiva da parte di governo e ItalyMFA .

Italiano? È egiziano COLPA SUA CHE E ITALIANO! CarloVerdelli Ma cosa pretendete da uno che si fa le foto con i vasi e cerca di occuparsi “male” di cose che non gli competono? Egiziano, non italiano. Giusto per precisare. CarloVerdelli Come è caduto in basso il a livelli di quel cesso di repubblica ma di PalamaraLuca nessuno dei due cessi ne parla?

Ma non era Egiziano?

​Coronavirus, Regno Unito secondo paese al mondo con oltre 40mila mortiMa siamo sicuri che si tratti di coronavirus e non di EBOLA e ce lo nascondono ?

Il ritorno del ponte sullo Stretto, antico mito di un Paese che vive di simboliConte pronto a valutare «senza pregiudizi» l’opera. Che dall’Ottocento resta sulla carta. Ma più che un’infrastruttura, è un’idea a cui attaccarsi Toninelli ha visto la foto e subito ha rilasciato intervista: non capisco cosa vogliate ancora...il ponte lo abbiamo gia fatto! 🤣🤣🤣 Ottimo! Il PD vuole rubare Conte no. È lite E con i terremoti devastanti come la mettiamo?

Il Paese deve tornare alla normalità. Ci vuole il coraggio di decidere quandoPer mesi si è rinunciato responsabilmente a libertà fondamentali: ci vuole una scadenza. Fino a quando con una tendenza al «contagio zero» si potrà tenere il Paese in ginocchio? Il coraggio c'è. Mancano solo i voti. Il coraggio in Lombardia non ha pagato e non paga. Ci vuole Buon senso quello degli esperti.

Rovigo, scosse a morte il figlio di 9 mesi: madre condannata a 12 anni di carcere - Il Fatto QuotidianoHa ucciso il figlio di 9 mesi scuotendolo così forte che i muscoli del collo del piccolo non hanno retto. La Corte d’Assise del tribunale di Rovigo, presieduta dal giudice Angelo Risi, ha condannato a 12 anni di reclusione, Ana Plamadeala, 30 anni, moldava residente a Rovigo, per maltrattamenti nei confronti del figlio Daniel: la … L'infanticidio su una creatura indifesa dovrebbe prevedere pene piu' severe,senza attenuanti anzi con aggravanti quando e' la madre a compierlo. La depressione post partum, ammesso che sia questo il caso, di fronte a tali efferratezze non dovrebbe essere considerata Solo! A testa in giù finché nn muore....

Blog | Razzismo Usa: tre mappe dell'odio (e qualche numero) per approfondire - Info DataPiù di quattro cittadini Usa su dieci affermano che il paese non ha compiuto progressi verso l'uguaglianza razziale, ecco tre mappe per capire meglio C'è qualcosa sull'odio dei neri per i bianchi e degli stessi bianchi, AntiFa e democratici progressisti radicalchic, contro i bianchi che abbiano differenti opinioni da quelle dei talebanidiObama ?😷 parcondicio Il razzista mondiale è bennon consigliere di trump-la-la e salvini. Gli stati conpreso l'Italia lo lasciano fare. Si stava per accampare a Collepardo noleggiando la Certosa con la complicità del clero. Svegliatevi!

Maurizio Costanzo e Maria De Filippi, 25 anni di matrimonio in vista: «Amarsi è capirsi» - VanityFair.itOspite di «Io e te», il celebre giornalista si lascia andare ad tenero pensiero sulla moglie: «Mi sono sposato quattro volte, se sto con lei da 25 anni ci sarà un motivo»