Whatsapp, Privacy, Whatsapp Privacy

Whatsapp, Privacy

WhatsApp, aggiornamento privacy: senza ok stop servizio l'8 febbraio

Leggi su Sky TG24 l'articolo WhatsApp, aggiornamento della privacy: senza ok stop al servizio l'8 febbraio

08/01/2021 23.00.00

In questi giorni WhatsApp sta chiedendo ai propri utenti di accettare i nuovi termini di servizio e le norme sulla privacy. Coloro che si rifiuteranno di aderire non potranno più usare l'app di messaggistica a partire dal prossimo 8 febbraio.

Leggi su Sky TG24 l'articolo WhatsApp, aggiornamento della privacy: senza ok stop al servizio l'8 febbraio

08 gen 2021 - 11:24Agli utenti viene richiesto di aderire a nuovi termini di servizio e regole sulla privacy. L'app di messaggistica ha cercato di chiarire gli scopi di tale meccanismo, anche rispetto ai rapporti con FacebookCondividi:WhatsAppsta chiedendo ai propri utenti di accettare i nuovi termini di servizio e le norme sulla privacy. E, di fatto, si tratta di una scelta obbligata: infatti coloro che si rifiiuteranno di aderire non potranno più usare l'app di messaggistica a partire dal prossimo 8 febbraio.

'Saman? Le politiche di integrazione hanno fallito. E le donne restano invisibili' Roma, Letta: 'Molto negativo il giudizio su Raggi, il candidato giusto è Gualtieri. Affluenza bassa alle primarie di Torino? È il post-Covid' - Il Fatto Quotidiano Covid Campania, De Luca: 'No a mix vaccini per seconda dose'

Novità nella condivisione con Fb solo per gli account businessL'azienda ha fatto sapere all'agenzia AGI che i cambiamenti riguarderanno solo gli account business: "Non ci saranno cambiamenti nella condivisione dei dati conFacebookin merito alle chat non business e alle informazioni sull'account e, per quanto riguarda la messaggistica aziendale, non stiamo imponendo agli utenti di condividere i dati". WhatsApp, che nel 2014 è stata comprata da Facebook per circa 20 miliardi di dollari, ha comunque confermato che ha cominciato a inviare ai suoi circa due miliardi di utenti una notifica sull'informativa sulla privacy e i termini di servizio, ma al solo scopo di fornire "informazioni più chiare e dettagliate ai nostri utenti su come e perché utilizziamo i dati". Formalmente, l’obiettivo è quello di consentire agli account business una più agevole gestione delle conversazioni tra le due piattaforme.

Il rapporto con FacebookVien smentita anche una preoccupazione che era circolata tra gli utenti per questi cambiamenti, ovvero che il mutamento delle norme sia finalizzato all’aumento della quantità dei dati personali forniti dall'app di messaggistica a Facebook, che a sua volta li sfrutterebbe per le pubblicità dirette delle aziende. Sicuramente questo non succederà in Europa, dove è in vigore un apposito regolamento europeo sulla protezione dei dati personali: "Non ci sono modifiche alle modalità di condivisione dei dati di WhatsApp nella regione europea, incluso il Regno Unito, derivanti dall'aggiornamento dei termini di servizio e dall'informativa sulla privacy - ha spiegato WhatsApp - non condividiamo i dati degli utenti dell'area europea con Facebook allo scopo di consentire a Facebook di utilizzare tali dati per migliorare i propri prodotti o le proprie pubblicità". headtopics.com

Le nuove regolenuove regoleall'apparenza non sono molto diverse da quelle precedenti. Sono però più dettagliate. WhatsApp offre a clienti e affiliati "informazioni su ordini, transazioni e appuntamenti, notifiche su consegne e spedizioni, aggiornamenti su prodotti, servizi e marketing" che vengono condivisi con "servizi specifici ad aziende e ad altre organizzazioni". Inoltre, sul sito di WhatsApp si legge che "per gestire i nostri servizi globali, dobbiamo memorizzare e distribuire contenuti e informazioni nei nostri data center e sistemi di tutto il mondo, anche al di fuori dei Paesi di residenza dell'utente e di proprietà dei nostri fornitori di servizi, comprese le società affiliate, o gestita da essi". In sostanza, è vero che non cambiano le modalità, ma potrebbero aumentare invece le aziende con cui WhatsApp scambia dati e informazioni. I dati che possono essere condivisi tra WhatsApp, Facebook e le altre aziende del gruppo non sono solo il numero di telefono e i contatti, il nome e l'immagine dei gruppi, ma anche la durata e la frequenza delle interazioni come singoli utenti e aziende, compresi i dati sulle transazioni e le informazioni sui dispositivi usati.

Leggi di più: Sky tg24 »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Per quello che si legge in Europa i dati(file/chat)non verranno passati a Facebook cosa che invece,accettando i nuovi termini,accadrà nel resto del mondo....praticamente spiati 24 su 24....se ciò avverrà in Europa sarà la volta buona per usalo solo per i “ciao” e “sto arrivando”. E chiamala richiesta..

Eh pazienza, ce ne faremo una ragione. È la volta buona che si passa a telegram emanuela_ct disinstallata immediatamente!

Emanuele Filiberto: «Chiedo perdono per le leggi razziali»Le scuse del figlio di Vittorio Emanuele, e nipote dell’ultimo re d’Italia, Umberto II. «E’ il momento di fare i conti con la Storia. Ma non mi aspetto di ottenere perdono» Dopo questa sto a rivalutà a velocità de internet explorer ... imperdonabile.. Too late

Leggi, leader e alleati, quando M5S vota su Rousseau - PoliticaOltre 300 consultazioni, fra hacker e dubbi su rappresentatività (ANSA) A proposito di Rousseau, vi consiglio vivamente di leggere la vignetta in prima pagina sul Foglio...sto ancora ridendo...

India, ancora proteste dei contadini contro le nuove leggi sull'agricolturaDa novembre decine di migliaia di contadini sono accampati alla periferia di Delhi chiedendo la revoca delle riforme volte a liberalizzare il mercato dei prodotti agricoli Irrispettosi oppure ottusi al messaggio del Pres. Mattarella? Meritereste l’espulsione dal Parlamento!

Leggi anche: l'importanza della cintura giusta nella moda di ogni giornoLa moda di ogni giorno si reinventa con la maxi cintura. In stile boho chic come sulla passerelle di Chloé

Chi sono (e quali diritti hanno) i caregiver: l’identikit e le leggiSono oltre sette milioni, in maggioranza familiari (donne) dei pazienti o degli anziani fragili. Ma hanno pochissime tutele e, con la pandemia, le loro difficoltà sono aumentate. Non sono riconosciuti dalla legge e i relativi fondi sono bloccati 'caregiver'? Una idea bislacca: e se parlassimo italiano invece di svendere la nostra lingua? Parlate italiano

La reazione «inattesa» del muone: così una particella può cambiare le leggi della fisica finora conosciuteI dati dell’esperimento Muon g-2, con l’importante contributo italiano dell’Istituto nazionale di fisica nucleare, indicherebbero fenomeni non descritti dalle attuali teorie