Visco: serve Stato responsabile per gestire fase post emergenza. La ripresa sarà complicata, occorrono ammortizzatori evoluti

Visco, serve Stato responsabile per gestire fase post emergenza. La ripresa sarà complicata, servono ammortizzatori evoluti

06/06/2021 17.38.00

Visco, serve Stato responsabile per gestire fase post emergenza. La ripresa sarà complicata, servono ammortizzatori evoluti

All’evento sono intervenuti anche i ministri Giorgetti e Colao. Il primo ha parlato di Alitalia e blocco dei licenziamenti. Il secondo di rete unica e nodi digitali della Pa

Visco, ripresa complicata, servono ammortizzatori evoluti«La ripresa sarà complicata», ha aggiunto il governatore della Banca d’Italia, sottolineando che con la pandemia si è capita la necessità di avere un sistema «evoluto» di ammortizzatori sociali. «Dobbiamo cambiare sia la domanda sia l’offerta di lavoro. In uno stato di crisi come questo bisogna dare sostegno a coloro che sono in difficoltà, cioè imprese e lavoratori, che siano autonomi o precari», ha detto Visco.

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Università: Bocconi sesta al mondo tra i migliori corsi di finanza

0Visco, a breve carta sostenibilità Bankitalia«Usciremo tra poco con una carta della sostenibilità» degli investimenti della Banca d’Italia, in cui spieghiamo criteri investimenti ambientali. «Questo è un modo di aiutare per spingere in quella direzione», rispondendo ad una domanda sul possibile ruolo dell’istituto come “influencer” sulla sostenibilità

Alitalia non può fare concorrenza a low costAl festival dell’Economia di Trento ha parlato anche il ministro allo Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti. Affrontando il tema Alitalia, il titolare del Mise ha spiegato: «Non ci sono certezze per nessuno in tempo di pandemia e il mercato ne sarà sconvolto. Tutti quanti devono comprendere l’incredibile sforzo per far partire una compagnia pubblica che risponda ai criteri di economicità. Voglio far capire a tutti, compresi i sindacati, che lo sforzo del governo è davvero importante, saranno mesi molto complicati». headtopics.com

Secondo Giorgetti, la compagnia «non può fare concorrenza alle low cost che prendono magari sussidi pubblici da aeroporti di destinazione o da paradisi fiscali. Questa compagnia non potrà fare concorrenza a queste ma a giudizio mio e del Governo dobbiamo trovare una leva internazionale con cui fare sinergia».

Alitalia sarà inizialmente «una compagnia interamente a capitale pubblico», ma poi «l’intervento dello Stato deve contemplare la presenza di un socio privato, dall’imprenditore singolo, al fondo straniero, a quello italiano, ma che creda nel progetto e metta a sua volta la dotazione finanziaria perché altrimenti diventa in qualche modo troppo facile che in ogni situazione di crisi obbliga lo Stato ad intervenire», ha detto il ministro.

«I soggetti privati hanno sempre fallito sul settore del trasporto aereo» ha aggiunto Giorgetti. Ovviamente in un mercato ridisegnato dalla pandemia non ci sono «certezze per nessuno infatti anche i colossi come Lufthansa e Air France hanno dovuto fare importanti iniezioni di capitale pubblico e credo che il mercato ne risulterà un po’ sconvolto perché la clientela business, che faceva quadrare i conti di queste compagnie, verrà ridimensionata».

Blocco licenziamenti? Va rivisto per settori«Credo che il blocco dei licenziamenti sia stata una misura eccezionale e tale deve rimanere, il problema è come gestire questa transizione - ha spiegato Giorgetti -. La ripresa sarà in modo sorprendentemente più veloce di quello che pensiamo ma dipende da settore a settore». headtopics.com

Per Germania-Ungheria l'Allianz potrebbe tingersi di arcobaleno Stop alle mascherine all’aperto, attesa oggi la decisione del Cts Speranza: 'Se i numeri sono calati è grazie ai vaccini'

Secondo il ministro della Lega «deve essere rivisto e collegato al nuovo sistema degli ammortizzatori sociali che non può essere quello del mondo prepandemia». Il blocco dei licenziamenti andrebbe «declinato più utilmente sui settori, ad esempio il tessile avrà una uscita più lenta rispetto ad altri».

Leggi anche5 giugno 2021Su sostegni troppa confusione, mettere ordineIl ministro dello Sviluppo economico ha affrontato anche il tema dei sostegni. «C’è una tale confusione di sussidi e incentivi che c’è bisogno di mettere ordine - ha sottolineato -. Come distribuire gli aiuti? Bisogna capire se l’azienda era già decotta prima della pandemia o se è andata in crisi per la pandemia.

Per fare questo servono dei soggetti valutatori che abbiano una copertura politica nel loro operato. Altrimenti inizia il circolo vizioso perché bisogna salvare a tutti i costi. Serve una politica seria e forte capace di fare anche delle scelte forti, ma con la copertura sociale per chi perderà il lavoro, cercando di reindirizzarli nel mondo del lavoro».

Pnrr, bisogna tornare a fare industriaGiorgetti ha parlato anche del Piano nazionale di ripresa e resilienza da 240 miliardi. «I tavoli di crisi - ha ricordato - sono numerosi ma il tavolo di crisi è uno strumento che comunque va riaffinato. Arriviamo da un ventennio di crisi che è stata declinato con le modalità di ragioneria pubblica. In questo contesto la politica industriale è scomparsa dai radar. Bisogna creare una situazione che renda interessante tornare a fare industria in Italia e consenta di convergere qui gli investimenti stranieri. La grande dote del Pnrr chi la mette a terra? La burocrazia. Ecco perché bisogna reclutare risorse tecnicamente preparate perché altrimenti non serve a nulla. Oggi non ci sono condizioni e competenze. La sfida è avere una struttura adeguata». headtopics.com

Ex Ilva, Giorgetti, impazienti per sentenzaQuando all’ex Ilva, «è chiaro - ha detto Giorgetti - che abbiamo già in testa in modo realistico e pragmatico quale potrà essere il profilo di investimento per arrivare a una produzione che tenga conto delle legittime aspettative in materia ambientale ma continui a produrre acciaio al servizio dell’industria nazionale» ma il quadro per l’ex Ilva si chiarirà «soltanto quando il Consiglio di Stato si pronuncerà, presumibilmente dovremo aspettare fino a metà giugno». «A quel punto - ha continuato il ministro - ci metteremo al tavolo con Mittal per capire che intenzioni, ha come vuole rimanere nella partita». Secondo Giorgetti, nel progetto di investimento «lo Stato può e, in questo caso, deve essere protagonista».

Leggi anche5 giugno 2021Giorgetti: «Credo in riforma giustizia, Cartabia fa lavoro serio»Un passaggio dell’intervento di Giorgetti è stato sulla riforma della giustizia. «Ci credo - ha detto -, e non penso solo al penale ma penso anche alla giustizia tributaria e amministrativa. Dobbiamo fare grandi passi in avanti, Cartabia sta lavorando molto seriamente, abbiamo preso un impegno con l’Ue, è un altro tassello fondamentale della nuova Italia».

Covid, le raccomandazioni dei pediatri: “Vaccinare i ragazzi” Denise Pipitone, Piera Maggio diffida Quarto Grado: 'Frasi offensive nei miei confronti affermate con veemenza inopportuna, senza contegno' - Il Fatto Quotidiano Coronavirus, in Italia 495 nuovi casi con 81.752 tamponi e 21 morti - Tgcom24

Colao: ruolo Stato su innovazione è quello di allenatoreAl Festival dell’Economia di Trento è intervenuto anche Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica e la Transizione digitale. Il ruolo dello Stato sull’innovazione, ha spiegato, è quello di «allenatore, cioè mettere risorse sulle priorità e per favorire la crescita della migliore innovazione ma si deve cominciare nelle aree dove lo Stato è monopolista, cioè la Pa ed i servizi pubblici per poi uscire dal modello normativo che replica il passato. Il Governo lo sta facendo con la riforma del ministro Brunetta, con le assunzioni di giovani e la spesa in formazione, perché lo Stato spende solo 43 euro per dipendente. Dobbiamo essere innovatori ed allenatori e favorire istruzione e ricerca».

Rete unica: Stato garante cittadini non singole impreseRispondendo a una domanda sulla rete unica, Colao ha detto: «lasciamo che piccoli e grandi» operatori «trovino il loro equilibrio, se poi i giocatori non vogliono giocare allora lo Stato dovrà intervenire ma noi dobbiamo garantire l’interesse dei cittadini non di specifiche imprese».

Pnrr, Colao: non ci interessano alleanze attori mobili, ma i cittadini«Il Pnrr - ha continuato Colao - è assolutamente chiaro nel porre degli obiettivi che interessano ai cittadini a cui non interessa con chi lo Stato si metterà in relazione. Chiederemo a tutti gli attori mobili presenti quali investimenti intenderanno fare nei prossimi cinque anni. Alla luce di questo, vedremo se aiutare o meno e come chi darà le risposte per i cittadini. Poi se le strutture faranno alleanze o meno, lo giudicheremo dopo. Se le cose funzioneranno bene, altrimenti si cambierà rotta e lo Stato farà la sua parte».

Banda alta in scuole e strutture sanitarie entro 2027«Il nostro obiettivo - ha affermato il ministro per l’Innovazione tecnologica e la Transizione digitale - è che nel 2027 vogliamo che qualunque casa ,scuola edifico con infrastrutture sanitarie sia connesso a banda alta. Per avere quello che serve nella maniera più efficiente possibile. Immagino che la maggioranza sarà collegato a fibra mentre un’altra parte si farà con il 5g che per allora funzionerà molto bene».

95% server Pa non sono in condizioni di sicurezzaSecondo Colao, «abbiamo il 93-95% dei server della Pubblica amministrazione non in condizioni si sicurezza. Qui nessuno è sicuro e non possiamo andare avanti così, abbiamo bisogno di cloud più sicuri perché i dati sensibili dei cittadini e quelli meno sensibili siano tenuti in sicurezza». Colao ha poi aggiunto: «Dobbiamo andare verso il cloud con la creazione del Polo strategico nazionale. Lo Stato allenatore si aspetta che tutte le imprese diano le loro proposte per creare un polo nazionale sicuro e ridondante le cui chiavi di accesso di crittografia siano in controllo pubblico e in cui possiamo avere i vantaggi di esser al sicuro con la nostra tecnologia».

Colao: su smart working andiamo verso modello mistoColao ha anche detto che stiamo andando incontro «ad un modello misto, un modello di lavoro a distanza che permetterà alla gente di non essere angosciata per essere al lavoro alle 8. Ma ci sono anche elementi di socialità del lavoro e culturali da tenere in considerazione. Dobbiamo stabilire un quadro normativo e giuridico». Sugli aspetti culturali dello smart working, ha proseguito Colao, «non vorrei tornassimo indietro sulla qualità del lavoro femminile, dobbiamo essere attenti in particolare sulla gestione dei pregiudizi».

Leggi di più: IlSole24ORE »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Cioè uno Stato in mano alla Banca d’Italia! Come in effetti lo è. Ma sta parlando dello stato italiano? 🤔 Più responsabile di così che cosa si può fare? Aprono e lo fanno a rischio calcolato mai azzardato, chiudono per precauzione e vaccinano per convinzione che la ripartenza inizia dal vaccino ... Poi se parliamo di responsabilità delle varie entità politiche allora si vuole troppo

Notizie nuove sulla Marcegaglia ilsole24ore

Il critico Riccardo Bocca a Barbara d'Urso: «La tua tv avvelena il pozzo della decenza»Forse, l'era della condurtrice Mediaset sta davvero finendo Dalle stelle alle stalle !!! Il passo è breve !!!! 🙏

Il notaio non risponde dell'errore sullo stato civile del mutuatario se si è fidato della bancaPer la Cassazione, sentenza n. 15599 depositata oggi, il professionista non deve obbligatoriamente ricorrere a testimoni per accertare generalità e matrimonio

Giorgetti: 'Rivedere il blocco dei licenziamenti per settori e aiuti di Stato solo per i meritevoli'Il ministro dello Sviluppo economico difende gli interventi statali su Ex Ilva e Alitalia. E sul blocco dei licenziamenti è duro: «Misura una tantum»

La rottura di Marx: “Pedofilia, la Chiesa è a un punto morto” - Il Fatto QuotidianoSiamo allo “scisma marxista”? Da più parti l’allarme circa le spinte “eccessivamente riformatrici” interne alla Chiesa tedesca era già stato lanciato. Ieri poi, la notizia delle dimissioni del cardinale Reinhard Marx da arcivescovo di Monaco e Frisinga, che ha messo la firma alle sue rimostranze in calce alla lettera inviata a papa Bergoglio. Il motivo: … marcotravaglio ConferenciaEpi2 ConferenciaEC Eccolo sciacallo! Parlaci delle primule, dei banchi a rotelle e di Immuni, pagliaccio!

Sudtirol, assolto il giornalista che denunciò l’abuso di pesticidi nella coltivazione di mele - Il Fatto Quotidiano“Das Wunder von Mals” (“Il miracolo di Malles”), il libro che ha denunciato l’abuso di pesticidi nella coltivazione delle mele in Alto Adige, è stato assolto dall’accusa di diffamazione aggravata. Il suo autore, l’austriaco Alexander Schiebel, era imputato a Bolzano per le querele presentate da 1.367 coltivatori e dall’assessore provinciale all’agricoltura Arnold Schuler. Si erano … Quindi, se non è diffamazione è verità? Chiedo per un amico che mangia tanta frutta.

Giornata mondiale dell’ambiente, il tempo stringe per salvare il pianetaNella ricorrenza di oggi riflettori accesi sulla lotta al cambiamento climatico e all’inquinamento per salvare gli ecosistemi terrestri Ma cosa mi salvate , ingordi . Trasformare il fotovoltaico in un elettrodomestico ha richiesto 9 anni di confronti e schermaglie con la burocrazia Italiana! - Ora non abbiamo più tempo! Serve una semplice presa elettrica di casa per diventare protagonista in prima persona.