Torino%2Cscuola%2Csicurezza

Verifiche strutturali al Copernico: scuola chiusa e 1700 studenti a casa - La Stampa

Gli studenti: “Trovati vetri rotti e calcinacci”. Dal sito ufficiale l’Istituto di corso caio Plinio a Torino: “Chiudiamo per una verifica ispettiva”

09/01/2020 01.03.00
Torino%2Cscuola%2Csicurezza

Gli studenti: “Trovati vetri rotti e calcinacci”. Dal sito ufficiale l’Istituto di corso caio Plinio a Torino: “Chiudiamo per una verifica ispettiva”.

Gli studenti: “Trovati vetri rotti e calcinacci”. Dal sito ufficiale l’Istituto di corso caio Plinio a Torino: “Chiudiamo per una verifica ispettiva”

22:01TORINO. L’annuncio  è arrivato nella serata di oggi, mercoledì 8 gennaio: «Il 9 gennaio la scuola resta chiusa per una verifica ispettiva della Città metropolitana di Torino». Questo il testo della e-mail ricevuta da genitori e studenti dell'istituto Copernico-Luxemburg, firmata dal dirigente scolastico, Fulvio Genero. Oggi cancelli chiusi e niente lezioni nelle aule di corso Caio Plinio, che ospitano 1700 studenti. «Seguirà comunicazione per i giorni successivi» prosegue la mail, che ha messo in allarme mamme e papà. Nessun dettaglio ulteriore. Bocche cucite dall'ex provincia. Pure il preside ha preferito non esporsi.  Si sa, però, che questa mattina i tecnici si sono presentati a scuola per una serie di accertamenti strutturali.

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Cts: stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno

«Erano lì per delle verifiche sui solai, programmate da tempo» spiega la vicepreside, Liliana Garciel. «Non c’è alcun allarme. Le verifiche proseguiranno domani mattina solo perché i tecnici non sono riusciti a concluderle in un giorno. La scuola sarà chiusa per comodità, per evitare spostamenti degli alunni da una classe all’altra. Ma nel pomeriggio riaprirà». Gli studenti, invece, si dicono preoccupati. Ieri sulle chat dei i ragazzi circolavano messaggi dei rappresentanti d’istituto che parlavano di accertamenti «sulle condizioni dei controsoffitti dell'auditorium, chiuso da qualche mese per il crollo di un pannello». Si parlava anche di vetri «crepati spontaneamente» e del cedimento in un controsoffitto al Luxemburg: «La situazione sembra essere seria».

©RIPRODUZIONE RISERVATAQui andrà inserito il messaggio del Direttore, esempio:"Chiunque ha il diritto alla libertà di opinione ed espressione; questo diritto include libertà a sostenere personali opinioni senza interferenze...." headtopics.com

Leggi di più: La Stampa »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Scuola, uno studente su due ancora indeciso nella scelta delle superioriPartono il 7 gennaio le iscrizioni scolastiche online: quasi la metà dei ragazzi dell'ultimo anno della scuola secondaria di primo grado (44%) non ha ancora le idee chiare su quale scuola secondaria di secondo grado scegliere

Nucetto, il faggio ultra-centenario abbattuto dalla neve cerca casa nel museo - La StampaDa 150 anni accompagna la vita del piccolo centro: quando è caduto, qualche settimana fa, è arrivata la proposta di trovargli uno spazio tra i cimeli cittadini. Un museo, evidentemente, dove non c'è niente da esporre!

La nuova elettorale e il profumo di un ritorno al 1946 - La StampaIl 2020 inizia con i soliti fermenti politici. Nuovi partiti, cambi di casacca e soprattutto trattative per una nuova legge elettorale, per sostituire l’attuale “Rosatellum”, che non piace a nessuno. Ora pare che ci sia un accordo Di Maio – Zingaretti per una legge proporzionale con soglia di sbarramento. La legge elettorale è da sempre il crocevia della nostra forma di governo. Perché non è semplicemente il modo per trasformare i voti in seggi. Visto che i diversi modelli elettorali possono incidere in maniera decisiva sulla formazione delle Camere: come tutti ricordiamo, nel 2006 la coalizione di Romano Prodi prese meno voti di quella guidata da Silvio Berlusconi, eppure ebbe più seggi in Parlamento, grazie al premio di maggioranza del c.d. Porcellum. In queste settimane, dopo le spinte del centro destra verso un sistema tutto maggioritario, ora sembra che si converga sul maggioritario. Siamo tornati al 1946? Anche dopo la caduta del fascismo, dovendo votare la Assemblea costituente prima ancora che le nuove camere ci fu un acceso dibattito sula legge elettorale che doveva sostituire la legge Acerbo. Anche lì si confrontavano partiti molto diversi che avevano molto timore di non prevalere. Democristiani, comunisti, socialisti, liberali e finanche i monarchici alla fine convennero sulla tipologia di legge che poteva garantire a tutti il numero di seggi il più possibile corrispondente al numero dei voti ottenuti da ciascuna formazione politica. Cioè il proporzionale semplice. Così si arrivo al decreto legislativo luogotenenziale 10 marzo 1946 n 74 che scelse la legge elettorale per la assemblea costituente. E venne confermato anche per le elezioni politiche del 1948. In fondo con il proporzionale semplice non si garantisce la governabilità , ma si assicura la più fedele rappresentanza delle forze in campo. E in questa fase di tre (o forse quattro) poli in campo, con grande fluidità di elettorato, forse siamo in una situazione molto simile a quella del 1946. Allora è

La corsa al 2021 e le mosse degli ultimi tre sindaci - La StampaCastellani, Chiamparino e Fassino potrebbero contribuire a orientare scelte e assetti nel centrosinistra. E da Milano Sala osserva per niente disinteressato

Hyundai e Uber, al Ces di Las Vegas il taxi elettrico volante - La StampaAl progetto Uber Air partecipano anche Boeing e Bell: il lancio commerciale è in programma per il 2023.

Rivolta e roghi al centro di permanenza di corso Brunelleschi: sei arresti - La StampaCinque sono magrebini, un sesto è algerino. La Questura di Torino: “Danni in altri Cpr in Italia, seguono una strategia comune”. Fateli ora mangiare e dormire al freddo....vediamo se la prossima volta incendiano ancora le strutture