Italia, Crisi Climatica, Stefano Liberti

Italia, Crisi Climatica

Venezia mostra che l’Italia è nel bel mezzo di una crisi climatica

Venezia mostra che l’Italia è nel bel mezzo di una crisi climatica. L'articolo di Stefano Liberti.

14/11/2019 14.46.00

Venezia mostra che l’ Italia è nel bel mezzo di una crisi climatica . L'articolo di Stefano Liberti .

L’acqua alta che ha sommerso la città è un sintomo emblematico di quanto la crisi climatica stia incidendo sulla fisionomia dell’ Italia . Leggi

Dati preoccupantiQuesto è quello che sta accadendo oggi: un ripetersi di eventi estremi che stanno flagellando il paese, distruggendo territori, fiaccando comunità intere. È passato poco più di un anno da quandola tempesta Vaiaha cancellato una parte rilevante dei boschi nel nordest dell’Italia. Venti con una velocità superiore ai 200 chilometri orari hanno divelto in poche ore milioni di alberi: “Quanto è successo qui l’anno scorso è qualcosa di assolutamente inedito”, ricorda Severino Andrea De Bernardin, sindaco di Rocca Pietore, tra i comuni più colpiti dalla tempesta in Veneto. “Qui sono esondati trenta torrenti e si sono schiantati 600mila alberi – 500 per ognuno dei nostri 1.200 abitanti”.

Salvini da Draghi per parlare di stato di emergenza e mascherine Mascherine, c'è l'ipotesi di toglierle all'aperto dal 15 luglio I Maneskin sul New York Times: 'Conquisteranno il mondo?'

Il piccolo comune del bellunese è circondato da montagne dove ancora si vedono i segni del disastro: i boschi che ne coprivano i fianchi sono diventati un manto di tronchi abbattuti. Il che aumenta il pericolo di valanghe in caso di nevicate forti. “Ormai passo le giornate a guardare ossessivamente il meteo”, dice il sindaco preoccupato.

pubblicitàL’acqua alta a Venezia o la tempesta Vaia fanno notizia per l’entità dei danni, per il numero di persone colpite e per l’alto valore simbolico. Ma non sono altro che la punta di un iceberg con cui tutti noi siamo chiamati a fare i conti. Basta prendere i dati dell’ headtopics.com

European severe weather databaseper vedere come in Italia l’evento straordinario sia ormai diventato ordinario. Secondo questo database, che registra tutti gli eventi estremi – tornado, piogge torrenziali, grandinate eccezionali, tempeste di neve, valanghe –, dall’inizio del 2019 si sono verificati 1.543 eventi di questo tipo in Italia. Circa cinque al giorno.

Un dato preoccupante, che assume una valenza ancora più inquietante se lo si confronta con quello di paesi come la Spagna, che nello stesso periodo ne ha avuti 248, o il Regno Unito, che ne avuti 190. Se guardiamo alla serie storica di questi tre paesi, osserviamo una progressione ancora più preoccupante: in Italia nel 2009 si sono verificati 213 eventi estremi, in Spagna 219, nel Regno Unito 47. Nel 1999, in Italia se ne sono registrati 17, in Spagna 24, nel Regno Unito 27. Questo vuol dire che nel nostro paese il fenomeno cresce velocemente.

“Per la sua particolare posizione geografica, in mezzo al mar Mediterraneo, l’Italia è da considerarsi uno hot spot climatico, un luogo cioè dove il cambiamento climatico è più rapido”, dice Gianmaria Sannino, responsabile dellaboratorio di modellistica climatica e impatti

dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea), che studia la situazione nel Mediterraneo e ha previsto che da qui al 2100 ci sarà un aumento del livello del mare di almeno un metro. “Il livello del Mediterraneo si alza più rapidamente rispetto all’oceano, e soprattutto si scalda. Il che libera più energia nel sistema atmosfera-mare e rende più probabile i fenomeni estremi”. headtopics.com

Lega, il capannone di Cormano venduto alla Lombardia film commission per 800mila euro? Fu comprato per mille euro - Il Fatto Quotidiano Caso AstraZeneca, bocciate Regioni e Cts: gli italiani salvano solo Draghi e Figliuolo Scarpinato: 'Il depistaggio su via D'Amelio è ancora in corso'

Che fare di fronte a questa serie di disastri? Forse per prima cosa sarebbe il caso di cambiare prospettiva, riconoscendo che siamo nel bel mezzo di una crisi climatica e che dobbiamo dotarci di strumenti di adattamento il più efficaci possibili per affrontare quella che presumibilmente non sarà un’emergenza inaspettata, ma una nuova normalità.

Leggi di più: Internazionale »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

E non solo climatica... A tal proposito interessantissimo anche il punto di vista di Arrigo Cirpiani a l'Ariachetira, ancora una volta testimone della forza e voglia di fare dell'imprenditoria sana di tanti imprenditori! ...vabbè

Giovane detenuto in Inghilterra, l’appello della famiglia al premier Conte: “Errore clamoroso, vittima di trafficanti di droga: aiutateci” - La StampaIl diciottenne di Mondovì è in carcere nel Regno Unito da quasi quattro mesi.

La storia di Blanco, il gatto che vive con un topo sempre “addosso” - La StampaAbbandonato per strada è stato ritrovato nel vano bombole di un’auto in cui si era rifugiato e ora cerca famiglia insieme al topolino che ha disegnato su un fianco fulviocerutti Se è per questo anche Berlusconi aveva le zoccole sempre addosso

Moda e inquinamento, il problema delle tintureQuando si pensa all’impatto della moda sull’ambiente, discariche e plastica sono spesso in primo piano, ma non le tinture. Vogue ha intervistato gli esperti per parlare del problema dell’inquinamento nella moda e delle soluzioni (come le tinture naturali) per un futuro più sostenibile

Mose Venezia, chi è Elisabetta Spitz, il commissario straordinario | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Mose Venezia, chi è Elisabetta Spitz, il commissario straordinario | Sky TG24 Ennesima figura inutile. un altra che non capisce un cazzo.... Ah perol...

Cultura della crescita: la voce che mancaLa sensazione prevalente è nel governo giallorosso prevalgano i cultori del risarcimento assistenziale e del ridimensionamento della manifattura | L'editoriale di Dario Di Vico per il Corriere Non può esserci crescita in un paese dove ti curano per pagare le tasse...

Lutto nel mondo del ciclismo: addio a Poulidor, l’eterno secondo - La StampaAveva 83 anni. Resta, ancora oggi, il corridore che più volte ha conquistato il podio della Grande Boucle pur non avendola mai vinta