Vende la droga a domicilio, dopo la scuola ragazzini in coda da «nonno pusher»

Vende la droga a domicilio, dopo la scuola ragazzini in coda da «nonno pusher»

04/02/2020 09.21.00

Vende la droga a domicilio, dopo la scuola ragazzini in coda da «nonno pusher»

L’abitazione, attrezzata di tutto punto, nei pressi di Citylife. La polizia arresta un commerciante in pensione che spacciava hashish e marijuana

EmailStrano, stranissimo personaggio, il 73enne ex commerciante (E.J.A. le sue iniziali). Nato in Libia, da una vita a Milano, vedovo, padre di tre figli che abitano altrove, proprietario di oltre centocinquanta metri quadrati in via Vincenzo Monti, a breve distanza da Citylife, era soprattutto un rifornitore di droga per i ragazzini di mezza città. Venivano anche da quartieri lontani, i minorenni usciti da scuola e in cerca di hashish e di marijuana di buona qualità. Lui era una garanzia, come conferma la sua fedina penale (era stato arrestato nel 2017 sempre per spaccio, gli sequestrarono un chilo e mezzo di marijuana) e come conferma la rigorosa organizzazione nell’elegante abitazione: bilancini di precisione, cellulari e sim, tablet, diversi barattoli di vetro che contenevano differenti tipologie di droga, denaro liquido, e strumenti per il confezionamento come coltelli e forbici di piccole dimensioni.

Euro 2020, malore per Eriksen durante Danimarca-Finlandia Eriksen si accascia: è a terra privo di sensi, compagni in lacrime. Diversi massaggi cardiaci Euro 2020, Danimarca-Finlandia finisce 0-1. Belgio-Russia 3-0

Il 73enne, da quell’appartamento, non usciva mai.Una presenza impalpabile, nel palazzo. Non fosse per il sempre più frequente pellegrinaggio di adolescenti. Il commissariato Sempione diretto da Anna Laruccia ha operato indagini e arresto. Il 73enne è finito dritto in carcere, a San Vittore. Una delle caratteristiche delle direzioni di Laruccia è l’esortazione al lavoro di strada, con la centralità delle squadre investigative. L’attività vera degli sbirri del resto è questa, altrimenti senza informatori, sopralluoghi e pedinamenti puoi anche pregare ma i risultati non arrivano. La cattura di E.J.A. rientra in una due giorni, tra venerdì e sabato, che ha visto il commissariato Sempione impegnato in altre zone nella caccia a spacciatori. Ma il colpo grosso rimane l’ex commerciante. L’indagine è ancora in pieno svolgimento. L’analisi dei suoi apparecchi elettronici fornirà elementi interessanti. Davanti agli investigatori, E.J.A ha taciuto. Per reale stanchezza oppure, più probabile (il soggetto è furbo e smaliziato) per prendere in giro chi lo interrogava. Forse conta sull’età per uscire tra poche settimane di galera e magari finire ai domiciliari. Non sembra versi in drammatiche condizioni economiche che hanno potuto «obbligarlo» allo spaccio. È stata una sua scelta, come era successo in occasione del precedente arresto.

I barattoli trovati dagli agenti non erano stati occultati. Stavano in bella mostra su un tavolo. Erano sedici, ognuno con una lettera incollata al vetro a designare le specificità della singola droga. Ulteriori «notizie» raccolte sul territorio hanno consentito alla squadra investigativa del commissariato di accertare la fama a Milano del 73enne, perché giovani e giovanissimi lo conoscono. Del libico si parla in corridoi di licei e scuole medie, tanto da renderlo comunemente noto come «nonno droga» oppure «nonno pusher». All’incalzare degli inquirenti che gli hanno messo davanti l’oggettività dei dati, per appunto vendere stupefacenti a minorenni, non ha aperto bocca né, racconta chi ha potuto assistere all’incontro, ha concesso una qualsiasi espressione facciale, anche minima, a documentare una sorta di dispiacere, un minimo pentimento, magari pure recitato. Nessuna commedia. Un navigato soggetto che fa il duro e che non concede sconti, dietro vestiti costosi, occhialini da intellettuale e modi cortesi. Sembra che lo stupefacente gli venisse consegnato a domicilio. Il suo passato, del quale abbiamo già detto, invita a non considerarlo il solito insospettabile che si presta a smazzare per conto dei veri spacciatori. Dunque un semplice figurante. Niente di tutto questo. Il vero giro è più ampio e articolato, e forse il reiterato silenzio è (anche) una protezione verso altri importanti pusher del quartiere. headtopics.com

Leggi di più: Corriere della Sera »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Gli anziani che distruggono i ggiovani! La droga

Coronavirus, quattro regioni del Nord chiedono 'isolamento' per alunni cinesiAzzolina: 'No motivi per escludere alunni da scuola'. A Torino una giovane cinese è stata fatta scendere da un bus Noi del Sud chiediamo l'isolamento per i nordisti ...che rimangano nelle loro regioni piene di smog e odio 🤔🤔 Chissà perché sono regioni razziste e fasciste

Metro A, dopo un anno riapre della stazione BarberiniDopo undici mesi di chiusura per guasti alle scale mobili, la stazione sarà accessibile solo in uscita, ma non dalla piazza esterna omonima: ancora nessuna data precisa per la riconsegna completa

Milano, chiude in casa la fidanzata dopo una violenta lite: arrestato | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Milano, chiude in casa la fidanzata dopo una violenta lite: arrestato | Sky TG24 Almeno non l'ha ammazzata... Pazzesco. Psycho.

Metro Roma, dopo un anno riapre la fermata Barberini, ma solo in uscita. La sindaca Raggi: 'Troppo tempo, ma la sicurezza viene prima' - Il Fatto QuotidianoDopo un anno di chiusura a Roma riapre la stazione di Barberini, sulla linea A. Una buona per i passeggeri, ma solo a metà: potranno scendere, ma non salire a una delle fermate più affollate del centro, a poca distanza da Fontana di Trevi. Il 23 marzo 2019 era stata chiusa dopo il cedimento improvviso … 😡😱😱😱😱😱😱 Meglio tardi che mai In cina in 10 giorni ti fanno un ospedale con una capienza di 10.000 posti letto, e a Roma capitale per aprire in uscita la metro 1 anno ... Per aprirla nell'altro senso un altro anno? Vergognarsi quando?

Droga, controlli in discoteca nel Palermitano: segnalate 12 persone | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Droga, controlli in discoteca nel Palermitano: segnalate 12 persone | Sky TG24

Ahi Handanovic, è 'infrazione' al mignolo sinistro. A rischio il Milan?Il club fa sapere che le condizioni del portiere saranno valutate giorno dopo giorno. Incerta la sua presenza per il derby