Valentinaferragni

Valentinaferragni

Valentina Ferragni: «Ci vuole coraggio per amarsi davvero» - VanityFair.it

La sorella minore della più celebre influencer italiana non è immune agli attacchi di bodyshaming. Anzi. L'abbiamo intervistata 👇 #ValentinaFerragni

02/10/2020 11.30.00

La sorella minore della più celebre influencer italiana non è immune agli attacchi di bodyshaming. Anzi. L'abbiamo intervistata 👇 ValentinaFerragni

La sorella minore della più celebre influencer italiana non è immune agli attacchi di bodyshaming. Anzi. Ma l'accanimento nei suoi confronti le ha permesso di acquisire un'invidiabile autoconsapevolezza. E, soprattutto, autostima. Perché l'amore per se stessi è la cosa più importante

difetti» (così li definiscono i suoi detrattori, quando in realtà trattasi, chiaramente, di «caratteristiche») fisici, anche. Ma l’accanimento prolungato non ha scalfito il suo buonumore, il suo sorriso e, soprattutto,la sua voglia di parlare di un tema

Eriksen si accascia: è a terra privo di sensi, compagni in lacrime. Diversi massaggi cardiaci Il doppio livello di Matteo Salvini: il sostegno al premier e le accuse in stile No vax Euro 2020, malore per Eriksen durante Danimarca-Finlandia

che spesso ha già affrontato anche in passato, nei suoi post da centinaia di migliaia di like su InstagramVanessa Incontrada sulla copertina diVanity FairChe cosa ne pensa, intanto, della copertina diVanityFair?«È molto forte, l’ho anche ripostata. Ha scatenato un grande dibattito. Nessuno va mai bene per quello che è, questo è il fatto. Prima Vanessa è stata criticata per essere un po’ ingrassata dopo la gravidanza, ora è criticata per non essere abbastanza grassa e per non avere abbastanza difetti per una copertina di questo genere, come se non fosse titolata a dire “Nessuno mi può giudicare” perché troppo perfetta. Ci vuole molto coraggio a farsi vedere nudi in tutto e per tutto, anche coi propri difetti. Perché tutti abbiamo parti del nostro corpo che magari ci piacciono meno, e che tendiamo a nascondere».

Lei poserebbe nuda?«Non mi è stato mai proposto, non ci ho nemmeno mai pensato. Sono una ragazza pudica. Ma valuterei questa possibilità. Non ci vedo niente di male. Ci vuole coraggio: sicuramente mi arriverebbero ancora più critiche di quelle che già mi arrivano per le foto in cui sono vestita». headtopics.com

Ha scritto, tempo fa: “Mi dispiace che la mia normalità sia considerata come anormale. Fino a qualche tempo fa le ragazze vedevano le modelle, tutte molto magre, e cercavano di imitarle. Ma oggi non è più così: bisogna essere se stessi”. Sacrosanto. Non crede però che Instagram, i filtri e i fotoritocchi alla portata di tutti abbiano creato un immaginario anch’esso non naturale, né raggiungibile.

«Instagram ti fa certamente vedere spesso una realtà che non è vera. Ma in tutto, non solo nei corpi: le vite di molti sembrano perfette e splendide, ma sappiamo che non può essere proprio sempre così. Ma il problema non è solo Instagram. Anche i giornali hanno creato una perfezione che molti ambiscono ad avere. Il problema sono le persone che seguiamo. Io non seguirei qualcuno che non mi dia stimoli positivi che mi facciano migliorare. Bisogna scegliere, anche quali programmi guardare in tv e quali giornali leggere. Instagram è certamente un mondo che, se ti svegli una mattina in una giornata no, stai a casa magari col ciclo e vedi tutti al mare con fisici scultorei che si divertono… ecco, magari non aiuta. Però si può anche decidere di seguire chi si mostra anche con la sua cellulite e i suoi difetti, e ti fa capire che si può stare benissimo anche così».

È stata spesso attaccata.«Tutti i giorni, anche ieri…».Qual è la critica più feroce che le è stata mai fatta?«Qualsiasi attacco sul fisico può fare male. Le critiche, quelle costruttive, certamente le accetto. Se mi dicono che un certo costume non valorizza il mio fisico, accetto e ne faccio tesoro. Altra cosa sono i messaggi puramente denigratori, tipo “sei gigante, dimagrisci perché sei un pallone”».

Sembra una forte, con consapevolezza di sé. Nessun commento l’ha davvero fatta soffrire?«Forte lo sono diventata col tempo. All’inizio ne soffrivo molto. Fa male quando vieni criticata per una cosa che non puoi cambiare. Perché metti le canottiere, tu che hai le spalle così larghe? E io dicevo: “Sono nata così!”. Ma, anche potendoci fare qualcosa… l’eventuale problema sarebbe mio o tuo? Ho notato che anche se avessi provato a cambiare per piacere agli altri e fossi diventata una taglia 40, più tonica di tutte le modelle di Victoria’s Secret messe assieme, se mi fossi laureata in ingegneria aerospaziale e avessi cambiato cento colori di capelli, ci sarebbe sempre stato qualcuno pronto ad attaccarmi. Ho imparato ad accettarmi per quello che sono e ad apprezzarmi nei limiti del mio corpo, ma anche nei miei cambiamenti fisici, e persino mentali. Resto comunque dell’idea che sia giusto migliorarsi, sempre, ma questo è un altro discorso». headtopics.com

Euro2020, la commovente staffetta di cori dei tifosi danesi e finlandesi per Eriksen No ai cittadini 'da vaccinare come vacche', no alla 'lotta all'evasione punita più dello stupro': ecco il Michetti pensiero Euro 2020, Danimarca-Finlandia finisce 0-1. Belgio-Russia 3-0

In questo processo di comprensione di quello che si è, può servire anche trovare un compagno che ti dice “sei bellissima”, o non c’entra nulla?«Il parere sincero di una persona che ci ama forse ci può fare capire che poi tanto critici verso noi stessi non abbiamo motivo di esserlo. Ma al di là dei complimenti, quello che è importante è riuscire ad amare se stessi. Solo a quel punto capisci che i complimenti degli altri sono veri.

Quando ti piaci brilli di una luce diversa. Noi donne siamo state bombardate per anni da messaggi del tipo “guarda lei come è bella”, tanbto che oggi è veramente difficile riuscire ad amarsi».Vale solo per le donne?«Vale anche per gli uomini, ma tra le donne c’è più critica. A me gli attacchi arrivano di più dalle donne».

È invidia?«Non credo si tratti solo di quello. A volte penso quasi sia frutto della noia. Attaccare il fisico è il modo più facile per attaccare una persona che non conosci».Ha detto: “Magari non rappresento l’idea della perfezione, ma preferisco essere imperfetta e accettarlo”. Chi era il suo ideale di perfezione quando ancora non aveva questa consapevolezza?

«Da piccola amavo Jessica Biel, ma per il viso. Non sono mai stata ossessionata dal corpo di nessuna star. Non ho mai avuto, per fortuna, canoni estetici cui aspirare. Certo, oggi mi capita di vedere Tizia o Caia con addominali perfetti, e allora mi dico: “Se mi impegno, forse anche io posso migliorarmi”. E poi capisco che se anche non divento come lei va benissimo così». headtopics.com

Le donne dicono che tutte le fisicità sono belle e giuste. Ma poi comprano creme anticellulite, si ammazzano di palestra, fanno diete mostruose… Predicano bene e razzolano male?«Non mi sembra un atteggiamento contraddittorio. Credo sia legittimo volersi migliorare, che non significa necessariamente voler dimagrire. Il miglioramento non va cercato allo sfinimento, bisogna saper arrivare al punto nel quale si riconosce il proprio miglioramento, quale che sia, e lo si riesce ad apprezzare. Non tutte dobbiamo essere 50 chili per un metro e ottanta. Ho notato che qualche anno fa gli slogan della pubblicità erano: “dimagrisci 5 chili in 5 giorni!”. Oggi si sponsorizza il “5 sport per vivere bene”, o “la dieta che ti fa sentire più bella”. Il cambiamento deve essere mentale, deve portarti a stare bene, prima di tutto».

L’essere sorella di Chiara ha fatto sì che le critiche e gli attacchi nei suoi confronti fossero ancora più feroci e frequenti?«Il paragone con Chiara c’è stato da sempre e ci sarà sempre. Siamo sorelle, siamo cresciute sotto lo stesso tetto, e inevitabilmente abbiamo gli stessi tipi di valori e di ambizioni. Anche ieri mi hanno scritto: “Potrai essere carina quanto vuoi, ma non potrai mai essere bella come tua sorella, lei ha un fisico bellissimo e tu è meglio che ti copra”. Ma poi il bello oggi è così soggettivo, non c’è un fisico perfetto che piaccia a tutti».

Europei, il momento in cui Eriksen si accascia a terra Kjaer, «capitano ed eroe»: per primo ha soccorso Eriksen e ha chiesto ai compagni di fargli scudo Omar Pedrini operato al cuore: l’operazione durata cinque ore. Ora è in terapia intensiva ma cosciente

Ma non le fa girare le scatole l’eterno paragone con sua sorella? Sarebbe umano, mi creda.«Probabilmente mi sono anche girate, ma non siamo gemelle, siamo diverse… che cosa dobbiamo farci? Comunque io vedo le mie sorelle e dico: “Sono bellissime, entrambe, molto più belle di me… “. Non posso nemmeno prendermela, perché sono davvero belle! I miei genitori ci hanno saputo rendere uniche, ci hanno fatto sempre capire che siamo tutte belle ognuna a modo suo. Sono stati molto bravi a non coltivare le gelosie. Siamo davvero le prime sostenitrici l’una delle altre».

L’hanno mai offesa in pubblico, e non dietro l’anonimato della tastiera?«Mai. Cioé, se l’hanno fatto, non l’ho sentito! È successo che mi chiedessero di fare una foto magari mentre ero in giro struccata e spettinata, di farla volentieri, per poi ritrovarla postata con commenti offensivi della serie “guardate quanto è brutta”. Mi dispiace molto questa cosa, come se ci fosse un mondo di persone reali, e uno parallelo, online, in contraddizione l’uno con l’altro».

Ripeto: non è altro che invidia. Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

non ci rompete il caXXO con ste Ferragni

«Emily in Paris», 5 motivi fashion per cui aspettiamo la serie Tv - VanityFair.itAdoratrici di Carrie Bradshaw in ascolto, segnatevi il 2 ottobre: «Emily in Paris», la nuova serie Tv (dal creatore di «Sex And The City») con Lily Collins, arriva su Netflix. Ecco perché non perdersi lo show per niente al mondo

Brain training: 10 consigli ed esercizi per un cervello sano e in forma - VanityFair.itPer mantenere il nostro fisico in forma ricorriamo allo sport, ma come possiamo tenere in allenamento memoria e capacità di apprendimento? Qui i rimedi efficaci e i consigli per un cervello attivo e giovane

Telethon, quattro progetti per indagare il coronavirus attraverso le malattie genetiche rare - VanityFair.itDai glucocorticoidi all'immunità innata passando per lo studio sulle proteine, ecco le ricerche finanziate dalla fondazione Telethon che potrebbero farci capire di più su Sars-CoV-2

Le voci erano vere: Chiara Ferragni attende il secondo figlio da FedezChiara Ferragni e Fedez aspettano il secondo figlio. A dare l'annuncio della gravidanza su Insatgram ci ha pensato Leone, il primogenito

Federica Micoli: «Ecco come ho riconosciuto e detto basta a una relazione tossica» - VanityFair.itL'influencer, conosciuta come Closette, racconta come è riuscita a chiudere una lunga storia sentimentale che si era rivelata fonte di tormento anziché di gioia

Black List Coldiretti 2020: i cibi più pericolosi - VanityFair.itEsce la lista nera dei prodotti dannosi per la nostra salute: alimenti importati dall'estero che contengono sostanze illegali. Ecco l'elenco completo