Vaccini sul luogo di lavoro, dati accessibili solo al medico aziendale

Vaccini sul luogo di lavoro, dati accessibili solo al medico aziendale

15/05/2021 19.48.00

Vaccini sul luogo di lavoro, dati accessibili solo al medico aziendale

Il datore di lavoro non può conoscere l’identità di chi si vaccina e deve anche esimersi dal raccogliere e usare altri dati personali connessi con l’iniziativa

3' di letturaLa vaccinazione anti-Covid sul luogo di lavoro è questione del medico aziendale. E questo non soltanto nella fase della somministrazione del farmaco ma anche in tutta la procedura di raccolta delle adesioni e di predisposizione del calendario vaccinale.

Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Università: Bocconi sesta al mondo tra i migliori corsi di finanza

Nessun dato sensibile al datore di lavoroIl datore di lavoro non può conoscere l’identità di chi si vaccina e deve anche esimersi dal raccogliere e utilizzare altri dati personali connessi con l’iniziativa. Neanche il consenso del lavoratore gli può permettere di farlo, perché in tale ambito l’autorizzazione del dipendente non basta. In ogni caso, la mancata effettuazione del vaccino non può – a meno che non si tratti di personale sanitario – avere ricadute sul rapporto di lavoro.

Loading...Il provvedimento del Garante della privacySono tutte precisazioni contenunte nel provvedimento 198/2021 che il Garante della privacy ha messo a punto mentre la campagna di vaccinazione in azienda si appresta e entrare nel vivo. Si tratta di prime indicazioni che l’Autorità si riserva di calibrare meglio una volta chiarito del tutto il quadro normativo di riferimento. Una “fuga in avanti” del Garante che potrebbe essere anche letta come un ammonimento al Governo perché non dimentichi le regole sulla privacy, come è avvenuto con il pass vaccinale, sul quale l’Authority della riservatezza ha di recente sollevato più di un dubbio. headtopics.com

Datore indica solo dosi di vaccino necessarieDunque, il regista dei vaccini sui luoghi di lavoro deve essere il medico competente, eventualmente coadiuvato da altro personale sanitario. A lui spetta raccogliere le adesioni volontarie dei lavoratori che intendono vaccinarsi e stabilire il numero e il tipo di dosi necessarie. Sulla base delle informazioni fornite dal medico, il datore di lavoro deve presentare il piano vaccinale alla Asl competente, ma nel piano deve essere indicato solo il quantitativo di vaccini necessario, senza alcun riferimento a dati che possano rivelare l’identità di chi aderisce alla campagna.

Dati informatici devono essere custoditi e protettiSe per raccogliere le informazioni sulle adesioni dei dipendenti vengono utilizzati strumenti (per esempio, applicativi informatici) nella disponibilità del datore di lavoro, devono essere adottati accorgimenti tecnici e organizzativi perché i dati personali dei lavoratori non entrino – «neanche accidentalmente», scrive il Garante – nella disponibilità dell’azienda. Se, invece il datore di lavoro decide di affidare i vaccini a strutture sanitarie private o a quelle dell’Inail, si deve fare in modo che i dipendenti si rivolgano direttamente a queste ultime.

0Riservatezza anche in fase di somministrazioneAl medico competente spetta anche predisporre il calendario dei vaccini, da effettuare nei locali individuati insieme al datore di lavoro. La sede delle somministrazioni va organizzata in modo tale «da evitare per quanto possibile – sottolinea il Garante – di conoscere, da parte di colleghi o di terzi, l’identità dei dipendenti che hanno scelto di aderire alla campagna vaccinale». Inoltre, dovrebbero essere adottate, per quanto possibile, misure per «garantire la riservatezza e la dignità del lavoratore anche nella fase immediatamente successiva alla vaccinazione, prevenendo l’ingiustificata circolazione di informazioni nel contesto lavorativo o comportamenti ispirati a mera curiosità».

Tempo per vaccinazione non è assenza da lavoroIl tempo richiesto dal vaccino non configura un’assenza dal lavoro e nel caso sia necessaria una giustificazione, si può rilasciare «un’attestazione di prestazione sanitaria indicata in termini generici». Se poi quest’ultima permettesse di risalire al vaccino, il datore di lavoro deve limitarsi a utilizzare l’attestazione solo per gli obblighi di legge, astenendosi dal chiedere al dipendente conferma dell’avvenuta vaccinazione o di esibire il certificato vaccinale. headtopics.com

Per Germania-Ungheria l'Allianz potrebbe tingersi di arcobaleno Denise Pipitone, Piera Maggio diffida Quarto Grado: 'Frasi offensive nei miei confronti affermate con veemenza inopportuna, senza contegno' - Il Fatto Quotidiano Coronavirus, in Italia 495 nuovi casi con 81.752 tamponi e 21 morti - Tgcom24 Leggi di più: IlSole24ORE »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

La mia anamnesi generale al medico aziendale❓😏😟

Oltre il Covid: il Welfare vaccino al declino demografico dell’Italia - Il Sole 24 OREIl calo della popolazione residente in Italia è inevitabilmente aumentato a causa del Covid. Ma l'analisi dei dati sul territorio nazionale spiega in modo lampante come le reti sociali di sostegno agli individui e alla famiglia che va sotto la voce di ... Dite ai vostri padroni di pagare gli operai senza contratti del c..o, vedrete che faranno figli...come accadeva negli anni 60 70 80... Studio in attesa di peer review ha mostrato che la qualità del seme nelle aree ad elevata incidenza di covid è ridotta del 50%. Studi pubblicati su riviste con referaggio severo mette in relazione questo dato con la proteina spike...sono stata chiara? spike abollis Meglio non mettere al mondo bambini per essere rovinati psicologicamente fin dalla nascita

Il matrimonio tra il Pd e i 5Stelle s’ha da fare - Il Fatto QuotidianoDa molti mesi, inesorabili e concordi, tutti i sondaggi danno il centrodestra, per la precisione Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia, in chiaro e sicuro vantaggio nelle intenzioni di voto degli italiani. Altrettanto sicuramente danno per dimezzato il Movimento 5 Stelle rispetto all’esito del 2018 mentre il Partito democratico rimane mestamente attestato appena sopra-sotto il … Il peggio del peggio in una foto anche no, grazie 🤡🤡🤡🤡🤡🤡🤡🤡

Il Toro è salvo, regge muro il granata: pari con la LazioUn legno a testa con Sanabria e Lazzari. Sirigu grande protagonista con la migliore prestazione stagionale, salvato dal palo sul rigore di Immobile bene, ma non si puo' continuare con campionati anonimi La Lazio fa 0-0 con una squadra patetica che ha preso due reti di palloni nelle ultime due partite, biscotto vergognoso

Gli under 13 sono il nuovo problema del business social - Il Fatto QuotidianoOgni bambino oggi è un potenziale utente profilabile nei social network di domani. È per questo che i big delle piattaforme non possono permettersi di perderne neanche uno. Il rischio che accada è dietro l’angolo. Le norme sulla privacy si fanno più stringenti in tutto il mondo, imponendo di non trattare dati dei minori che …

“Matteo si gioca il partito Silvio tutta l’eredità e Renzi la sua poltrona” - Il Fatto QuotidianoLe vecchie glorie in campo. Alessandra Ghisleri, sondaggista di vaglia, spiega che gli italiani ora cercano in politica “un meccanico affidabile” che sappia aggiustare le cose senza l’ambizione di cambiare il motore del Paese. Intanto che lo trovano, o lo ritrovano, altre novità di non poco rilievo ci aspettano da qui alle prossime elezioni. Silvio … Eh... Naturalmente sono sondaggi attendibilissimi. Interessante questi fabbricanti di dati

JLL, nel 2020 in Europa il living è cresciuto del 10% (nonostante il covid)Secondo un’indagine elaborata con Aberdeen Standard Investments, nel 2020, l’asset ha superato, nei Paesi europei, gli 83 miliardi di investimento. Cresce l’interesse per multifamily e student housing. Scoraggia l’eccesso di regole su edilizia convenzionata e coliving. Cresce il trend di chi preferisce l’affitto all’acquisto