Vaccini si cambia: via Arcuri, arriva il generale Figliuolo - VanityFair.it

E così Domenico Arcuri non è più il Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19

02/03/2021 18.01.00

E così Domenico Arcuri non è più il Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19

Mario Draghi ha nominato il Generale Francesco Paolo Figliuolo nuovo Commissario straordinario per l'emergenza Covid-19. A Domenico Arcuri i ringraziamenti del governo

Chiara PizzimentiDomenico Arcurinon è più il Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19. Al suo posto il presidente del Consiglio Mario Draghi ha nominato il Generale di Corpo d’ArmataFrancesco Paolo Figliuolo. È nato a Potenza l’11 luglio del 1961 e ha avuto incarichi nella Forza Armata dell’Esercito, interforze e internazionale. È stato Comandante del Contingente nazionale in Afghanistan, nell’ambito dell’operazione ISAF, e Comandante delle Forze Nato in Kosovo.

Sindaco di Roma: Gualtieri si candida alle primarie Pd e Conte rilancia la Raggi Effetto vaccini, un contagio su cinque sotto i 18 anni e l’età media cala a 41 anni In Edicola sul Fatto Quotidiano del 10 Maggio: Renzi e lo spione all’autogrill: le prove delle bugie su Report - Il Fatto Quotidiano

Dal 7 novembre 2018 è Comandante Logistico dell’Esercito.Proprio questo ultimo incarico è quello che lo qualifica al meglio per l’incarico che gli viene affidato.Figliuolo si è laureato in Scienze Politiche all’Università di Salerno, in Scienze Strategiche con Master di secondo livello conseguito all’Università di Torino e in Scienze Internazionali e Diplomatiche dell’Università di Trieste. È ufficiale di artiglieria da montagna. Nella maggior parte delle immagini ha il cappello con la penna degli

alpiniLe sue prime esperienze di comando sono al Gruppo Artiglieria “AOSTA” diSaluzzonel cuneese. Ne sarà il Comandante, nella sede di Fossano, negli anni 1999-2000. Porterà l’unità in missione in Kosovo, nell’enclave serba di Goradzevac. Dal settembre 2009 all’ottobre 2010 è stato Vice Comandante della Brigata “TAURINENSE” e poi ne è comandate fino all’ottobre 2011. Negli anni successivi guida più volte uffici di logista. In campo internazionale è stato Comandante del Contingente nazionale in Afghanistan e anche Comandante delle Forze Nato in Kosovo fra il settembre 2014 e l’agosto 2015. headtopics.com

Il generale vive aTorinocon la moglie Enza. Ha due figli: Salvatore e Federico. Fra le sue passioni ci sono la lettura e lo sport. Pratica il nuoto e lo sci di cui è istruttore militare. Ha avuto riconoscimenti nazionali e internazionali. Appena nominato ha detto: «Metterò tutto me stesso e tutto l’impegno possibile per fronteggiare questa pandemia. Lavorerò per la nostra Patria e i nostri connazionali. La nomina è stata un fulmine a ciel sereno. Per me una grande attestazione».

Ha già collaborato al rientro degli italiani che erano aWuhanlo scorso anno e ha lavorato al recupero di mascherine e guanti nei primi mesi di pandemia. Con la sua gestione è stata organizzata l’operazione Igea, con cui il ministero della Difesa ha creato 200 Drive Through.

Toccherà a lui ora gestire tutta la campagna vaccinale con l’obiettivo di arrivare a 600mila dosi al giorno. Sostituendolo Draghi ha espresso ad Arcuri «iringraziamenti del Governo per l’impegnoe lo spirito di dedizione con cui ha svolto il compito a lui affidato in un momento di particolare emergenza per il Paese». Immediata la risposta di Arcuri, che resta alla guida di Invitalia, società di investimenti che si occupa crisi aziendali e sviluppo: «Oggi si è conclusa la mia esperienza da Commissario per l’Emergenza Covid 19. È stato un anno straordinario e sono riconoscente a chi mi ha dato la possibilità di occuparmi della più grande emergenza che la storia recente ricordi. Sono onorato di aver potuto servire il mio Paese in una stagione così drammatica».

Draghi ha appena nominato anche il nuovo capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio, al posto di Angelo Borrelli. Sono quindiprotezione civile ed esercitoa entrare nella gestione dei piani di vaccinazione senza le strutture dedicate ipotizzate da Arcuri, ma dentro tutti i luoghi già a disposizione dai palazzi dello sport alle tende della Protezione civile. Come Draghi ha spiegato in Parlamento: «Non dobbiamo limitare le vaccinazioni all’interno di luoghi specifici, spesso ancora non pronti: abbiamo il dovere di renderle possibili in tutte le strutture disponibili, pubbliche e private». headtopics.com

'La bellezza contro la paura' ancora 100 passi con Peppino Impastato Usa, sparatoria in Colorado a una festa di compleanno: 7 morti Beppe Sala: «Tanti rischi e una vita senza tregua, ma il sindaco è il mestiere più bello del mondo» Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Olivetti, l'occasione perduta

Linktree. Make your link do more.