Esteri%2Ceconomia

Esteri%2Ceconomia

Usa, possibile intesa sui dazi entro novembre. Volano le Borse - La Stampa

Usa, possibile intesa sui dazi entro novembre. Volano le Borse

04/11/2019 22.09.00

Usa, possibile intesa sui dazi entro novembre. Volano le Borse

I mercati sentono profumo di intesa sui dazi tra Cina e Stati Uniti e le Borse mondiali spiccano un nuovo balzo. «Siamo in buona forma, stiamo facendo buoni progressi e non c'è nessuna naturale ragione perché» il primo accordo parziale a cui lavorano i due Paesi «non sia» firmato in novembre, ha detto il segretario al Commercio statunitense Wilbur Ross in un'intervista a Bloomberg Tv. Anche se, ha ammesso, «un piccolo rinvio» è «sempre possibile». La delegazione guidata da Ross e dal consigliere per la sicurezza nazionale Robert O'Brien era a Bangkok per un summit dell'Asean (l'Associazione delle nazioni del Sudest asiatico). A margine del quale ha avuto un incontro con il premier cinese Li Keqiang. «Siamo relativamente vicini a un accordo. Sono cautamente ottimista» ha detto O'Brien al termine del faccia a faccia. Al punto che la Cina starebbe vagliando le alternative sul luogo in cui Xi Jingping e Donald Trump potrebbero siglare l'intesa. Un incontro che dovrebbe tenersi negli Usa, come ha auspicato il presidente americano. Le Borse europee hanno così chiuso tutte in deciso rialzo, con l'indice Stoxx 600 (+1%) ai massimi da oltre quattro anni. Milano ha svettato (+1,6%) su Francoforte (+1,3%), Parigi (+1,1%) e Londra (+0,9%), ritoccando i suoi massimi da maggio 2018. A New York il Dow Jones (in progresso dello 0,4%) ha segnato un nuovo record storico, dopo che venerdì erano stati il Nasdaq e l'S&P 500 a toccare nuove vette. La spinta sulle Borse europee è arrivata soprattutto dalle auto (+2,9% l'indice Dj Stoxx di settore), dagli energetici (+2,2%) e dai semiconduttori (+2,2%). Ross ha detto che «molto presto» gli Stati Uniti potrebbero concedere alle loro aziende le licenze per vendere componenti a Huawei e che la Casa Bianca sta avendo «ottime discussioni» con l'Europa in tema di dazi al settore automobilistico. Una indicazione che arriva a ridosso della scadenza di fine novembre, quando, senza un accordo, dovrebbero scattare nuovi dazi Usa sulle auto europee. L

Pubblicato il04 Novembre 2019I mercati sentono profumo di intesa sui dazi tra Cina e Stati Uniti e le Borse mondiali spiccano un nuovo balzo. «Siamo in buona forma, stiamo facendo buoni progressi e non c'è nessuna naturale ragione perché» il primo accordo parziale a cui lavorano i due Paesi «non sia» firmato in novembre, ha detto il segretario al Commercio statunitense Wilbur Ross in un'intervista a Bloomberg Tv. Anche se, ha ammesso, «un piccolo rinvio» è «sempre possibile».

Anziani maltrattati e legati a letti in Rsa, 17 indagati - Cronaca Reddito cittadinanza, salta la stretta. Non passa l’obbligo di accettare lavori stagionali Istat, nel 2020 cresce la povertà assoluta, 5,6 milioni, record dal 2005 - Economia

La delegazione guidata da Ross e dal consigliere per la sicurezza nazionale Robert O'Brien era a Bangkok per un summit dell'Asean (l'Associazione delle nazioni del Sudest asiatico). A margine del quale ha avuto un incontro con il premier cinese Li Keqiang. «Siamo relativamente vicini a un accordo. Sono cautamente ottimista» ha detto O'Brien al termine del faccia a faccia. Al punto che la Cina starebbe vagliando le alternative sul luogo in cui Xi Jingping e Donald Trump potrebbero siglare l'intesa. Un incontro che dovrebbe tenersi negli Usa, come ha auspicato il presidente americano.

Le Borse europee hanno così chiuso tutte in deciso rialzo, con l'indice Stoxx 600 (+1%) ai massimi da oltre quattro anni. Milano ha svettato (+1,6%) su Francoforte (+1,3%), Parigi (+1,1%) e Londra (+0,9%), ritoccando i suoi massimi da maggio 2018. A New York il Dow Jones (in progresso dello 0,4%) ha segnato un nuovo record storico, dopo che venerdì erano stati il Nasdaq e l'S&P 500 a toccare nuove vette. headtopics.com

La spinta sulle Borse europee è arrivata soprattutto dalle auto (+2,9% l'indice Dj Stoxx di settore), dagli energetici (+2,2%) e dai semiconduttori (+2,2%). Ross ha detto che «molto presto» gli Stati Uniti potrebbero concedere alle loro aziende le licenze per vendere componenti a Huawei e che la Casa Bianca sta avendo «ottime discussioni» con l'Europa in tema di dazi al settore automobilistico. Una indicazione che arriva a ridosso della scadenza di fine novembre, quando, senza un accordo, dovrebbero scattare nuovi dazi Usa sulle auto europee.

L'annuncio è stato festeggiato da Ferrari (+6,5%), Continental (+3,9%), Pirelli (+3,4%), Peugeot (+3,4%), Bmw (+3,1%), Volkswagen (+2,9%) e Fca (+2,6%). Ma sono andate bene anche le banche, i titoli minerari e gli energetici mentre il petrolio è salito ai massimi da sei settimane. Segno che la `pace commerciale´ promette di fare bene proprio a tutti.

Leggi di più: La Stampa »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Quantum computing, la Cina, l’Occidente e la sfida globale dei bigCon la scoperta di Google si entra nel vivo della corsa al computer quantistico: dietro grandi e piccoli sotto lo sguardo vigile della sicurezza nazionale

7 borse vintage su cui investire nel 2019 (e per tutta la vita)Proprio come l'arte, anche la moda ha una lunga e ricchissima tradizione

Retromarcia della Regione: ripristinati i fondi per le borse di studio - La StampaGli studenti universitari in presidio davanti a palazzo Lascaris per chiedere garanzie sull’erogazione.

«L’aborto avrebbe salvato la vita di Valentina, ma i medici ci dissero: siamo obiettori»Catania, Valentina Milluzzo morì a 32 anni; era incinta di due gemelli al quinto mese e morì a seguito di una grave setticemia. I genitori accusano: 7 medici a processo Agghiacciante, siamo nel medioevo. I medici non possono essere obiettori di coscienza ma devono avere la coscienza di operare per il bene, verità universale... alla luce del giuramento di Ippocrate: secondo scienza, AMORE e coscienza, firma dell'anima! peeyonkou Antiabortisti assassini.

Di Maio in Cina per la maxifiera delle importazioniAlla China International Import Expo di Shanghai (seconda edizione) presenti 150 imprese italiane. La kermesse sarà inaugurata dal presidente Xi Jinping Pensate che in Cina se lo comprano?Magari come portafortuna al posto del corno di corallo!! I cinesi hanno importato DiMaio? Bene, spero che il reso non sia disponibile.

Riad lancia la privatizzazione di Aramco, il gigante del petrolio - La StampaAl via quella che potrebbe essere più grande offerta pubblica di acquisto della storia