Università, in Italia e in Europa adesso dobbiamo fare di più

Atenei, in Italia e in Europa adesso dobbiamo fare di più

09/07/2020 00.07.00

Atenei, in Italia e in Europa adesso dobbiamo fare di più

Ci sono le condizioni perché i nostri atenei riescano ad attrarre i molti scienziati tentati di lasciare Stati Uniti e Gran Bretagna

L’unione virtuosa tra creazione di nuova conoscenza (ricerca) e trasmissione della stessa alle nuove generazioni (didattica) è la ricetta,semplice, che rende un’università competitiva a livello internazionale. La didattica da sola non basta più: i professori delle università competitive devono essere ricercatori e docenti allo stesso tempo. Nel mondo interconnesso, l’accesso alla conoscenza fondamentale avverrà sempre più attraverso piattaforme digitali come Coursera, Edex, Emeritus, o le migliori università americane che stanno sviluppando progetti per rendere accessibili i loro corsi a milioni di persone che non possono permettersi di andare nei loro campus. A parte queste

Vaccini Covid, De Magistris a La7: 'In questo momento siamo tutti cavie, sapremo tra qualche anno cosa ci siamo messi nel braccio' Prato, operai della Texprint picchiati dai vertici dell'azienda: un lavoratore colpito con un mattone. Sindacato: 'Tre finiti in ospedale' - Il Fatto Quotidiano Ci sono Riccardo Puglisi (università di Pavia) e Stagnaro dell'Istituto Bruno Leoni

disruption, la didattica verrà sempre più spesso erogata in modo «ibrido», mischiando lezioni in remoto per la trasmissione di conoscenza elementare con lezioni in classe più analitiche, a gruppi di studenti più ridotti. Proprio come a causa della pandemia ci stiamo accingendo a fare in gran parte degli atenei italiani dal prossimo settembre.

8 luglio 2020 (modifica il 8 luglio 2020 | 21:29) Leggi di più: Corriere della Sera »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

si certo.. Chi ha avuto questa allucinazione?

Vaccini, da dicembre potrebbero essere disponibili in Italia e in EuropaGentile Paolo Russo, la commissaria europea per l’Innovazione e la Ricerca Mariya Gabriel ha detto che “il coronavirus rimarrà insieme a noi fino al giorno in cui non avremmo trovato un vaccino che lo sconfigga”. Di recente ho letto che gli antidoti concepiti per risolvere questa pandemia stanno avanzando a un ritmo mai visto prima. Ma se dovesse concretizzarsi una seconda ondata di contagi in autunno, pensa che il vaccino arriverà per tempo in Italia? Mi piacerebbe sapere anche quando potrebbe essere commercializzato e se ci sarà una corsia preferenziale per i più anziani. Grazie e buon lavoro Federico Sini Caro Federico, La ricerca prosegue in effetti spedita, non solo sul vaccino, ma anche alla scoperta di una cura. Partiamo dal vaccino. Attualmente esistono 179 candidati di cui 17 in sperimentazione. Anche molto avanzata, come nel caso del vaccino che si sta testando su decine di migliaia di volontari sani, targato AstraZeneca, Università di Oxford e la nostra Irbm di Pomezia, startup biotech alle porte di Roma. Su questo antidoto c’è un’opzione per quasi mezzo miliardo di dosi esercitata dall’alleanza a 4, Italia, Germania, Francia e Olanda. La sperimentazione potrebbe concludersi questo autunno e se l’esito sarà positivo le prime dosi sarebbero disponibili in tutti i Paesi europei a partire da fine anno e ad iniziare da over 65 e categorie a rischio, come personale sanitario, forze dell’ordine e malati cronici fragili. Stessa opzione è stata esercitata dai quattro per un altro vaccino della Johnson&Johnson, che è però in una fase un po’ meno avanzata di sperimentazione, mentre parallelamente la Commissione Ue sta investendo 2,4 miliardi di euro per sostenere la ricerca di più candidati vaccini tra quelli considerati promettenti. Sempre con l’obiettivo di garantirne poi la distribuzione gratuita a tutto il Continente e non solo. Altrettanto spedita prosegue la ricerca di una cura. Qui le multinazionali del farmaco stanno puntando soprattutto sugli anticorpi mon Sperem! Speriamo. Tireremmo tutti un sospiro di sollievo

Frodi informatiche per 20 milioni l’anno: arresti tra Italia e RomaniaDenaro sottratto a ignari utenti del web e trasferito all’estero. La polizia postale fa luce su un’organizzazione criminale con rami in tutta Europa Romania ma vasiamo invasi da questa gente a caccia di democrazia gratuita invece di pensare a costruire quella del loro paese con alleanze giuste a livello internazionale

Meteo e previsioni del tempo in Italia - ANSA.itMeteo - ANSA.it: ti propone tutte le notizie meteo e le previsioni del tempo in Italia e gli aggiornamenti

Per Aim Italia in arrivo nuove regole a 10 anni dalla nascitaDebutto per start-up e scale-up, rafforzato il ruolo dei probiviri con riferimento a Opa su strumenti negoziati su Aim e consolidati i presidi di trasparenza

Cybercrime, operazione della Polposta: arresti in Italia e RomaniaLeggi su Sky TG24 l'articolo Attacchi informatici, operazione della Polizia Postale: arresti in Italia e Romania

Coronavirus: in Italia 138 casi e 30 vittime in più, 467 malati in menoI dimessi/guariti crescono di 574 rispetto a lunedì. Eseguiti oltre 43mila tamponi: quasi il doppio rispetto al dato di lunedì Perché pubblicare notizie incomplete ? Xxxx con tutte queste x sembra che vi siate dati al porno xnxx Cosa avete pubblicato? Vi sfondate di bamba buona li in redazione, vero? 😂