Una sola Libia: un'idea dei romani poi rilanciata da Mussolini

Una sola Libia: un'idea dei romani poi rilanciata da Mussolini

21/04/2019 00.49.00

Una sola Libia: un'idea dei romani poi rilanciata da Mussolini

La pace in Libia, quando verrà, sarà probabilmente fondata sulla creazione di uno Stato federale. Ecco perché

EmailQuella che il generale Haftar combatte da parecchi mesi contro Fayez Al Sarraj non è una tradizionale guerra civile. Ciascuno dei due vuole governare la «Libia», ma il nome del loro Paese è quello che i romani dettero alla regione e che gli italiani rimisero in auge quando vollero dimostrare che la conquista era una riconquista.

Cinque azzurri (e tutto il Galles) si inginocchiano prima del fischio di inizio: non era mai successo Berrettini vince il torneo del Queen's Primarie a Roma e Bologna, Letta e il Pd: «Grande affluenza, una festa della democrazia»

Nell’Impero ottomano, la Libia non esisteva.Esistevano la Tripolitania e la Cirenaica. La prima era un vilayet, amministrato da un funzionario di nomina imperiale che aveva rango e funzioni prefettizie; mentre la seconda era un mutassaraflik, denominazione amministrativa che fu usata anche per il Monte Libano e Gerusalemme, dove il governatore (in turco mutassarif) godeva in alcuni casi di una forte autonomia.

In una prima fase della colonizzazione il governo italiano mantenne le distinzionie nominò un governatore per ciascuno dei due territori. Ma più tardi, dopo la repressione della resistenza, il governo decise di unificare il Paese con un Regio decreto del 3 dicembre 1934. Mussolini voleva fare della Libia la «quarta sponda» dello Stato italiano e dette ai libici una cittadinanza che si dimostrò essere più formale che sostanziale. headtopics.com

Ma le due regioni continuavano ad avere tratti distintivi alquanto diversi.La Tripolitania aveva una struttura tribale e, quindi, una pluralità di piccoli leader locali; mentre in Cirenaica si era affermata, sin dalla prima metà dell’Ottocento una congregazione religiosa creata nell’oasi di Giarabub da un riformatore dell’Islam, Mohamed bin Ali al Sanusi. La Senussia, come venne chiamata, diffuse una particolare versione dell’Islam, fece proseliti, creò una rete di monasteri e ostelli che favorirono i traffici all’interno del Paese e divenne infine uno Stato con cui l’Italia, prima del regime fascista, ebbe rapporti che sembrarono prospettare, per la Cirenaica, una sorta di condominio italo-senussita. Il leader della Senussia era allora un nipote del fondatore, Muhammad Idris, uomo intelligente e dotto che più tardi trascorse gli anni dell’esilio in Egitto all’ombra dell’amministrazione britannica.

Dopo la fine della guerra, quando l’Italia non riuscì a ottenere la restituzione della colonia, la Gran Bretagna, a cui premeva conservare una presenza nella regione, propose agli altri alleati la creazione di un regno libico di cui Idris sarebbe stato il sovrano. Ma il re senussita non rinunciò mai alla sua natura politico-religiosa e preferì spesso regnare da Bengasi piuttosto che da Tripoli. Quando fu detronizzato da Gheddafi nel settembre del 1969, la Libia divenne più «tripolitana», ma la Cirenaica continuò a considerarsi diversa e ne dette la dimostrazione scendendo spesso in piazza contro il colonnello.

L’esistenza di due patrie libiche non significa che la soluzione del problema debba consistere nella rottura del Paese in due pezzi.Ma la pace, quando verrà, sarà probabilmente fondata sulla creazione di uno Stato federale.20 aprile 2019 (modifica il 20 aprile 2019 | 21:20)

Leggi di più: Corriere della Sera »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Grande statista della storia italiana

Libia: falliti i negoziati al Consiglio di Sicurezza dell'Onu - MondoLibia: falliti i negoziati al Consiglio di Sicurezza dell'Onu su una tregua immediata libia ANSA Macron non ha certo tempo da perdere.... ci sono le elezioni presto Quindi? Gli 800.000 Libici in viaggio verso l'Italia? bloccoNavaleVeloce

Interno contro Difesa, sulla Libia è rissa totale - Il Fatto QuotidianoUno scontro durissimo tra Lega e M5S, un presidente della Repubblica preoccupato per “l’isolamento” italiano, un primo ministro, Giuseppe Conte, che cerca di far quadrare curve complesse, un governo, quello libico, che gioca alla minaccia del terrorismo. Dietro la tragedia libica prevale il gioco politico e la propaganda. Lo scontro furibondo che si è avuto … scannavo Si facciano passare l'irritazione e se ne facciano una ragione. scannavo Poverini, sono irritati. scannavo I MILITARI quelli d'apice con i gemelli alla camicia

Crolla una parete in una scuola nel Napoletano: ferita una maestra incinta, contusi alcuni bimbi - Tgcom24La donna, al quarto mese di gravidanza, si è recata dal proprio ginecologo per un controllo dopo essersi accertata delle condizioni degli alunni

Napoli: crolla la parete di una scuola, contusi bimbi e una maestra - CampaniaCrolla la parete di una scuola, contusi bimbi nel Napoletano ANSA Il sindaco:Prima gli immikrati oh che palle dai che dobbiamo fare la tav Allucinante.. la scuola dovrebbe essere il luogo più sicuro. Si sono fregati soldi a volontà ed abbiamo scuole che continuano a crollare.

Libia, Trump telefona al generale Haftar: serve transizione politicaLa Casa Bianca in una nota ha fatto sapere che i due hanno «condiviso la visione per una transizione della Libia verso un sistema politico stabile e democratico». La telefonata di Trump è avvenuta lunedì ma è stata resa nota solo ieri. All'Onu Russia e Usa bocciano la richiesta di un cessate il fuoco immediato per la Libia presentata dalla Gran Bretagna  Cambiategli il pannolino a Macron.

Conte e la Libia: «Cessate il fuoco immediato e ritiro di Haftar»L’incontro con il ministro degli Esteri del Qatar, poi il monito: «Non è il momento di dividerci. Si lavori per evitare la deriva militare» L'abito del presidente GiuseppeConteIT non fa una bella figura. sembra appena tirato fuori della valigia dopo un viaggio lungo ..... Che paura gli hai messo Avvocato...... Bravo Conte. Fatti valere. Adesso di sicuro Egitto, Arabia, Russia ascolteranno i consigli di un grande statista italiano.

L’esponente Cinque Stelle accusa: «Responsabilità originarie di Hillary Clinton, Obama, Sarkozy, Giorgia Meloni, Berlusconi, Napolitano». Di Battista (M5S): «Tanti soldi per Notre-Dame dove non è morto nessuno, nessuno per la Libia dove muoiono a centinaia»L’esponente Cinque Stelle accusa: «Responsabilità originarie di Hillary Clinton, Obama, Sarkozy, Giorgia Meloni, Berlusconi, Napolitano». L’esponente Cinque Stelle accusa: «Responsabilità originarie di Hillary Clinton, Obama, Sarkozy, Giorgia Meloni, Berlusconi, Napolitano» Facile fare il diballista dall’uscita del corso di falegnameria Ma perche la gente continua a dire queste cazzate? Per la Libia sono stati spenti miliardi ( stati, organizzazioni humanitaire, gestione dei migranti arrivati in Europa, ma i resultati non si vedono. E perché niente per le donne picchiate, per i cani etc... c’è sempre altro. Imbecille

Alessandro Di Battista contro le donazioni a Notre Dame: “Per la Libia niente” | Sky TG24 | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Alessandro Di Battista contro le donazioni a Notre Dame: “Per la Libia niente” | Sky TG24 | Sky TG24 Occasione persa per tacere, l'ennesima. Ancora parla stò cazzone pieno dè piscio? Incendio Notredame : Raccolti fondi per quasi 1 miliardo di euro! Io non ho nulla contro il patrimonio culturale ma quando c'è da ricostruire cittadine distrutte dai terremoti dove stanno questi 'magnanti' così 'generosi'? Dedicata all'Aquila.

Libia, il governo di Tripoli rompe le relazioni con la Francia: 'Sostiene Haftar''Qualsiasi relazione nell'ambito negli accordi bilaterali nel campo della sicurezza si fermerà', dice l'esecutivo riconosciuto Il PD e fedele alleato della Francia ? Una vergogna inaudita

Libia, le forze di al-Sarraj lanciano la controffensiva in difesa di TripoliL’annuncio arriva il giorno dopo una telefonata fra Trump e Haftar. Dall’inizio degli scontri ci sono stati 250 morti, 1500 feriti e oltre 28.000 sfollati

La prima cosa bella di lunedì 15 aprile 2019Questo spazio recensisce la vita, in positivo. Ogni mattina all'alba metterà in rete una segnalazione che accenda la giornata: un libro (o una sua frase), un film (o una sua scena), una canzone, un gol di tacco, una storia che non leggereste altrove, un'idea, lo scorcio di un palazzo, un gesto, il silenzio di un politico, una cosa bella: la prima