Nagorno-Karabakh, Aleksandr Černych, Armenia, Azerbaigian

Nagorno-Karabakh, Aleksandr Černych

Una notte sotto le bombe in Nagorno Karabakh

Nelle ultime quattro settimane il conflitto tra Armenia e Azerbaigian per il controllo della repubblica autoproclamata ha causato quasi mille morti. Un reportage dalla città di Stepanakert. Leggi

21/10/2020 16.24.00

Nelle ultime quattro settimane il conflitto tra Armenia e Azerbaigian per il controllo della regione del Nagorno Karabakh ha causato quasi mille morti. Un reportage di Kommersant dalla città di Stepanakert.

Nelle ultime quattro settimane il conflitto tra Armenia e Azerbaigian per il controllo della repubblica autoproclamata ha causato quasi mille morti. Un reportage dalla città di Stepanakert. Leggi

, i colpi di artiglieria hanno cominciato a risuonare alle dieci di sera. Si sentivano in lontananza, dai valichi di montagna. Qui ormai le persone si sono abituate. Poi, all’una di notte, il corrispondente di Kommersant dall’Azerbaigian, Kirill Krivošeev, ha scritto sul suo canale Telegram che la città azera di Ganja era stata di nuovo colpita da un bombardamento. Mezz’ora dopo, puntualissima, la risposta azera è arrivata a Stepanakert. Le granate hanno cominciato a esplodere a pochi metri di distanza dalla pensione dove eravamo. Molti sono scesi nel seminterrato o si sono accalcati nei corridoi, il più lontano possibile dalle finestre. Inutile dire che nessuno è riuscito a dormire: la sirena d’allarme antiaereo è stata in funzione fino all’alba, interrotta solo dal

Stati Uniti. Migranti frustati dalle guardie di frontiera al confine col Messico Green pass, preside rievoca Auschwitz. Sospeso dal servizio Lega, La No Vax Donato: “Lascio il partito: ormai qui comanda Giorgetti”

rombo delle esplosioni. Il fuoco si è placato soltanto al mattino.Con il fotografo Anatolij Ždanov siamo andati in città per documentare le conseguenze del bombardamento. Non è stato necessario andare troppo lontano: una granata non molto grande era caduta proprio accanto alla pensione, in mezzo alla strada che percorriamo ogni giorno. Nell’asfalto si è aperta una voragine da cui si diramano fori di minori dimensioni. Tutti gli edifici intorno hanno le finestre in frantumi. Al pianterreno, come d’uso a Stepanakert, ci sono i negozietti con le loro grandi vetrine: la bottega delle scarpe, la cartoleria, il negozio per bambini. Gli oggetti sono zeppi di schegge di vetro. Degli uomini raccolgono tristemente quello che si è salvato e lo ripongono in qualche scatola. Il proprietario di un negozio scuote con cura un cagnolino giocattolo bianco per liberarlo dalla polvere e dai detriti. All’altro lato della strada, vicino a un palazzo di cinque piani, una donna anziana sta piangendo. Si chiama Giulietta. Ci invita a entrare.

Mentre saliamo le scale – sulle pareti sono disegnati dei cuoricini – ci racconta che nel condominio non ci sono state vittime: tutti i vicini hanno passato la notte nello scantinato. Poi ci mostra gli infissi delle finestre abbattuti dall’onda d’urto e ricomincia a piangere: “Tra poco comincerà a fare freddo. Questo chi me lo rimette a posto? Tanto di soldi da spendere non ne ho più. In qualche modo tireremo avanti, basta restare vivi”. headtopics.com

Bombe sulle caseLa tappa seguente del nostro percorso è un piccolo albergo accanto al mercato. Lì vicino il giorno prima avevamo filmato gli attivisti del gruppo di Facebook Amanti degli animali di Artsakh – un’antica regione dell’Armenia e oggi il nome ufficiale della repubblica autoproclamata del Nagorno Karabakh – che davano da mangiare a dei gatti randagi. Adesso nell’edificio si è aperta una voragine, esattamente tra il muro e il tetto. Le porte non sono chiuse, così attraversiamo il corridoio buio e deserto e raggiungiamo l’ultima porta. La apro, ma subito mi ritraggo bruscamente. Il letto più distante dal vetro è coperto di sangue: sul lenzuolo bianco c’è una grossa macchia scura. Sul pavimento ci sono gli stracci che sono serviti a fermare l’emorragia. Dal buco nel muro si apre a tutto tondo la vista sulle macerie. La parete di cartongesso è bucata e si vede l’appartamento accanto. Ci andiamo.

Qui i letti sono ricoperti di pezzi del soffitto crollato. Torniamo indietro e notiamo solo ora che anche all’uscita per terra c’è una grande chiazza marrone. I colleghi ci suggeriscono di raggiungere un altro punto: via Puškina, al margine della città. Là una granata ha colpito in pieno una casetta. Nel cratere ci sono mattoni, scaffali, tubi. La vicina racconta che l’esplosione è stata alle quattro del mattino: “Una donna dentro stava dormendo, l’hanno tirata fuori e portata all’ospedale. Non si sa se sia ancora viva o no”. Non ha altro da dire.

Proseguiamo e raggiungiamo il villaggio. La sera del 16 ottobre le agenzie d’informazione armene hanno comunicato che la zona era stata bombardata e che alcuni civili erano stati feriti. Un paio d’ore dopo queste dichiarazioni è stata bombardata la città azera di Ganja. Gli abitanti ci indicano la casa della famiglia Melkumjan: una granata è caduta a una ventina di metri dall’edificio. Le schegge hanno ferito Semen Melkumjan, 36 anni. Suo padre Jurij vaga sconsolato per il campo e guarda le schegge di metallo sparse a terra. “Ero in casa, stavamo andando a cena, la tavola era quasi pronta. A un certo punto sento un’esplosione da qualche parte, tre colpi”, racconta Jurij Melkumjan. “Poi il quarto colpo, proprio vicino a casa, fortissimo. Mi sono ritrovato a terra, ricoperto di vetri e con le orecchie che mi ronzavano. E ho sentito mio figlio che gemeva: ‘Papà, papà… Mi fa male…’”. L’uomo si asciuga le lacrime. Ci fa entrare in casa e ci mostra delle macchioline rosse sulla parete bianca: “Ecco, questo è il sangue di mio figlio. E meno male che gli azeri non hanno fatto centro. Un paio di metri più vicino, e ora non saremmo qua a parlare”.

pubblicitàPer poco la casa non è stata distrutta. Le porte a vetro sono rotte, il soffitto ha ceduto, i mobili distrutti. Dalle pareti le icone con l’immagine di Gesù sembrano osservare la devastazione. “I turchi non ce l’hanno fatta a distruggerci”, dice Juri Rubenovič avvicinandosi all’icona. Poi aggiunge “Resisteremo per Gesù, per la nostra terra, e combatteremo, se sarà necessario”. “I cinque figli di Semen sono ancora piccoli, ma gli azeri non sono riusciti a renderli orfani. Sono cinque futuri soldati”, dice Grigorij. Nelle vicinanze alcuni miliziani armeni stanno di guardia, imbracciando fucili automatici. Uno di loro, Vrezh, comincia a fare domande: “Allora, voi russi, dall’esterno, che cosa pensate della nostra guerra? Come si può fare a fermarla? Dimmelo tu”. “Credo che serva un compromesso”, gli rispondo. “Cedete parte dei territori non abitati dagli armeni. Come Agdam, per esempio”. headtopics.com

Riccione, alla prof scade il Green Pass durante la lezione e viene allontanata dalla scuola Il governo mette la fiducia sul Pass: ora tanti leghisti si danno assenti - Il Fatto Quotidiano Trattativa, Dell’Utri-show: “Voi siete l’Odio Quotidiano” - Il Fatto Quotidiano

Vrezh annuisce, ma senza essere troppo d’accordo: “Agdam, perché no. Sinceramente, Agdam non ci serve a un cazzo. E anche Dzhebrail, i nostri non ci hanno mai vissuto. Ma chi ci garantisce che quelli, dopo essersi presi questi territori, magari tra una decina d’anni non comincino una nuova guerra per prendersi il resto? Ai turchi non ci crede nessuno. Tu piuttosto dimmi perché la Russia non dice niente. Perché i soldati russi per la Siria sono morti e per l’Armenia no? Per voi la Siria è più importante, eh?”. Il miliziano si allontana e l’autista mi chiede: “Sai che cosa significa il suo nome? Vrezh, in armeno, vuol dire vendetta”.

(Traduzione di Alessandra Bertuccelli)Nagorno-KarabakhSostieni Internazionale Leggi di più: Internazionale »

Dante, i suoi luoghi nelle foto Alinari e di Massimo Sestini - ViaggiArt

I SOLITI TERRORISTI COMUNISTI,SCHIAVISTI,GGENOCIDI,STORICI,..GUERRRAFONDAI...

Il rischio di una guerra tra Cina e Stati UnitiUn conflitto armato non è nell’interesse di Pechino. Ma è comunque uno scenario inquietante che circola tra gli esperti, preoccupati di una possibile escalation che potrebbe essere causata dalla questione di Taiwan. Leggi Bel periodo per aggiungerci una guerra. La prossima volta ci pensino prima di delocalizzare la produzione per risparmiare sui lavoratori. Questo è il prezzo. Un conflitto armato sarebbe il colmo!Centinaia di milioni di morti.. fame,sete,miseria,malattie,epidemie, orfani infelici,lutti x centinaia milioni di famiglie..x qualche imbecille che decide a tavolino, senza rischi di fare la guerra..Pensiamo ai cambiamenti climatici è meglio!!

Fondi Lega, il Riesame: “Compravendita capannone una messinscena”Leggi su Sky TG24 l'articolo Fondi Lega, il Riesame: “Compravendita capannone una messinscena”

A 230 km/h in Lamborghini, così la Polizia ha trasportato un rene e salvato una vitaNella giornata di martedì, la Polizia ha trasportato d’urgenza - usando la sua Lamborghini Huracan - un organo dall’ospedale civile di Padova verso Roma L'elicottero era poco d'effetto.. Un elicottero era più rapido e meno pericoloso... Sono anni che lo fa ... Quell'auto è studiata soprattutto per il trasporto d'organi tra Ospedali. Polizia ❤️❤️❤️🇮🇹🇮🇹🇮🇹👍👍👍

Una barca come casa - VanityFair.itLe novità del 60esimo Salone della Nautica di Genova diventano lo spunto per una riflessione che sa di tendenza: e la barca diventasse una casa?

“Ci sono i saldi di metà stagione, per il Serravalle Outlet è una mazzata”Reazioni dopo la chiusura con effetto immediato dei centri commerciali non alimentari durante i fine settimana

Papa Francesco: «Sì a una legge sulle unioni civili»In un documentario presentato alla Festa di Roma a firma del regista Evgeny Afineevsky il pontefice dice che le persone omosessuali dovrebbero essere protette da norme ad hoc Certo,la pigliano in quel posto L 76/2016. Lo Stato italiano ne ha già una.