Yurta

Yurta

Una notte nella yurta immersi tra gli ulivi del lago di Garda

Una notte nella yurta immersi tra gli ulivi del lago di Garda

20/04/2019 17.17.00

Una notte nella yurta immersi tra gli ulivi del lago di Garda

Non c’è la stufa che qui manca per motivi di sicurezza ma ci sono dei discreti pannelli bianchi a infrarossi. Attorno non le steppe della Mongolia, ma gli ulivi mediterranei. L’esperienza piacevole e sostenibile di dormire in una yurta provata per voi

Antonio Armano18 aprile 2019“Dietro, si scorgeva la loro yurta bianca e, tutt'intorno, la steppa verdeggiante increspata dal vento a perdita d'occhio fino all'orizzonte blu delle prime colline”... La yurta dove mi trovo, diversamente da quella di Morte nella steppa (Fazi), il poliziesco di Ian Manook ambientato in Mongolia, non è circondata dalla steppa, ma immersa negli ulivi. L'orizzonte delle prime colline è blu, ma per via del riflesso del lago di Garda e dominato dal monte Baldo ancora spruzzato ancora di neve. In questi giorni ha piovuto spesso, ma non forte. La yurta sotto la pioggia si trasforma in una ovattata cassa di risonanza, ti avvolge con il rumore lieve delle gocce – la copertura è un doppio strato di tela con in mezzo il feltro -, come non può fare una casa.

Vaccini Covid, De Magistris a La7: 'In questo momento siamo tutti cavie, sapremo tra qualche anno cosa ci siamo messi nel braccio' Prato, operai della Texprint picchiati dai vertici dell'azienda: un lavoratore colpito con un mattone. Sindacato: 'Tre finiti in ospedale' - Il Fatto Quotidiano Mascherine, c'è l'ipotesi di toglierle all'aperto dal 15 luglio

La sensazione è molto piacevole, anche se deve essere meglio stare qui con il bel tempo. Soprattutto di notte d'estate, quando si può aprire la punta del tetto e guardare le stelle. Nelle yurte dei nomadi della steppa, al centro di tutta la vita c'è una piccola stufa – una volta alimentata con letame essiccato -, che qui manca per motivi di sicurezza legati alle fiamme libere e ci sono dei discreti pannelli bianchi a infrarossi. La yurta dove mi trovo appartiene al bed and breakfast “Maripa Queendom”

a Toscolano Maderno, tra Gardone Riviera e Gargnano. Ci si arriva scendendo per una viuzza strettissima tra vecchi muri a secco – via Firenze -, poco sopra la gardesana occidentale, la strada provinciale che costeggia il lago, detta anche, meno poeticamente, SS45bis. Tecnicamente parlando, le yurte sono tende circolari, sostenute da una struttura di legno, con le pareti verticali e il tetto a cono aperto per far uscire il fumo della stufa; il nome deriva dal turco e questo tipo di case nomadi si associa alla Mongolia, ma è tipico di tutti i popoli dell'Asia centrale. La differenza è che in Mongolia, dove si chiama “gerb” non yurta, nonostante il progresso e l'urbanizzazione questo tipo di “abitazione semipermanente” è ancora molto amata e diffusa. Non si smonta e rimonta più per seguire i cicli stagionali della pastorizia, anche se l'usanza non si è persa, ma si vive sempre come l'abbraccio degli antenati in mezzo agli elementi eterni della natura, in una terra dove lo sciamanesimo contamina il buddhismo, e l'animismo nelle cose più piccole è un riflesso dell'assoluto. Lo sciamano del resto è il mestiere più antico del mondo – non quell'altro – e non è scomparso. “Bestie, uomini, dei” sono tutt'uno. headtopics.com

Il b&b, o meglio il regno matriarcale diMaria Paola Gabusiera la vecchia casa di famiglia dello zio Angelo. L'impronta del passato è ancora molto forte. Più ancora nel legno che nella pietra. Le radici sono evidenti a partire dalla presenza degli ulivi – si produce extravergine e Maria Paola è a capo di un panel professionale di assaggiatori di olio e organizza lo storico premio Leone d'Oro -, ma anche di dettagli come una vecchia porta di legno, appesa a un muro come decorazione: “Era la porta del fienile in val Camonica dove si nascondeva mio padre Beppe quand'era partigiano”, mi spiega. Le radici sono importanti, ma i luoghi dell'anima non sono solo quelli in cui siamo nati e cresciuti.

L’interno della yurtaInnesto asiatico tra il paesaggio lacustreMaria ha viaggiato molto, come fotografa di sport e territori estremi, prima di reinventarsi o meglio reincarnarsi. E' un tipo tellurico, amante delle moto nonostante un incidente molto serio, con una sfumatura blu nel ciuffo che le cade sulla fronte, come un riverbero dell'energia che la sostiene in modo superiore alle media. Nessuna idea le sembra irrealizzabile, nemmeno una yurta tra gli ulivi, una sorta di innesto asiatico su paesaggio mediterraneo, una sintesi tra simboli della civiltà del grasso di montone e quella dell'olio d'oliva. Qui non si beve latte di giumenta fermentato – per la famiglia Tolstoj era una classica cura ricostituente -, ma buon vino. All'ombra degli gli ulivi razzolano galline nere che danno uova per la prima colazione e non cavalli.

La yurta tra gli uliviYurta, una costruzione con un basso impatto ambientaleLa yurta è stata realizzata da una società di Venezia che non esiste più perché i proprietari se ne sono andati in India. Maria Paola, che tutti chiamano Maripa - Queenmaripa è il suo account Instagram per i contatti -, ricorda ancora come passassero più tempo a meditare intorno al luogo destinato alla costruzione che a costruire la struttura. Molto popolare nel mondo degli alternativi – a

Torre Mileto, nel parco nazionale del Gargano, c'è un ecovillaggio di yurte, Il giardino della gioia– questo tipo di abitazione nomade si sta diffondendo, sia come scelta residenziale che come seconda casa o luogo per le vacanze, anche per via del suo basso impatto ambientale. Può essere più o meno spartana. Quella di Toscolano Maderno è dotata di bagno e doccia. Ha un pavimento in legno e uno spazio davanti all'ingresso per fare colazione o bere un bicchiere di vino guardando il lago al tramonto. E' nascosta tra gli ulivi e un poco distante dall'abitazione, dove si trovano le altre stanze del bed and breakfast. In fondo rappresenta un compromesso tra le molte contraddizioni dell'animo del viaggiatore contemporaneo: comodità e natura, isolamento e vicinanza del genere umano quando ne senti la necessità, noto e ignoto, rumore della pioggia e letto asciutto. Nell'uliveto si aggirano due affettuosi labrador neri Moro e QueenBee e non i “Khottosho”, i cani da guardia delle yurte e delle mandrie, molto combattivi e territoriali, discendenti dei molossoidi che hanno spaventato Marco Polo nelle notti tibetane. headtopics.com

Lega, il capannone di Cormano venduto alla Lombardia film commission per 800mila euro? Fu comprato per mille euro - Il Fatto Quotidiano Salvini da Draghi per parlare di stato di emergenza e mascherine 'Grazie per gli auguri e il sostegno': il messaggio di Zaki all'Italia Leggi di più: IlSole24ORE »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Ah una yurta sul lago di Garda, bello! Poi diremo ad amici e conoscenti che siamo stati in vacanza in Mongolia. Io ho trascorso una settimana in un igloo in pieno Sahara.😨

Crolla una parete in una scuola nel Napoletano: ferita una maestra incinta, contusi alcuni bimbi - Tgcom24La donna, al quarto mese di gravidanza, si è recata dal proprio ginecologo per un controllo dopo essersi accertata delle condizioni degli alunni

L’arte di vendere gossip su una vita che non esiste - Il Fatto Quotidiano“Esistono storie che non esistono”, diceva Maccio Capatonda qualche anno fa nell’incipit di un suo famoso trailer. Sembrava una battuta, poi è arrivata la storia del matrimonio di Pamela Prati e abbiamo capito che Maccio aveva ragione. Premetto che per capire qualcosa della vicenda bisogna aver dormito almeno otto ore, non aver consumato alcol negli … stanzaselvaggia Figona milfona atomica!!!! stanzaselvaggia La solitudine.... stanzaselvaggia che dite della storia travaglio cipollari? spetteguless su novellabella

Quando Gianni Boncompagni 'elogiava' Ambra Angiolini: 'Non è una soubrette' - Tgcom24Nell’anniversario della morte del conduttore televisivo, scomparso due anni fa, l’intervista nel dietro le quinte di “Non è la Rai”

Colpo ai Casamonica, 7 donne in cella Una vittima: «Con loro non si esce vivi»Sequestri al clan e 23 arresti, dopo i 37 della scorsa estate. Le accuse di estorsione e usura. Il gip: sfidano lo Stato. Sequestrati 400mila euro tra contanti e oggetti preziosi Grande notizia , grazie alle forze dell'ordine

Incendio a Notre Dame, per Sgarbi non è una tragedia | Sky tg24 | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Incendio a Notre Dame, per Sgarbi non è una tragedia | Sky tg24 | Sky TG24 Ma torni a leggere giornali in TV di cavaliere, come faccevi negli anni 90. Filosofo Sgarbi, e dai. con il senno di poi, vedendo che presumibilmente la struttura muraraia è rimasta in piedi, le sue dichiarazioni appaiono meno fuori luogo, anche se non è una tragedia ma nemmeno una commedia, ma per forza di cose si accetterà anche questa... con un po' di tempo Avesse preso fuoco lui mi sarebbe dispiaciuto di meno.

«Cammino con una stampella ma in acqua non mi ferma nessuno»Cristina è nata con una displasia bilaterale congenita delle anche. «Gli ortopedici mi hanno costruita come un puzzle. Ma ho attraversato a nuoto lo Stretto di Messina»

Lazio, Tare è una furia contro l’arbitro: 'Cronaca di una morte annunciata'Il dirigente biancoceleste furioso dopo le decisioni arbitrali contro il Milan: “Le partite andrebbero decise sul campo, su Milinkovic non è neanche venuto il dubbio”. Silenzio stampa di Simone Inzaghi Tare da squalifica a vita. Non ha nulla di cui lamentarsi. Rigore per il Milan solare e Rodriguez prende palla piena su SMS Vergognoso. Rodriguez prende la palla e subisce una spinta. Ma si lasciamoli parlare, tanto quando non vincono e sempre colpa degli altri.

Crolla una parete a scuola, feriti una maestra e 5 bambini nel NapoletanoL’incidente in un edificio di Sant’Anastasia. Si indaga per capire le cause del cedimento Quando al governo hai uno che tiene alla sicurezza... Era sicuramente una parete dell'isis

Napoli: crolla la parete di una scuola, contusi bimbi e una maestra - CampaniaCrolla la parete di una scuola, contusi bimbi nel Napoletano ANSA Il sindaco:Prima gli immikrati oh che palle dai che dobbiamo fare la tav Allucinante.. la scuola dovrebbe essere il luogo più sicuro. Si sono fregati soldi a volontà ed abbiamo scuole che continuano a crollare.

La prima cosa bella di lunedì 15 aprile 2019Questo spazio recensisce la vita, in positivo. Ogni mattina all'alba metterà in rete una segnalazione che accenda la giornata: un libro (o una sua frase), un film (o una sua scena), una canzone, un gol di tacco, una storia che non leggereste altrove, un'idea, lo scorcio di un palazzo, un gesto, il silenzio di un politico, una cosa bella: la prima

Salvini alla Formula E: 'Per un giorno Roma spicca'. Lite con la Raggi - Cronaca'Non regaliamo soldi a una città - ha attaccato poi - ignorando i problemi delle altre' (ANSA) Fai cagare Salvini. casomai quelli che hanno regalato soldi per poi farsi i fatti loro erano altri, se lo rimembrasse il magnanutella Battuta inutile ma che testimonia lo scopo reale a cui sta tendendo salvini..staccarsi dopo le europee nella convinzione abbia voti sufficienti per stare solo