Una «misteriosa polmonite» fa litigare Cina e Kazakistan

Una «misteriosa polmonite» fa litigare Cina e Kazakistan

11/07/2020 14.35.00

Una «misteriosa polmonite» fa litigare Cina e Kazakistan

Pechino ha diramato un’allerta su un aumento significativo di casi di una malattia sconosciuta. Ma Nursultan smentisce: «Sono contagi da coronavirus non identificati». In aumento le tensioni tra i due Paesi

EmailIn tempi di epidemie, succede che una misteriosa polmonite faccia litigare la Cina e il Kazakistan. Il botta e risposta è iniziato dopo che l’ambasciata cinese nel Paese centro-asiatico ha lanciato un alert su un «significativo aumento» di casi di polmonite sconosciuta e definita più letale del Covid-19 in tre città del Paese.

Un chilometro contromano sulla A5, multato autista di un Tir - Attualità Pd, Letta: ' Mai più al governo con Salvini e la Lega' Migrante di 27 anni muore nel Brindisino: tornava da una giornata di lavoro nei campi

Leggi AncheMongolia, torna la peste bubbonica. Le autorità: «Non mangiate le marmotte»Affermazioni gravi, soprattutto alla luce delle accuse rivolte agli Stati dell’Asia centrale sulla sottostima dei contagi.I casi da nuovo coronavirus in Kazakistan sono aumentati di più di cinque volte dopo che a maggio il governo ha deciso di togliere le restrizioni e dal 5 luglio è stato imposto un nuovo lockdown per frenare l’epidemia.

Una nuova polmonite dunque sarebbe un’ulteriore sciagura per tutta la regione, soprattutto se non controllata. Ma l’ex presidente kazako Nursultan, tutt’ora leader de facto del Paese e risultato positivo al Covid-19 — non ci sta e bolla l’allarme di Pechino con un secco «fake news». headtopics.com

Tutto ha inizio quando due giorni fa sul canale WeChat della sede diplomatica cinese, comprare un messaggio che indica tre focolai diffusisi dalla metà di giugno nelle città di Atyrau, Aktobe e Shymkent. Si tratta di una polmonite non identificata — avverte Pechino — con un tasso di mortalità «molto più alto di quello del nuovo coronavirus»

. Poi i numeri. Secondo quanto riportato dalla sede diplomatica cinese, nella prima metà del 2020 si sono verificate 1.772 morti per polmonite nel Paese,628 delle quali il mese scorso, e tra i decessi ci sono anche quelli di cittadini cinesi in Kazakistan.

Secondo Nursultan — così ora si chiama anche la capitale Astana, ribattezza in onore dell’ex presidente — si tratterebbe di casi di Covid-19 non diagnosticati. «Le informazioni pubblicate da alcuni media cinesi su un nuovo tipo di polmonite in Kazakistan non corrispondono alla realtà». I casi di polmonite «non specificata», aggiunge, sarebbero in linea con i parametri utilizzati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per definire la malattia nel caso in cui l’infezione da coronavirus sia diagnosticata clinicamente o epidemiologicamente, ma non confermata dai test di laboratorio.

Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha gettato acqua sul fuoco e da Ginevra il responsabile del programma emergenze, Mike Ryan, ha sottolineato che la situazione è «sui radar» dell’Oms e soprattutto che «la traiettoria in salita del Covid-19» in Kazakistan «suggerisce che molti di questi casi siano in realtà casi di Covid-19 non diagnosticato». headtopics.com

In Edicola sul Fatto Quotidiano del 25 Giugno: Grillo sfascia tutto. Conte pronto all’addio - Il Fatto Quotidiano Scontro Ue-Orban, Bruxelles scrive all'Ungheria: 'La vostra legge viola le norme europee' - Europa Nel Bresciano un agricoltore uccise due gatti, confermata la condanna a un anno e otto mesi

Il tutto mentre la stessa Pechino ha poi fatto marcia indietro, con il portavoce del Ministero degli Esteri di Pechino, Zhao Lijian, che ha tranquillizzato «aspettiamo di apprendere maggiori informazioni e spera di lavorare assieme al Kazakistan per combattere l’epidemia e salvaguardare la salute pubblica in entrambi i Paesi».

Lo scambio va letto anche alla luce dei rapporti economici tra i due Paesi. Nonostante la Cina sia un partner economico fondamentale per il Kazakistan,PetroChina ha infatti annunciato la sospensione delle importazioni di gas naturale dall’Asia centrale, con Kazakhstan e Turkmenistan che sono i principali fornitori.

Ma non solo. Violenze sono scoppiate lo scorso 7 febbraio fra cittadini kazaki dei villaggi di Masanchi, Sortobe, Auqatty e Bulan-Batyr, nei pressi del confine col Kirghizistan, e dei dungani, un gruppo etnico musulmano di origine cinese.Iniziate all’apparenza a causa di un incidente stradale, le violenze hanno provocato undici morti,

il ferimento di 19 agenti di polizia e il danneggiamento parziale o totale di 30 abitazioni, 17 edifici commerciali e 47 autovetture. Dallo scontro iniziale avvenuto in strada, infatti, l’ondata di rabbia si è diffusa nei centri abitati vicini grazie alla pubblicazione su Internet dei filmati dei primi tafferugli. headtopics.com

Infine i rapporti sino-kazaki sono stati inoltre messi a dura prova dalla campagna di de-radicalizzazione delle autorità di Pechino nella provincia dello Xinjiang,un’area in cui, secondo le stime delle Nazioni Unite, oltre un milione di musulmani uiguri si troverebbero in stato di arresto nei cosiddetti campi di rieducazione. Le politiche cinesi hanno colpito anche i kazaki che vivono nello Xinjiang. E nonostante il governo di Nursultan non abbia mai rivolto critiche dirette contro la controparte di Pechino, limitandosi a chiedere che gli uiguri di nazionalità kazaka vengano rilasciati, a livello locale non sono mancate le proteste popolari

e una sempre maggiore insofferenza contro l’invasiva presenza cinese.11 luglio 2020 (modifica il 11 luglio 2020 | 12:52) Leggi di più: Corriere della Sera »

Siparietto Draghi-Casellati: 'Forse la presidente mi ha tolto parola' - Italia

Lei: 'Non mi permetterei' (ANSA)

Sarà vero? No. Fake news.

La bimba può avere solo una mamma: lo ha deciso il comune di Genova - VanityFair.itIl Comune di Genova ha vinto l'appello con cui chiedeva che venisse negata la bi-genitorialità a due madri. Così, una bambina di due anni ha perso il diritto più importante Retrogradi e bigotti. Ecco come siamo a questo Paese. Ma perché creare sofferenza inutile?!

Accusato di omicidio stradale, Michele Bravi patteggia una condanna a un anno e sei mesiIl cantante era accusato di omicidio stradale per il drammatico incidente avvenuto il 22 novembre del 2018, nel quale morì una donna che viaggiava in sella ad una moto Troppo poco. Bello schifo Funziona la nuova legge sull'omicidio stradale, 1 anno e 6 mesi per aver ammazzato una persona che tradotto vuol dire ZERO giorni di carcere.

Raf Simons: per i suoi 25 anni una capsule revival - VanityFair.itIn risposta all'incredibile «hype» generato attorno alle sue creazioni passate, ma soprattutto per celebrare il suo 25esimo anniversario, il designer sta per svelare una collezione che rilancia 100 dei suoi capi più iconici

Perché con questi metodi di depilazione sul viso scrivi una lettera di addio ai peli superfluiSe scegli di depilarti, leggi qui!

Virus, i contagi diminuiscono poco d’estate e in autunno si teme una nuova ondataCaro Russo, leggendo i giornali e guardando i tg emerge chiaramente che i numeri dei contagi in Italia al momento sono abbastanza bassi, però c’è un elemento che, secondo me, ci deve fare molto preoccupare: i nuovi casi sono costanti, non diminuiscono da settimane, gli scostamenti sono poco significativi. Come è possibile? Mi sembra, ma dica lei se sbaglio, che stiamo perdendo un'occasione importante. Non dovevamo sfruttare queste temperature alte, visto che il virus fatica maggiormente a circolare, per avvicinare allo zero la sua presenza? Invece, la discesa si è fermata. Qualcosa non sta funzionando… Il fatto poi che pare evidente che questo virus sia sensibile al fattore climatico, fa aumentare molto i timori di una nuova ondata di contagi per l’autunno-inverno. Cordialità Pasquale Bruni Caro Pasquale, lei non sbaglia affatto. Dal 19 giugno nei bollettini della protezione civile abbiamo assistito alla solita altalena quotidiana dei contagi, che in tutto questo tempo non sono però diminuiti più di tanto: erano 251 allora, sono 229 oggi. E oltre la metà dei casi registrati in quest’arco di tempo sono stati notificati in un’unica regione, la Lombardia. Numeri bassi, sia chiaro, ma non come ci si aspettava con l’arrivo dell’estate, nemica del virus, sia perché tutti in questo periodo facciamo vita all’aperto, dove è più difficile la trasmissione del contagio. E vuoi anche per le alte temperature, che fanno evaporare rapidamente le famigerate goccioline, il “droplet” attraverso il quale tossendo o starnutendo, ma anche parlando ad alta voce si trasmette il virus. Che qualcosa non stia funzionando lo dice anche il direttore del laboratorio di microbiologia e virologia dell’Università di Padova, Andrea Crisanti, uno che le dinamiche dei virus le ha insegnate dall’alto di una cattedra al prestigioso Imperial College di Londra. «Basta guardare i numeri della Lombardia – dice - per capire che non si sta facendo il tracciamento dei casi, perché altrimenti il calo sarebbe pr

Mercedes 500E, una macchina straordinaria: ma cercate la Limited del 1994Meno di 500 esemplari con cerchi da 17” con disegno a stella, abitacolo con rivestimenti bicolore in pelle e Alcantara e rifiniture in legno scuro