Italia, Annalisa Camilli, Femminismi, Regione Lazio, Lucha Y Siesta, Donne, Casa Rifugio

Italia, Annalisa Camilli

Un fondo regionale per salvare la casa delle donne Lucha y siesta

La regione Lazio ha stanziato 2,4 milioni di euro per salvare la casa per donne vittime di violenza di Roma che rischiava lo sgombero.

23/12/2019 16.27.00

La regione Lazio ha stanziato 2,4 milioni di euro per salvare la casa per donne vittime di violenza di Roma che rischiava lo sgombero.

La regione Lazio ha stanziato 2,4 milioni di euro per salvare la casa per donne vittime di violenza di Roma che rischiava lo sgombero. Leggi

(Simona Granati, Corbis/Getty Images)23 dicembre 2019 12:41Il 21 dicembre il consiglio regionale del Lazio ha approvato un emendamento al bilancio che prevede lo stanziamento di 2,4 milioni di euro per salvare la casa rifugio per donne vittime di violenza Lucha y siesta di Roma. L’edificio, nel quartiere Tuscolano, è stato occupato da un gruppo di attiviste nel 2008 e si è trasformato in un punto di riferimento per le donne nella capitale per le sue attività di centro antiviolenza, di casa rifugio per vittime di violenza, ma anche per le sue attività culturali. Tuttavia dal 15 settembre la struttura, di proprietà dell’Atac (l’azienda del trasporto pubblico locale)

G7, Draghi: 'Cina è autocrazia che non aderisce alle regole multilaterali, non condivide la stessa visione del mondo delle democrazie' - Il Fatto Quotidiano La moglie di Johnson al G7 con abiti noleggiati Il sondaggio di Pagnoncelli | Meloni sorpassa la Lega di Salvini. Pd primo partito (ma il centrodestra resta avanti)

, dopo che il tribunale aveva comunicato che sarebbe stata messa all’asta.Le attiviste da quel momento hanno cominciato una campagna per salvare la casa, costituendoil comitato “Lucha alla città”con l’idea di raccogliere i soldi per creare una fondazione e partecipare all’asta giudiziaria per ricomprare l’edificio. Obiettivo molto ambizioso perché il valore dell’immobile era stato fissato a due milioni di euro. Le attiviste avevano chiesto alle istituzioni di garantire almeno il diritto di prelazione per l’acquisto dell’immobile. Ma dopo mesi di raccolta fondi e di decine di iniziative in sostegno della struttura, diventata un simbolo della mancanza di posti per vittime di violenza nella capitale, la regione Lazio ha stanziato delle risorse che potrebbero permettere sia di ricomprare l’immobile dall’Atac sia di acquistare un altro immobile che consenta di aprire una struttura simile a quella esistente altrove, senza che interrompere il servizio.

Solo un inizioIn tutto a Roma sono disponibili 25 posti letto per donne che scappano dalla violenza, mentre secondo la convenzione di Istanbul in una città delle sue dimensioni dovrebbero essere trecento. La casa rifugio Lucha y siesta al momento fornisce il 60 per cento dei posti letto disponibili nella capitale. Inoltre nelle altre quattro case rifugio attive a Roma le donne vittime di violenza possono essere ospitate per un periodo massimo di sei mesi. Secondo le operatrici e gli esperti, invece, per una donna che ha subìto violenza c’è bisogno di almeno un anno per rimettersi in sesto e ricostruire un percorso di autonomia, soprattutto se ci sono dei figli. A undici anni dalla nascita del progetto Lucha y siesta, tuttavia, la mancanza di strutture per le donne che vogliono uscire da una situazione di violenza è ancora un problema strutturale nella capitale. headtopics.com

Soddisfazione è stata espressa dai dieci consigliere e consiglieri firmatari dell’emendamento: Michela Di Biase, Marta Leonori, Eleonora Mattia eFabio Refrigeri del Pd; Marta Bonafoni, Gino De Paolis e Gianluca Quadrana della lista Civica Zingaretti; Marco Cacciatore del Movimento 5 stelle; Alessandro Capriccioli di +Europa Radicali; Daniele Ognibene di Leu. L’obiettivo, hanno spiegato, è stato “mettere in sicurezza un’esperienza unica in Italia e stimata anche oltre i nostri confini, capace in undici anni di restituire vita e autonomia a centinaia di donne e bambini e in pochi mesi di mobilitare intorno alla propria battaglia intellettuali e semplici cittadini, artisti e giornali, quartieri e istituzioni”.

Le attiviste di Lucha y siesta hanno accolto la notizia dei fondi regionali con sollievo: “Le informazioni che ci arrivano dalle regione ci riempiono di speranza e nuova energia per portare avanti la nostra battaglia”, ha commentato Simona Ammerata. ma allo stesso tempo hanno chiesto chiarimenti sui prossimi passi previsti: “Ci auguriamo che si chiariscano al più presto i tempi e le modalità dei successivi passaggi”. Al momento abitano nella casa 17 donne che hanno subìto violenze psicologiche, fisiche o economiche soprattutto dai loro familiari, in particolare dai mariti o dai compagni. In undici anni di attività la casa ha dato ospitalità a più di cento donne con i loro figli. “Sappiamo che nulla sarebbe potuto accadere senza la nostra convinzione di essere nel giusto e la solidarietà il sostegno di una comunità ampia che conta migliaia di donne e persone in tutta Italia che si sono attivate in questo periodo e che hanno fatto nascere il comitato Lucha alla città”, ha detto Ammerata.

Leggi di più: Internazionale »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

“Questo prodotto arriva dai lavori forzati”, la Tesco sospende un fornitore cinese - La StampaLa denuncia partita da un cliente che avrebbe trovato un bigliettino dentro una carta natalizia. Ben fatto !🤔😳

Maltempo, cade un albero e muore schiacciato un uomo di 62 anniA Napoli, nella periferia occidentale della città: subito soccorso dal 118, i medici hanno potuto solo constatarne il decesso. Allerta maltempo sull’asse Cremona-Mantova, in Irpinia ingenti danni a causa della pioggia

“Vorrei cavalcare un unicorno”, esaudito il sogno di un bimbo di cinque anni con un tumore al cervello - La StampaWyatt Haas aveva tanto mal di testa. Ma in realtà il suo problema era molto più grave: al bambino di cinque anni del Montana è stato recentemente diagnosticato un medulloblastoma, un raro tumore maligno che colpisce il cervelletto specialmente in età infantile e che può facilmente diffondersi a tutto il ...

Chiambretti è l’anima della “Repubblica delle donne”, per Salemme un compito troppo difficile - La StampaPiero Chiambretti, anima della «Repubblica delle donne», in onda il mercoledì su Rete4, resta un talento purissimo: in quanto tale, bravo a trovarne, altri, talenti, a portarli all’onor del mondo, a farli conoscere, nonostante le caratteristiche sempre vagamente, o decisamente, «border», ai confini dei suoi personaggi. Uno per tutti: il tanto ora celebrato Costantino della Gherardesca debuttò proprio con Chiambretti, che lo aveva annoverato nel suo bestiario. Al quale appartiene a buon diritto Cristiano Malgioglio, sparato tra gigantografie e troni e gabbie, anche quando in una scenetta della «Repubblica delle donne» veniva dato per perso e quindi cercato a «Chi l’ha visto». Questa volta, nella seconda edizione del programma, la scenografia è la navata di una chiesa. Solo lui, Chiambretti. E lo accompagna la Monaca di Monza, che adesso però sta a Ponza, e che è Massimo Lopez. Bene ha fatto il conduttore torinese, in questo suo lavoro di scoperta e riscoperta di personaggi, a rivolgersi a uno dei componenti di quel Trio che fu grande: c’erano lui, Lopez, più Tullio Solenghi e Anna Marchesini, troppo presto scomparsa. Lopez conferisce al programma un tale tocco di classe, mescolato al trash (se vuole lui lo sa fare benissimo), che il programma vola subito. Non negli ascolti, però, in fondo è una trasmissione di nicchia trasferita in prima serata. Il teatro palpita, la televisione no Il teatro in televisione è uno dei generi più rimpianti: tutta la prima generazione di bambini cresciuti con il piccolo schermo, i bambini degli Anni Settanta, tutti, o quasi, ricordano con nostalgia i «venerdì della prosa», con la mitica frase che annunciava l’intervallo: «Due colpi di gong segneranno l’inizio del secondo tempo tra due minuti circa». Rivedere il teatro in tv potrebbe essere una scommessa assai apprezzata, sia per l’immaginario collettivo degli italiani, sia per l’importanza oggettiva del genere, e le sue potenzialità. Vincenzo Salemme si è assunto il difficile compito. E

La Natività modificata di Banksy a Betlemme: un colpo di mortaio al posto della stella cometaBanksy ha di nuovo scelto Betlemme in Cisgiordania e l'hotel 'Walled off', da lui inaugurato nel 2017 a ridosso del Muro di protezione di Israele, per la sua ultima opera Betlemme bellissimo Non lo chiamerei muro di protezione....

La stella cadente di un ex sindacodi Aldo Grasso Non lo prescrive alcun medico di fare il sindaco: tutti i politici dovrebbero sparire dall'orizzonte e perdersi nell'oblio. Eh lui non ha i soldi di una sua fondazione e non ha regalato alle banche 60 MLD di euro. E non trova chi gli “presta” (avendo avuto un incarico governativo dal debitore) ben 400.000€. Ex sindaci. Ce ne sono solo di due tipologie.