Ue, cancelliere austriaco Kurz: Italia vada in direzione riforme

L'intervista dalla Frankfurter Allgemeine am Sonntag

12/07/2020 12.55.00

Ue, cancelliere austriaco Kurz: Italia vada in direzione riforme. 'Negligente' non chiedere come spenderà i soldi

L'intervista dalla Frankfurter Allgemeine am Sonntag

Quando gli si chiede se abbia interesse a che le cose vadano bene al secondo partner commerciale, risponde:"Siamo ovviamente interessati a uno sviluppo positivo nel paese confinante. ma i vicini si conoscono anche bene", afferma sottolineando che in passato non sempre le riforme hanno avuto successo.

Finge di ordinare una pizza al 112 e fa arrestare il compagno violento, Conte telefona al poliziotto che ha aiutato la donna di Torino - Il Fatto Quotidiano 'Sta diventando calva e brutta', offese alla Meloni su Facebook: Paola Pessina lascia la vicepresidenza della Fondazione Cariplo - Il Fatto Quotidiano Bando per i nuovi banchi, arrivate 14 offerte. Quando Salvini parlava di 'regalo ai cinesi', Forza Italia di 'flop' e Iv chiedeva 'chiarimenti' - Il Fatto Quotidiano

"In Italia già nel passato programmi di stimolo promossi dall'Europa non hanno avuto il successo sperato. Il Paese ha ora come prima bisogno di combattere l'economia illegale e ha sistemi poco competitivi, dalle pensioni al mercato del lavoro", continua Kurz."Se noi vogliamo spendere 750 miliardi dobbiamo chiederci: chi dovrebbe pagare, chi dovrebbe riceverli, e per cosa dovrebbero essere spesi? il contrario sarebbe negligente".

Sarebbe"negligente" non chiedere come l'Italia spenderà i soldi del Recovery Fund, afferma Sebastian Kurz in una grande intervista alla Frankfurter Allgemeine Zeitung."Ovviamente siamo interessanti ad uno sviluppo positivo del nostro Paese vicino. Ma sono proprio i vicini quelli che conosciamo bene. In Italia diversi programmi di sostegno dell'Ue non hanno portato il risultato sperato. Il Paese deve ancora combattere con molta economia sommersa, e dalle pensioni fino al mercato del lavoro ha ancora sistemi che non sono competitivi". Pertanto, insiste il cancelliere austriaco,"se dobbiamo spendere 750 miliardi di euro, dobbiamo chiederci: chi li deve pagare, chi li deve ricevere, e per cosa devono essere spesi? Tutto il resto sarebbe negligente".

"Bisogna andare nella direzione del programma di riforme dell'Italia: abbattimento della burocrazia, lotta contro l'evasione fiscale, sistemi economici competitivi", afferma Sebastian in un'intervista alla Frankfurter Allgemeine Zeitung. Tuttavia, aggiunge il cancelliere austriaco,"anche di altri Paesi potrei nominare i punti deboli. Ma in Spagna, Portogallo o Irlanda abbiamo vissuto riforme intense sotto la pressione dei programmi d'aiuto. E in Grecia non dovremmo neanche parlare a lungo di condizioni: il nuovo premier Kyriakos Mitsotakis le riforme le fa da solo".

Leggi di più: Rainews »

Tu vai nel ce... Italia, un premier con un minimo di dignità: Kurz pensi al suo paese e l'Austria vada in direzione non espressa per buon gusto. Il servile accattonaggio e l'immagine da questuanti in Europa è una vergogna e uno schiaffo in faccia agli Italiani onesti. Austria🤔che cazzo e’ Ha mille volte ragione! Se ne fregano di cosa fare basta che abbiamo la poltrona, il vitalizio e l'auto blu !

Che si debba prendere lezione da questo! Orecchie da nazista Ottimo, la prima riforma è il federalismo totale. Giusto L’invito a fare le riforme....poi per il resto.... Avete dimenticato che la UE ci disse che gli italiani devono imparare per chi votare? L' Italia non è il governo attuale, non prendiamo ordini da governi sleali della UE tantomeno da paesini che hanno beneficiato dei sacrifici degli italiani, ricordo che l' Italia ha sempre pagato i propri debiti. Indaghiamo sui comportamenti illegali della UE contro l' Italia !

Comunque é un'intervista di un quotidiano tedesco di tradizione conservatrice a un premier Austriaco di impostazione neonazionalista, e parlano dell'Italia... Cosa aspettarsi? A NON FIDARSI DI QUESTO GOVERNO NON È SOLO LA MAGGIORANZA DEGLI ITALIANI.!!!!!! ANCHE GLI EUROPEI NON SI FIDANO,TEMONO AL BONUS MONOPATTINO.!!!!!

Piccoli paesi come Austria (nazisti )in Europa, NON RIESCONO A CAPIRE CHE SENZA L ITALIA LORO NEANCHE ESISTEREBBERO IN UERIDICOLI NAZISTI Ma il Cancelliere non è sempre lo stesso che già due anni fa polemizzava con l'Italia Austria, Olanda, Svezia e Danimarca hanno versato per anni meno del dovuto al bilancio EU. Perché? Perché non ne rende conto

Ma chi è costui Ci deven daren CULEN E CONTEN di comen spender nostren solden UE ! Perché come cazz parla questo piccolo paese come Austria piccoli nazisti! !!!SENZA L ITALIA PAESINI COME L AUSTRIA NEANCHE ESISTONO NAZISTI SCHIFOSI A parte il fatto che non ci si deve ingerire negli affari interni di uno Stato sovrano, ma quali sarebbero queste riforme? Deminutio di diritti sociali, del welfare, dei diritti dei lavoratori? Riforme liberiste?

È inconcepibile che un paesino con l’Austria possa permettersi tanto. Questo è uno dei paradossi di un’Europa costruita proprio male..... Quando non sai fare i conti con le Mafie... Il 'moccolone' che vuole dare lezioni Se gli austriaci pensano che l'Italia possa cambiare si sbagliano, l'Italia è semplicemente un esperimento fallito da superare al più presto.

Il governatore di una specie di Land tedesco con un altro nome con meno abitanti della Lombardia spiega a un paese con 60 mln di abitanti cosa deve fare. Il problema è che chi rappresenta indegnamente i 60 mln lo sta a sentire invece di mandarlo dove merita... Austria FOTTETEVI nazisti di merda Ha ragione.

Hai ragione su questo Kurtz ! Preferisco essere un'italiana povera che un ricco, intransigente e duro cittadino austriaco! Lutte dovrebbe imparare a capire che la sua posizione in Italia e marginale non avendo compreso che il Principe Imperiale d Austria non gradisce ingerenze. Pier François I Secli Nois Medici

Sarò pure “salmone” in questa storia .... ma nessuno pensa che l’Italia ha BISOGNO di riforme? Sono l’unico a pensare che sto paese DEVE cambiare ? che poi non ce lo devono dire gli altri sono d’accordo! MA STO PAESE VA CAMBIATO Ha ragione. In caso dovessimo buttare altri mld in spesa assistenziale per accontentare le clientele elettorali.

Adesso pure i pidocchi hanno la tosse.

Ue, la nuova proposta Michel: Recovery fund invariato, mini-taglio al bilancioL'ammontare del bilancio si riduce da 1100 miliardi a 1074 miliardi di euro. Il Fondo per la Ripresa resta del valore di 750 miliardi di euro (500 di sussidi e 250 di prestiti)

Ricerca: per partecipanti a programmi Ue più occasioni lavoroLeggi su Sky TG24 l'articolo Ricerca: per partecipanti a programmi Ue più occasioni lavoro

Recovery Fund, Orban: 'Se si confonde politica con economia non ci sarà bilancio Ue''Non consiglio ai grandi stati dell'Ue di tentare di sanzionare i comportamenti degli altri' ha detto il premier ungherese che ipotizza di porre il veto al piano di Recovery Fund dell' Ue se condizionato al rispetto dello stato di diritto. Il partito democratico (Dk) accusa Orban di cercare di ricattare l'Ue Gli ultimi arrivati e pretendono di fare quello che vogliono! Speriamo. Grazie Orban Ma perché dobbiamo tenerci sti paesi? A quando una unione europea seria?

Parlamento Ue: quattro condizioni per dire sì ad accordo dei 27 per rilancio post Covid-19Un accordo tra i governi al Consiglio europeo non è l’accordo definitivo. Subito dopo la fumata bianca al vertice Ue – se ci sarà – sarà la volta del negoziato...

Recovery fund, il presidente del consiglio Ue Michel conferma la proposta di 750 miliardi per i negoziati: 'Tutti facciano un passo' - Il Fatto QuotidianoIl presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha finalmente ufficializzato la sua proposta negoziale sul Recovery fund e sul bilancio Ue 2021-2027 che dovrebbe fare da base per le trattative fra i capi di Stato europei durante il decisivo vertice del 17-18 luglio. Confermata l’entità del fondo per la ripresa chiesto a gran voce dall’Italia: … Fatelo alla svelta , il passo del virus non aspetta

F1, Gp Stiria: qualifiche in diretta Cala la pioggia, tutti vanno in pistaSecondo appuntamento del Mondiale sempre sul circuito austriaco, la caccia alla pole condizionata dal maltempo. Che pagliacciata.