Ucciso Al Baghdadi? Ma chi era il leader dell’Isis? - VanityFair.it

Morto a 48 anni, si è fatto esplodere in un tunnel, durante un’operazione militare Usa. Ma ci sarebbe già un suo successore

28/10/2019 21.00.00

Morto a 48 anni, si è fatto esplodere in un tunnel, durante un’operazione militare Usa. Ma ci sarebbe già un suo successore

Morto a 48 anni, si è fatto esplodere in un tunnel, durante un’operazione militare Usa. Ma ci sarebbe già un suo successore

si è fatto esplodere in un tunnel«senza uscita» insieme a tre bambini, forse suoi figli, durante un’operazione militare Usa, fuori dalla città di Barisha, nella provincia di Idlib, nel nordovest della Siria. A confermare la sua morte è stato Donald Trump, durante una conferenza stampa alla Casa Bianca.

Bari, 54enne in rianimazione: “Ischemia dopo vaccino”. Era in cura per “trombosi venosa periferica”. Il 26 maggio immunizzato con J&J - Il Fatto Quotidiano Pubblica amministrazione, il primo concorso con la 'formula Brunetta' è un flop: allo scritto si presenta poco più della metà degli ammessi. Ministero costretto a riaprire le selezioni - Il Fatto Quotidiano Il Fatto di Domani del 14 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano

A tradirlo è stata, arrestata la scorsa estate. Come riporta ilNew York Times, è stata la donna, in un interrogatorio, a confessare la località in cui Al Baghdadi si trovava. Grazie a questa informazione, la Cia ha potuto lavorare con le intelligence irachena e curda per individuare la posizione esatta in cui il leader si trovava e seguirlo in un raid.

Chi eraSi chiamava Ibrahim Awwad Ibrahim al-Badri, aveva 48 anni ed era nato nella città irachena di Samarra. La sua era una devota famiglia musulmana sunnita che diceva di essere direttamentediscendente da Maometto(questa affermazione in seguito si rivelerà vitale per aiutare Baghdadi a diventare leader del califfato islamico). Sembrava puntare a una vita tranquilla come professore della legge islamica. Ma l’invasione americana dell’Iraq nel 2003 ha ribaltato i suoi piani e lo ha lanciato verso la jihad violenta. headtopics.com

Fin da adolescente, era affascinato dalla storia islamica e dalle sue complessità. Come scrive ilWashington Post, i suoi conoscenti lo ricordano come un giovane austero, studioso, religioso, miope, con gli occhiali con la montatura metallica e nessuna nota attitudine per combattere e uccidere. Che

amava il calcioma preferiva trascorrere il suo tempo libero nella moschea locale. «Aveva sempre libri religiosi o di altro genere sulla sua bici», ricorda, parlando conNewsweek, Tariq Hameed, un conoscente. Il giovane Ibrahim disprezzava gli abiti occidentali che piacevano ai giovani di Samarra, preferendo il tradizionale berretto da preghiera, la barba e la tunica dishdasha bianca da religioso devoto.

Laureato presso l’Università di Baghdad nel 1996, ha conseguito un master in recitazione coranica presso l’Università di Saddam. Ed è diventato sempre piùconservatore: i conoscenti ricordano che all’università era indignato alla vista di uomini e donne che danzavano nella stessa stanza durante le feste di matrimonio. Nel 2003, a 31 anni, stava per raggiungere il dottorato e ottenere una cattedra. Ma dopo che le truppe statunitensi hanno invaso l’Iraq, quell’anno, e il regime di Saddam Hussein è stato destituito, Ibrahim è entrato a fare parte della cosiddetta

«insurgency», una rivolta violenta contro il nuovo governo iracheno sciita e contro i soldati americani presenti nel paese, spiegando in seguito di averlo fatto come un dovere religioso. Ci sarebbero voluti altri quattro anni, prima che tornasse all’Università per discutere la sua tesi. headtopics.com

Biden unisce la Nato contro Cina e Russia: “Sono una minaccia” In Edicola sul Fatto Quotidiano del 15 Giugno: Vaccini nel marasma e nessun dato su AZ. Ora parli Draghi - Il Fatto Quotidiano Usa, espolosione in uno stabilimento chimico dell'Illinois: evacuata cittadina di Rockton

Nel 2004 fucatturato dagli americania Falluja e trasferito nella prigione di Camp Bucca, nel sud dell’Iraq, che era gestita dagli Stati Uniti: fu allora che conobbe diversi altri leader jihadisti, e dopo la morte del primo capo dell’Isis, Abu Musab al Zarqawi, divenne vice del suo predecessore, Abu Omar Al Baghdadi. E quando, nel 2010, anche Al Baghdadi morì, facendosi esplodere, Ibrahim

divenne leaderdell’organizzazione, con il nome di Abu Bakr al Baghdadi. Con lui l’Isis si staccò definitivamente da Al Qaida e cominciò a combatterla, conquistando tutti i territori che sarebbero diventati parte del Califfato Islamico.Nel 2014, dal pulpito della Grande moschea di al Nuri di Mosul, appena conquistata dall’Isis, Al Baghdadi si presentò come un diretto discendente di Maometto e esortò tutti i musulmani a seguirlo.

L’uomo al timone dello Stato islamico erauna «presenza oscura»:è apparso in pubblico solo una manciata di volte e raramente ha permesso di sentire la propria voce. Durante il suo mandato, lo Stato Islamico è arrivato a rispecchiare il suo leader, una figura messianica attratta dalle interpretazioni più dure dei testi islamici e convinta che tutti i dissidenti dovessero essere messi a morte.

L’Occidente lo ha conosciuto come il terrorista più ricercato del mondo, responsabile delledecapitazioni – filmate– degli ostaggi occidentali e dei sanguinosi attentati negli Stati Uniti e in Europa (come gli attacchi del 2015 a Parigi). A capo dell’organizzazione terroristica più potente e ricca di sempre, Al Baghdadi ha costruito un vero e proprio stato, il Califfato Islamico, autonomo finanziariamente e dotato di istituzioni proprie, grande come il Belgio. headtopics.com

A una visione estremista dell’Islam, Al Baghdadi univa un «astutopragmatismo»: fece convivere jihadisti radicali, ex funzionari baathisti (del partito Baath, che fu anche il partito di Saddam Hussein) iracheni e ufficiali militari in una unica ed efficiente forza militare che riuscì a conquistare una buona parte della Siria e dell’Iraq in pochi mesi.

Che cosa ne è dell’IsisMolti analisti, tuttavia, hanno sottolineato che la sua morte non decreterà la fine dell’Isis, che aveva già cominciato a riorganizzarsi per sopravvivere alle sconfitte militari subite in Siria e in Iraq e alla fine del Califfato Islamico. Inoltre l’Isis potrebbe sfruttare gli scontri tra turchi e curdi, nel nordest della Siria, che potrebbero portare alla

Mix vaccinale, Aifa dà ok alla seconda dose con Pfizer o Moderna dopo la prima di AstraZeneca per gli under 60. Richiamo in 8-12 settimane - Il Fatto Quotidiano Lettera di Graviano alla ministra Cartabia: silenzio di politica e giornali. Interviene solo Morra Euro2020, Schick segna da centrocampo: ecco i gol più famosi da distanza impossibile

liberazione di centinaia di milizianidetenuti nelle prigioni curde. Inoltre, in quanto terrorista più ricercato al mondo, Al Baghdadi non aveva comunque più molta libertà di spostarsi e di prendere decisioni nodali.L’Isisè ancora vivo e pericoloso

, con le sue cellule clandestine che rimangono attive soprattutto in Siria e Iraq. Da quando è stato dichiarato sconfitto militarmente in Iraq nel dicembre 2017 e in Siria nel febbraio 2019, l’organizzazione sembrava essere guidata da una serie di capi locali. Ma parre che il successore il Al Baghdadi sia già stato designato: secondo il

Newsweeksi tratterebbe diAbdullah Qardash, che sarebbe stato scelto lo scorso agosto proprio da al-Baghdadi come numero uno della divisione «Muslim affairs» dell’Isis. Non si sa molto di lui, se non che è stato un ex militare dell’Iraq, che ha servito sotto Saddam Hussein. Secondo Robert Baer, ex operativo della Cia, esperto di Medio oriente e terrorismo, «il successore di Al baghdadi «sarà sicuramente qualcuno più efficace e pragmatico, o forse più razionale», come ha detto a

La Stampa. «Le atrocità compiute da Al Baghdadi hanno resolo Stato islamico inaccettabileper la stragrande maggioranza de musulmani, anche per alcuni di quelli allineati su posizioni più radicali». Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Media Usa: il capo dell’Isis al Baghdadi forse ucciso in un raidWashington ha lanciato un raid contro al-Baghdadi nel nord della Siria, uccidendo con ogni probabilità il leder dell'Isis Si scrive LEADER cazzo!!!!! Ma è padre Pio🤔🤔🤔 Con ogni probabilità...ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahhahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahhhhhahahahahhaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Blitz americano contro Al Baghdadi: “Correva e piangeva, poi si è ucciso” - La StampaLe forze speciali assaltano in Siria il nascondiglio del capo dell’Isis. Due ore di battaglia contro gli jihadisti. i vincitori sono sempre belli, biondi , alti e coraggiosi...anche perché i perdenti di norma sono morti e non scrivono articoli

Media Usa: il capo dell’Isis al Baghdadi forse ucciso in un raid. Trump: «Qualcosa di grande»Washington ha lanciato un raid contro al-Baghdadi nel nord della Siria, uccidendo con ogni probabilità il leder dell'Isis

Omicidio Roma, spunta un video: nessuna rissa, Anastasiya era lontana quando Luca è stato uccisoIl sospetto: la fidanzata era distante al momento dello sparo. Non ci sarebbe stata rissa, il personal trainer forse ucciso a sangue freddo dopo che aveva capito che l’affare non sarebbe andato a buon fine Qualcosa non quadra in questa bruttissima vicenda Tra un po’ esce fuori che era una resa dei conti? Aspettiamo che barbara d’urso faccia un po’ di chiarezza sul caso 😏

Pallacanestro Biella ko nel derby con Casale, ma saluta il rientro di Lombardi - La StampaL'Edilnol e i suoi 200 tifosi tornano a bocca asciutta dal derby di Casale: la Novipiù lo ha vinto 74-65 in difesa, costringendo a percentuali sotto la media Biella e limitando soprattutto Giordano Bortolani, pericolo pubblico numero uno, uscito dal campo con un 2/10 al tiro. I padroni di casa sono stati anche più fluidi ed efficaci in attacco, restando in vantaggio fin dalla prima azione, e sono stati sempre pronti a ricacciare indietro qualsiasi tentativo ospite di riavvicinarsi. La vera nota positiva per coach Galbiati sono i 10 minuti in campo di Eric Lombardi, cinque mesi dopo l'infortunio di maggio quando era a Treviso a giocarsi i playoff promozione. Tornerà più che utile fin da mercoledì, per l'altro derby del Forum contro Tortona. Edilnol e Novipiù non presentano sorprese nei quintetti alla palla a due: Saccaggi, Bortolani, Polite, Donzelli e Omogbo da una parte, Denegri, Tomasini, Roberts, Sims e Martinoni dall'altra. Le novità sono in panchina, non solo con Lombardi pronto a giocare ma anche con Deangeli a referto accanto a Paolo Galbiati, mentre Mattia Ferrari riabbraccia, almeno nei dodici, Valentini dopo l'infortunio al ginocchio. L'avvio è di marca casalese: la difesa aggressiva funziona quando si tratta di tagliare fuori dalla linea del fuoco Bortolani e in attacco l'ordine premia le mani dei tiratori italiani, quando il piano della retroguardia biellese prevedeva attenzione massima su Sims e Roberts. Il primo break è sull'11-4 con Martinoni e Tomasini a dividersi la palma di top scorer. Quando l'Edilnol si avvicina sul 13-12 con due triple di Donzelli e di Omogbo, ci pensa un gioco da quattro punti proprio di Tomasini a ricacciare indietro le speranze di Saccaggi e compagni. Alla prima sirena si arriva sul 19-12 e Galbiati deve leggere uno score con uno sconfortante 3/11 da due e 2/8 da tre, e con Bortolani ancora senza tiri dal campo. Il secondo periodo inizia con Eric Lombardi in campo cinque mesi dopo l'infortunio al tendine d'achille ed è fatto

L'editoriale | Dall’Umbria un segnale chiaro — ma con conseguenze incerteQuella di ieri è una consultazione locale con un’indubbia eco nazionale, alla quale hanno contribuito sia il governo, sia l’opposizione. Ridurne il peso sarebbe un errore | L'editoriale di Massimo Franco per il Corriere 'Segnale chiaro...conseguenze incerte' nebbia in Via Solferino 😁 Cosa ne pensa UrbanoCairo? Conseguenze certissime per l'umbria: dopo mezzo secolo finisce una odiosa dittatura