Moda

Moda

Travolte da... (in)solita passione per gli accessori di primavera - La Stampa

Travolte da... (in)solita passione per gli accessori di primavera

18/02/2020 09.04.00

Travolte da... (in)solita passione per gli accessori di primavera

«Gli accessori sono la punteggiatura dell’abito». Parola di Coco Chanel. Prova a sbagliarli e mandi tutto a pallino. Borse, scarpe, foulard, occhiali, pashmine&co sono tentazioni in continuo divenire. A ogni brezza, a ogni cambio di stagione, mutano, sposano trend diversi. E noi non ne abbiamo mai abbastanza. Difficile sceglierli? No, se si tiene presente una regoletta semplicissima, quella dei contrasti. Tailleur serio uguale borsa e calzature ardite, o viceversa. L’importante è uscire dalla banalità dei coordinati, dei completini, poi il gioco è fatto. Da giovedì sulle pagine de La Stampa vi racconteremo quali saranno le mode del prossimo autunno inverno. Intanto, oggi, vi segnaliamo gli accessori di punta per la primavera estate, adatti ai vari tipi di donna. Cominciamo dalle borse: sono segnaletiche. Tradiscono la personalità di chi le sceglie rivelandone vizi e virtù. Per qualcuna, poi, sono addirittura un efficace mezzo di comunicazione. La Regina Elisabetta, per esempio, usa la borsetta per lanciare messaggi cifrati alle sue dame di compagnia. Se «the queen» la apre e la richiude ripetutamente significa che è stufa. La damigella ha quindi il compito di aiutarla a rendere più piacevole la conversazione con il suo interlocutore. Quando invece, a fine pasto, la appoggia sul tavolo vuol dire: «andiamocene, ne ho abbastanza». Tutto ok se invece la fa dondolare al braccio. Ma Elisabetta, si sà, non segue i trend, anzi. Da anni sceglie sempre lo stesso modello, piccolo e rigido. Tutto il contrario di noi comuni mortali che a ogni piè sospinto desideriamo rivoluzionare il guardaroba con tocchi nuovi. Magari con l’ennesimo paio di calzature che pensiamo ci farà sentire più alte, più belle, più magre...Siamo tutte un po’ Imelda Marcos, almeno nelle intenzioni, bulimiche di scarpe che vorremmo collezionare come francobolli. Che cosa ci frena oltre al portafoglio già sottile come un’acciughina, depauperato dalla spese vive? I trend comportamentali che all’improvviso dive

Pubblicato il18 Febbraio 2020«Gli accessori sono la punteggiatura dell’abito». Parola di Coco Chanel. Prova a sbagliarli e mandi tutto a pallino. Borse, scarpe, foulard, occhiali, pashmine&co sono tentazioni in continuo divenire. A ogni brezza, a ogni cambio di stagione, mutano, sposano trend diversi. E noi non ne abbiamo mai abbastanza. Difficile sceglierli? No, se si tiene presente una regoletta semplicissima, quella dei contrasti. Tailleur serio uguale borsa e calzature ardite, o viceversa. L’importante è uscire dalla banalità dei coordinati, dei

La seconda vita della verdura imperfetta Austria: come gioca l'avversaria dell'Italia agli ottavi La classifica marcatori 'per club' agli Europei

completini, poi il gioco è fatto.Da giovedì sulle pagine deLa Stampavi racconteremo quali saranno le mode del prossimo autunno inverno. Intanto, oggi, vi segnaliamo gli accessori di punta per la primavera estate, adatti ai vari tipi di donna.

Cominciamo dalle borse: sono segnaletiche. Tradiscono la personalità di chi le sceglie rivelandone vizi e virtù. Per qualcuna, poi, sono addirittura un efficace mezzo di comunicazione. La Regina Elisabetta, per esempio, usa la borsetta per lanciare messaggi cifrati alle sue dame di compagnia. Se «the queen» la apre e la richiude ripetutamente significa che è stufa. La damigella ha quindi il compito di aiutarla a rendere più piacevole la conversazione con il suo interlocutore. Quando invece, a fine pasto, la appoggia sul tavolo vuol dire: «andiamocene, ne ho abbastanza». Tutto ok se invece la fa dondolare al braccio. Ma Elisabetta, si sà, non segue i trend, anzi. Da anni sceglie sempre lo stesso modello, piccolo e rigido. Tutto il contrario di noi comuni mortali che a ogni piè sospinto desideriamo rivoluzionare il guardaroba con tocchi nuovi. Magari con l’ennesimo paio di calzature che pensiamo ci farà sentire più alte, più belle, più magre...Siamo tutte un po’ Imelda Marcos, almeno nelle intenzioni, bulimiche di scarpe che vorremmo collezionare come francobo headtopics.com

lli. Che cosa ci frena oltre al portafoglio già sottile come un’acciughina, depauperato dalla spese vive? I trend comportamentali che all’improvviso diventano dei mantra da seguire per resistere alla voglia incontrollabile di tuffarci nello shopping sfrenato.

Uno dei più seguiti è quello dei «new sofisticated». Come si riconoscono? Vestono con raffinatezza, ma si nota soltanto osservandoli da vicino. Hanno orrore delle palestre, preferiscono le gallerie d’arte. Snobbano la Sardegna in favore di mète che trasudano storia. Anelano a un’eleganza e uno stile di vita scandito da linguaggi estetici sfaccettati, lontani dai codici tradizionali che fino a ieri delimitavano i cliché del buon gusto.

Saturi della finta democrazia «da indossare» divulgata dallo sportwear i «new sofisticated» si differenziano a colpi di sottili ricercatezze. Per allontanarsi dall’ovvio, dal banale, dal dozzinale classico che appiattisce tutto.I meccanismi che muovono gli scenari di questa tendenza dovrebbero partire dall’anima e poi tradursi in un guardaroba che ha l’unica funzione di

vestirela personalità di chi lo sceglie. Da qui le grandi differenze che formano un caleidoscopio di generi dai quali attingono in maniera soggettiva i nuovi sofisticati.E anche la sensualità è un fattore da non sottovalutare. Per noi donne torna a esprimersi con un recuperato pudore d’antan, attraverso una chioma sciolta, un paio di vezzosi sandali che sbucano dai pantaloni maschili, una camicetta appena schiusa che non mostra neppure un centimetro di biancheria intima. Pure la scelta del profumo rientra nell’ottica della semplicità headtopics.com

Vaticano contro la legge Zan: «Viola il Concordato». La Santa Sede scrive una nota ufficiale al Governo Pnrr. Via libera al Piano italiano, Draghi: 'Momento di orgoglio' Cose che voi umani

pensata. Lascia il segno, ma non deve inebriare.La differenza fra il nuovo e il vecchio chic è la stessa che passa tra unasacher tortee una crostata. Il vecchio chic è pesante, il nuovo è light, come un prodotto dietetico.©RIPRODUZIONE RISERVATA

Qui andrà inserito il messaggio del Direttore, esempio:"Chiunque ha il diritto alla libertà di opinione ed espressione; questo diritto include libertà a sostenere personali opinioni senza interferenze...." Leggi di più: La Stampa »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Coronavirus, “Pronti a sbarcare gli italiani dalla nave ferma in Giappone” - La StampaIl ministero degli Esteri: dopo gli americani tocca a noi. Fra i 35 connazionali ci sono membri dell’equipaggio

“La Guerra totale”, ecco le immagini che raccontano 60 anni di sangue e massacri - La StampaLe immagini scelte da Alessandro Luigi Perna saranno esposte dal 15 febbraio al 17 giugno alla «Casa di vetro» a Milano.

Fca riduce la C02 e rafforza il polo di Torino nel segno del green - La StampaTORINO. Mirafiori cambia volto e si prepara a nuovi investimenti per la sostenibilità, oltre all'assunzione di un centinaio di figure professionali specializzate. Fca, infatti, installerà Solar Power Production Units con pannelli fotovoltaici per una superficie di 150 mila metri quadrati in grado di produrre 15 MW di elettricità, contribuendo alla riduzione delle emissioni per oltre 5.000 tons di CO2 e fornendo energia sostenibile per la carica dei modelli elettrificati prodotti nel sito. Il progetto relativo ai tetti sarà svolto in partnership con Edison mentre quello dei parcheggi sarà realizzato in cooperazione con Engie. In particolare, per la copertura dei pannelli fotovoltaici realizzata da Edison saranno interessate le storiche Officine 64, 71 e 72, l’Assembly Center delle Carrozzerie e l’RG Center nei pressi della pista di prova di Mirafiori. Per quanto riguarda Engie, il progetto prevede la realizzazione di pensiline fotovoltaiche sul parcheggio V2G in corso di realizzazione a Mirafiori e consentiranno a Fca di approvvigionarsi di energia verde prodotta nell’impianto e di avere importanti benefici sul fronte della sostenibilità. Inoltre verranno installate 850 colonnine di ricarica nell’intero polo di Torino e in particolare, 750 punti di ricarica saranno destinati ai parcheggi dipendenti. Prosegue poi il piano per la produzione dei nuovi modelli elettrici. Sono state completate le linee di produzione della Fiat 500 BEV ed è già stata avviata la realizzazione delle vetture pre-serie in vista dell’inizio della produzione previsto nel prossimo mese di giugno. Per Maserati Ghibli è avviata la produzione con motorizzazioni ibride. È in corso, invece il restyling per Maserati Quattroporte e Levante: l’obiettivo è di iniziare la produzione nel prossimo mese di luglio. Per quanto riguarda le nuove Maserati GranTurismo e GranCabrio, infine, sono stati lanciati gli investimenti per la produzione a Mirafiori, incluse motorizzazioni full-electric. In totale, gli inves

Israele, preghiera al Muro del Pianto per la Cina colpita dal Coronavirus - La StampaAll’orazione, recitata anche in mandarino, hanno partecipato decine di cinesi, che hanno cantato assieme agli ebrei israeliani: Questo è il tempo della misericordia»

Open Arms, la memoria difensiva di Salvini: l’Italia non aveva alcun obbligo - La Stampa«L'Italia non aveva alcuna competenza e alcun obbligo con riferimento a tutti i salvataggi effettuati dalla nave spagnola Open Arms» avvenuti «al di fuori di aree di sua pertinenza». Lo spiega Matteo Salvini nella sua memoria difensiva. Lo dimostra - prosegue - lo scambio di corrispondenza tra La Valletta e ... MA BASTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

Com'è cambiato Instagram con la scomparsa dei like - La StampaGli influencer e anche gli altri utenti non sembrano aver subito la trasformazione, ma la piattaforma di proprietà di Facebook deve ancora risolvere il suo problema principale