Privacy, Propaganda

Tra privacy e propaganda: cosa c’è che non va in WhatsApp

Tra #privacy e #propaganda: cosa c’è che non va in #WhatsApp. Su 24+, l'informazione premium del Sole 24 Ore

10/07/2020 10.00.00
Privacy, Propaganda, Whatsapp

Tra privacy e propaganda: cosa c’è che non va in WhatsApp. Su 24+, l'informazione premium del Sole 24 Ore

Nato per proteggere la privacy si è trasformato in una macchina perfetta di propaganda. La piattaforma di messaggistica più popolare del mondo ci sta cambiando il nostro modo di concepire la cosa pubblica.

Leggi di più: IlSole24ORE »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Fosse solo la privacy il problema di whatsapp

Estate 2020: Belen e Stefano, tra tradimenti e smentite, sono la telenovela dell'estateBelen Rodriguez e Stefano De Martino si sono detti addio un'altra volta. Pare che lui si sia preso qualche distrazione poi scoperta dalla moglie

Alessia Marcuzzi, vacanza tra amiche (e lontano dal gossip) - VanityFair.itLa conduttrice inizia l'estate al largo di Positano. E l'unico suo commento, se di questo si tratta, intorno alle voci del momento (Belén-Marcuzzi-De Martino) è un primo piano della biografia di Woody Allen: «A proposito di niente»

Capelli: il trend tra le star è farsi bionde per l'estate 2020 - VanityFair.itÈ il colore più adatto alla stagione estiva, luminoso, caldo e mai come per l'estate 2020 simbolo di un nuovo inizio e di una svolta. Le star si fanno portavoci di una nuova «blonde-mia»

Parigi, l’alta moda tra natura e pandemiaFranck Sorbier e il suo corto - “Il Medico della peste” – Guo Pei e gli animali della savana

MotoGP: Donington 2000, vent’anni fa il primo graffio di Rossi tra i big.MotoGP: Donington 2000, vent’anni fa il primo graffio di ValeYellow46 ValentinoRossi tra i big celebratingvalerossi ventannidivale motori premium

I 70 anni di Panatta tra volèe e ironia - VanityFair.itLe 10 cose da sapere sul più grande tennista italiano: da Loredana Bertè a Federer, da Paolo Villaggio al celebre «Pof Pof», dalla maglietta rossa in Cile fino ai trofei (tutti perduti chissà dove) Ma quindi Loredana aveva un debole per i tennisti