Toro, è ufficiale: arriva Davide Nicola, l’allenatore dei “miracoli” salvezza

Toro, è ufficiale: arriva Davide Nicola, l’allenatore dei “miracoli” salvezza

19/01/2021 13.38.00

Toro, è ufficiale: arriva Davide Nicola, l’allenatore dei “miracoli” salvezza

Il tecnico di Vigone sostituisce in panchina Marco Giampaolo diventando il quattordicesimo allenatore del club dell’era Cairo

12:01Ecco Davide Nicola, l’allenatore dei “miracoli” salvezza. E’ arrivata anche l’ufficialità da parte del club granata: il tecnico di Vigone sostituisce in panchina Marco Giampaolo diventando il quattordicesimo allenatore del club di Urbano Cairo.

Billionaire, le carte dell'inchiesta sul focolaio Covid: mascherine vietate, sintomi e contagi ignorati. Mentre Briatore (non indagato) attaccava i virologi e il sindaco 'grillino' - Il Fatto Quotidiano Ddl Zan, Draghi : 'Il nostro è uno Stato laico, il parlamento è libero' Lapadula, gol e assist contro l'Ecuador. E il Perù impazzisce per lui

Torna in granata dopo 15 anni, ma l’ultima volta - anzi l’unica - aveva la maglia da calciatore. Fu protagonista del primo Toro post fallimento, quello che con De Biasi in panchina strappò un’incredibile promozione battendo in finale il Mantova. E Nicola, nella sfida di ritorno giocata al Delle Alpi e terminata solo ai supplementari, realizzò la rete che valse la Serie A. Una soddisfazione doppia per uno che faceva il difensore. 

Nel 2010 Nicola cominciò l’esperienza da allenatore con il Lumezzane, la squadra in cui terminò una carriera quasi trentennale. Ma anche dall’altra parte del campo non perse le caratteristiche che aveva dimostrato da giocatore. Rabbia agonistica e concretezza hanno caratterizzato tutte le sue avventura in panchina, si ricordano soprattutto quelle con il Crotone nel 2016-17 e con il Genoa nell’ultima stagione. In entrambi i casi raggiunse la salvezza grazie a gironi di ritorno entusiasmanti. headtopics.com

Memorabile soprattutto la cavalcata con i calabresi con cui ottenne 25 punti, di cui 20 solamente tra aprile e maggio. Un’impresa che lo “costrinse” a tener fede al fioretto salvezza e così, in sella alla sua bicicletta, macinò quasi 1300 chilometri di strade per unire la Calabria a Torino. Il suo arrivo al Filadelfia il 18 giugno del 2017 fu accolto anche da tanti tifosi del Toro grati per la sua breve, ma intensa esperienza granata. 

Ora, di nuovo il Toro, che riabbraccia con un anno di ritardo: il suo nome era già stato preso in esame lo scorso inverno in caso di esonero di Walter Mazzarri. Poi l’indecisione del club che alla fine confermò il tecnico toscano - salvo poi esonerarlo un mese dopo - permise al Genoa di approfittarne. Ma adesso Nicola in granata è realtà.

La guida piemontese raccoglie un gruppo febbricitante al penultimo posto. Non farà rivoluzioni per rianimarlo, partirà dal 3-5-2, il suo impianto di gioco preferito. E giocherà semplice, cercando in primis di restituire alla squadra quei punti fermi che i numerosi, troppi esperimenti di Giampaolo avevano offuscato. Praticità, orgoglio e senso di appartenenza saranno le basi da cui ripartirà per costruire l’ennesimo “miracolo”. Il Toro si aggrappa a lui, quindici anni dopo. 

©RIPRODUZIONE RISERVATAI perché dei nostri lettori“Mio padre e mia madre leggevano La Stampa, quando mi sono sposato io e mia moglie abbiamo sempre letto La Stampa, da quando son rimasto solo sono passato alla versione digitale. È un quotidiano liberale e moderato come lo sono io. headtopics.com

Ronaldo, un altro super record nella storia Il c.t. Rossi: 'Orgoglioso della mia Ungheria' La nuova classifica marcatori 'all time' degli Europei Leggi di più: La Stampa »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Toro, il tecnico Nicola recupera Bremer: è negativo al CovidIl centrale è il quinto granata tornato arruolabile dopo l'ultimo tampone. In infermeria restano Belotti, Singo e Nkoulou Primera plum al campionat I segon experta a supera.

Toro e Mandragora all’ultimo round, Nicola aspetta il registaOre decisive per capire se l’accordo a tre con Udinese e Juve è possibile

Toro, Nicola cita Kobe Bryant: “Dobbiamo essere noi stessi”Il tecnico granata alla vigilia della sfida al Grande Torino contro la Fiorentina: «Le certezze sono Belotti e Sirigu, tutto il gruppo sta lavorando per avere una identà forte»

Il Toro non può perdere tempo, per Nicola primo allenamento al FiladelfiaDopo l’ufficialità del suo ingaggio arrivata in mattinata l’allenatore è sceso in campo per dirigere la seduta di Belotti e compagni

Toro, Nicola e la filosofia Ubuntu: “Andiamo al massimo dal Verona a fine campionato”Il tecnico granata: «La prossima partita è sempre la più importante a prescindere da infortuni e squalifiche»