Toro e Mandragora all’ultimo round, Nicola aspetta il regista

Toro e Mandragora all’ultimo round, Nicola aspetta il regista

31/01/2021 08.22.00

Toro e Mandragora all’ultimo round, Nicola aspetta il regista

Ore decisive per capire se l’accordo a tre con Udinese e Juve è possibile

6:01Undici contro nove. E solo un punto, seppur dentro ad una sfida che ha visto il Toro penalizzato da una ingombrante svista dell’arbitro Di Bello: il rigore, netto, non concesso dopo l’atterramento di Lukic da parte del portiere della Fiorentina Dragowski. La notte al Grande Torino è stata lunga. Molto lunga tra rabbia e rimpianti. E nella notte sono state ribadite le priorità per le ultime 48 ore di mercato: là in mezzo è Mandragora il jolly tattico più adatto ad interpretare il pensiero di Nicola e, soprattutto, il giocatore che può garantire un investimento di largo respiro. 

Fotorassegna stampa, le prime pagine dei quotidiani di domenica 20 giugno 2021 Il Santissimo Draghi “si immola” e “offre il suo corpo per noi” - Il Fatto Quotidiano 'In Tunisia io e mia moglie siamo diventati imprenditori. L'Italia, che amo, incastrata in una burocrazia senza visione'

Nuovo centrocampoOltre la metà del cammino stagionale è, ormai, evidente come le possibili fortune del Toro non possano che passare da uno scatto là in mezzo: per scalare la classifica, e farlo in fretta, serve un centrocampo diverso, con più qualità e una maggiore intensità. Il possibile arrivo di

Mandragora avrebbe un duplice effetto. Primo: Rincon potrebbe ritrovarsi di nuovo nelle vesti della diga di centrocampo senza doversi preoccupare di quella fase di gioco, la costruzione, con la quale non si trova particolarmente a suo agio perché costruire spetterebbe al nuovo acquisto. Secondo: lo stesso Mandragora sarebbe la soluzione ideale in un ipotetico centrocampo a quattro o in una metà campo a due con la presenza del trequartista. headtopics.com

Toro, Udinese e Juve stanno dialogando da giorni. Un dialogo a tre visto che il 23enne campano è in prestito in Friuli, ma di proprietà della Juve. La trattativa resta piena di spine e non per la volontà di Mandragora, a cui non dispiacerebbe tornare a lavorare con l’allenatore dei tempi di Crotone o della prima parentesi proprio ad Udine. Le difficoltà nel chiudere il cerchio nascono da una serie di passaggi previsti nell’accordo alla base del prestito all’Udinese da risolvere in poco tempo come, ad esempio, i bonus da 6 milioni previsti per il club friulano nel corso della stagione.

Scambio Nkoulou-Rugani?Nicola pensa ad un centrocampo nuovo dove Baselli può dare una mano, anzi la darà non appena il suo motore, ingolfato da undici mesi di assenza, riprenderà a garantire chilometri e geometrie.E dove Lukic deve ritrovare quella confidenza, e sicurezza, che ne avevano fatto la felice scommessa di Giampaolo. Oggi sarà la giornata decisiva per il futuro di Mandragora perché domani chiude il mercato ed il Toro

Leggi di più: La Stampa »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

È un Toro formato rimonta, ma col Bologna si ferma al pari: a Barrow risponde MandragoraIl Cagliari, vincendo a Udine, torna a meno tre punti dai granata appaiati al Benevento a quota 31

Toro, il tecnico Nicola recupera Bremer: è negativo al CovidIl centrale è il quinto granata tornato arruolabile dopo l'ultimo tampone. In infermeria restano Belotti, Singo e Nkoulou Primera plum al campionat I segon experta a supera.

Toro, Nicola e la filosofia Ubuntu: “Andiamo al massimo dal Verona a fine campionato”Il tecnico granata: «La prossima partita è sempre la più importante a prescindere da infortuni e squalifiche»

Culicchia: 'La cura Nicola sta dando i suoi frutti al Toro'Il Torino batte in casa la Roma per 3-1 e fa un passo importante verso la permanenza in Serie A. La strada è ancora lunga ma la cura Nicola sta dando i suoi frutti: il ritorno di grinta e combattività. Il commento delle scrittore e tifoso granata Giuseppe Culicchia nella consueta rubrica Il Toro è casa mia. LEGGI ANCHE- Il Torino torna a volare: 3 a 1 alla Roma nella partita più bella della stagione

Toro, Nicola: “Nel derby non ci sentiamo inferiori, può accadere di tutto”Sabato alle 18 la stracittadina, il tecnico granata carica i suoi: «Se giochiamo da squadra possiamo fare partite magiche, come contro Sassuolo e Inter»