Storie%20Di%20Territorio%2Ctorino

Storie%20Di%20Territorio%2Ctorino

Torino, la statua di Quintino Sella si sposterà al Politecnico - La Stampa

Torino, la statua di Quintino Sella si sposterà al Politecnico

28/10/2019 14.20.00

Torino, la statua di Quintino Sella si sposterà al Politecnico

TORINO. Farà ritorno a casa, dopo una sosta provvisoria durata 87 anni in un’aiuola di corso Massimo d’Azeglio. A differenza di molti altri, il soggetto non compie nessun gesto eroico. La statua in bronzo di Quintino Sella, ingegnere e statista biellese che 160 anni fa esatti, era il 1859, fu tra i fondatori della Scuola di Applicazione degli Ingegneri, l’antesignana del Politecnico di Torino, osserva una semplice pietra. Realizzata dallo scultore Cesare Raduzzi, l’opera fu inaugurata nel cortile del castello del Valentino a dieci anni dalla morte di Sella il 14 marzo del 1894, raccontano le cronache del tempo, «sotto una pioggia insistente e noiosa». Rimase lì per 38 anni. Poi, nel 1932, in seguito a una deliberazione del Podestà di Torino, Thaon di Revel, il monumento fu trasferito dal cortile del castello a un’aiuola poco distante. Finalmente, dopo quasi un secolo, il prossimo 7 novembre, giorno dell’inaugurazione del Festival della Tecnologia organizzato dall’ateneo torinese, la statua verrà collocata nel cortile della sede di corso Duca degli Abruzzi, vicino all’ingresso dell’aula magna, e lì resterà per sempre. L’operazione è stata resa possibile da un’intesa fra Politecnico, Comune di Torino e fondazione Sella. Statista, alpino, banchiere e studioso, Quintino Sella fu uno di quei camaleontici uomini ottocenteschi che contribuirono alla costruzione dell’Italia. Lo stesso Sella, tra le altre cose, fece parte della commissione che produsse la «legge Casati» del 1859. La statua, custodita in questi giorni nello studio di architettura Thierry Radelet, che l’ha restaurata grazie al contributo della fondazione Sella, «verrà posizionata nel cortile del Poli in modo che Sella, come fosse un normale professore, circondato da migliaia di studenti, possa continuare a osservare il suo minerale in un contesto che gli dia maggiore credibilità» spiega il professor Sergio Pace, docente di Storia dell’architettura al Poli e membro della commissione che si è occupata del trasfe

Lo statista fondò nel 1859 la Scuola di Applicazione degli IngegneriLeonardo Di Paco28 Ottobre 2019TORINO. Farà ritorno a casa, dopo una sosta provvisoria durata 87 anni in un’aiuola di corso Massimo d’Azeglio.A differenza di molti altri, il soggetto non compie nessun gesto eroico. La statua in bronzo di Quintino Sella, ingegnere e statista biellese che 160 anni fa esatti, era il 1859, fu tra i fondatori della Scuola di Applicazione degli Ingegneri, l’antesignana del Politecnico di Torino, osserva una semplice pietra. Realizzata dallo scultore Cesare Raduzzi, l’opera fu inaugurata nel cortile del castello del Valentino a dieci anni dalla morte di Sella il 14 marzo del 1894, raccontano le cronache del tempo, «sotto una pioggia insistente e noiosa». Rimase lì per 38 anni. Poi, nel 1932, in seguito a una deliberazione del Podestà di Torino, Thaon di Revel, il monumento fu trasferito dal cortile del castello a un’aiuola poco distante.

Mascherine, c'è l'ipotesi di toglierle all'aperto dal 15 luglio Salvini da Draghi per parlare di stato di emergenza e mascherine Lega, il capannone di Cormano venduto alla Lombardia film commission per 800mila euro? Fu comprato per mille euro - Il Fatto Quotidiano

Finalmente, dopo quasi un secolo, il prossimo 7 novembre, giorno dell’inaugurazione del Festival della Tecnologia organizzato dall’ateneo torinese, la statua verrà collocata nel cortile della sede di corso Duca degli Abruzzi, vicino all’ingresso dell’aula magna, e lì resterà per sempre.

L’operazione è stata resa possibile da un’intesa fra Politecnico, Comune di Torino e fondazione Sella. Statista, alpino, banchiere e studioso, Quintino Sella fu uno di quei camaleontici uomini ottocenteschi che contribuirono alla costruzione dell’Italia. Lo stesso Sella, tra le altre cose, fece parte della commissione che produsse la «legge Casati» del 1859. headtopics.com

La statua, custodita in questi giorni nello studio di architettura Thierry Radelet, che l’ha restaurata grazie al contributo della fondazione Sella, «verrà posizionata nel cortile del Poli in modo che Sella, come fosse un normale professore, circondato da migliaia di studenti, possa continuare a osservare il suo minerale in un contesto che gli dia maggiore credibilità» spiega il professor Sergio Pace, docente di Storia dell’architettura al Poli e membro della commissione che si è occupata del trasferimento dell’opera. «Un’iniziativa - aggiunge Pace - che fornirà l’occasione per ricomporre la storia dell’ateneo inducendo professori e studenti a riscoprire una grande figura del passato».

LJuanCarlos De Martin, curatore del Festival e delegato del rettore per la Cultura - sarà forte. Nessuno si aspetterebbe di trovare una statua ottocentesca in un ambiente degli anni ’50. Ma quello è il posto dove meritava di stare. Inoltre, lo spostamento fa parte di una più ampia strategia culturale dell’ateneo che mira a rendere visibile, internamente e esternamente, l’enorme patrimonio del Politecnico di Torino arricchendo, come avviene in molte università americane, la s

ede “moderna” di monumenti stori Leggi di più: La Stampa »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Fenomeni paranormali.

Serie A, Torino-Cagliari 1-1: gol e highlights della 9^ giornata | Sky TG24 | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Serie A, Torino-Cagliari 1-1: gol e highlights della 9^ giornata | Sky TG24 | Sky TG24

“Una nuova alleanza per fare uscire Torino dal pantano” - La StampaOggi il Forum dei commercialisti aperto a tutte le parti in causa “Stop alle lotte ideologiche, dialogo più incisivo con il Comune”

Blitz americano contro Al Baghdadi: “Correva e piangeva, poi si è ucciso” - La StampaLe forze speciali assaltano in Siria il nascondiglio del capo dell’Isis. Due ore di battaglia contro gli jihadisti. i vincitori sono sempre belli, biondi , alti e coraggiosi...anche perché i perdenti di norma sono morti e non scrivono articoli

Maestra denuncia il caso di una bimba maltrattata, la preside la sospende - La StampaSi è accorta che una sua alunna aveva dei lividi sulle gambe, oltre a manifestare comportamenti sospetti come frequenti pianti in classe. Così la maestra, che insegna in una scuola elementare della provincia di Pavia, prima ha segnalato il caso alla dirigente dell'istituto e poi ha deciso autonomamente di rivolgersi alle forze dell'ordine. A quel punto la preside ha sospeso per un giorno (non retribuito) la maestra, per aver violato il segreto d'ufficio e aver arrecato un danno d'immagine alla scuola. La vicenda, avvenuta nello scorso anno scolastico, è oggi riportata dal quotidiano “La Provincia pavese”. L'insegnante si è rivolta al Tribunale di Pavia. Il giudice Donatella Oneto, dopo aver esaminato il caso, ha invitato la nuova dirigente scolastica (che ha preso il posto di quella che aveva adottato il provvedimento) a revocare la sospensione e a restituire alla docente la mancata retribuzione: l'udienza è stata aggiornata a dicembre. Incredibile una maestra denuncia maltrattamenti di una alunna e la preside la sospende ma dove siamo? sempre peggio ... L'immagine della scuola è salva grazie alla maestra.

Basket A2, Pinkins guida la Reale alla vittoria - La StampaLa Reale Mutua torna alla vittoria e si conferma in testa al girone Ovest.

La prova: Nest Mini, ora lo smart speaker di Google suona meglio - La StampaAbbiamo testato il successore dell’Home Mini, ora commercializzato a marchio Nest: è molto simile al predecessore, ma la qualità audio è migliorata.