Waltertobagi, Edicola, 28 Maggio

Waltertobagi, Edicola

Tobagi, la “preda” dei figli di papà - Il Fatto Quotidiano

Anni maledetti. A sparare fu Marco Barbone, famiglia di dirigenti Rizzoli. Dalla Chiesa che lo arrestò lo aveva soprannominato “piccolo Dio” [Continua a leggere, di Pino Corrias] #WalterTobagi #edicola #28maggio

28/05/2020 12.25.00

Anni maledetti. A sparare fu Marco Barbone, famiglia di dirigenti Rizzoli. Dalla Chiesa che lo arrestò lo aveva soprannominato “piccolo Dio” [Continua a leggere, di Pino Corrias] WalterTobagi edicola 28maggio

C’erano lacrime e pioggia intorno al corpo di Walter Tobagi, steso obliquo sull’asfalto di via Salaino, le gambe giù dal marciapiede, i pantaloni zuppi, il viso dentro una pozzanghera che era per metà il suo sangue. Intorno a lui trenta persone almeno, gli ombrelli neri aperti le facce bianche e chiuse. Automobili dei carabinieri e …

150 commenti alla settimanaTermini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5) Leggi di più: Il Fatto Quotidiano »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

semmai Mondadori non rizzoli

L’ultima nottedi Walter Tobagi - Il Fatto QuotidianoSono stato l’ultima persona a vedere in vita Walter Tobagi, a parte la moglie Stella. Ci eravamo incrociati al Circolo della Stampa per un dibattito. Abitavamo vicini e poiché a Walter non piaceva guidare (di lui tutto si può dire tranne che fosse un uomo dinamico) l’accompagnai in macchina a casa. Saranno state le due …

Walter Tobagi, il figlio Luca: «La memoria viva deve nascere in ognuno di noi»Da mercoledì 27 maggio in edicola con il «Corriere» il libro dedicato al giornalista assassinato quarant’anni fa. Un intervento di suo figlio

Walter Tobagi, il ricordo di Mattarella: «Perché ci esorta alla speranza»A quarant’anni dalla morte il presidente della Repubblica rende omaggio al coraggio del giornalista del «Corriere della Sera» ucciso a Milano dai terroristi rossi Alla speranza di cosa? Di un Italia migliore? Ormai..... Alla speranza di cosa? Di avere il suo stipendio mentre noi moriamo di fame?! Resta sconcertante e grave che gli assassini di Walter, della medio-alta borghesia di Mi, abbiano scontato solo un paio di anni di carcere, tutt’altro che duro. Mattarella, oltre che ricordare giornalista, avrebbe potuto deplorare esito giudiziario ! NicolaPorro antoniopolito1

Walter Tobagi, il ricordo di Mattarella: 'Ucciso perché rappresentava ciò che i brigatisti negavano. Non si piegò alla minaccia' - Il Fatto Quotidiano“Walter Tobagi fu ucciso barbaramente perché rappresentava ciò che i brigatisti negavano e volevano cancellare. Era un giornalista libero che indagava la realtà oltre gli stereotipi e pregiudizi, e i terroristi non tolleravano narrazioni diverse da quelle del loro schematismo ideologico”. A quarant’anni dall’assassinio del giornalista del Corriere della sera, Walter Tobagi, ucciso a Milano … Il fratello invece...? Giornalisti di altri tempi !!! Mo se spiega perché il Mattarella Presidente, ci va a braccetto con i brigatisti... e così tutta la classe politica! Quando sarà che torneremo a combatterli invece di esserne complici?

Tobagi ucciso 40 anni fa. Mattarella: giornalista liberoIl Capo dello Stato: Tobagi rappresentava ciò che i brigatisti negavano, scavare nella realtà per portare alla luce elementi nascosti, oltre a essere buon giornalismo, aiuta anche a trovare semi di speranza, di questo abbiamo bisogno

Quarant'anni fa l'omicidio di Walter Tobagi. «Fece due passi e cadde, poi la pistola si inceppò». Quei cani sciolti che lo rincorsero (e poi crollarono)I verbali della confessione. Marco Barbone aveva 22 anni quando decise di creare la Brigata 28 marzo, in memoria dei terroristi uccisi nel covo di via Fracchia a Genova. «Volevamo colpire i giornalisti più intelligenti, che non avevano l’intento di insultare o aizzare» E che non hanno pagato.