Teheran ammette: un errore umano l’abbattimento a gennaio del Boeing ucraino

Teheran ammette: un errore umano l’abbattimento a gennaio del Boeing ucraino

12/07/2020 13.15.00

Teheran ammette: un errore umano l’abbattimento a gennaio del Boeing ucraino

Un «errore umano» di regolazione di un radar militare è stato l’«elemento chiave» dell’abbattimento del Boeing ucraino lo scorso 8 gennaio da parte dell’Iran. Nell’incidente morirono 176 persone

Leggi di più: IlSole24ORE »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Primitivi. Non dovrebbero giocare con le cose degli adulti. Sta notizia è vecchia di 6 mesi

Amazon vieta TikTok ai dipendenti, ma poi si scusa: «È stato un errore»La società ha chiesto in una email a tutti i lavoratori di cancellare l’appliacazione dai loro telefoni. Dopo poche ore, le scuse: «Un errore»

“Terrone del c.”, frase razzista di un membro dello staff dell’Atalanta, si muove la procura della FigcUn tifoso del Napoli provoca Gasperini a Bergamo alla partenza del pulman verso Torino 🌐 🗯 ..Faccia di Mìnchia !!!!! :) .

Coronavirus, un positivo nel Parma: squadra in isolamentoIl primo caso di positività al Coronavirus riscontrato in Serie A dalla ripresa del campionato Fatemi capire! Ai giocatori i tamponi li fanno subito, poi c'è gente che ha aspettato mesi per capire se era un'influenza o il Covid? Privilegiati Il campionato non andava fatto ripartire! Ma si sa l'interesse conta di più...

Coronavirus, altri 10 lavoratori positivi in un macello del MantovanoLeggi su Sky TG24 l'articolo Coronavirus, altri 10 lavoratori positivi in un macello del Mantovano Terroristi. Disdettare abbonamenti a Sky, si finanzia il terrorismo Ma dobbiamo pure mangiare la carne con corona oltre ai antibiotici? Come dite ? Perciò gli date gli antibiotici ai animali ....contro i virus ... Ma si può andare avanti cosi ?! Come drogati

Il capitale umano da salvareOrmai sprofondiamo in tutte le classifiche europee che riguardano i giovani. Eurostat certifica che siamo al 27° posto in Europa per giovani laureati che a distanza di tre anni hanno trovato lavoro. E badate bene, ciò non avviene per il Covid, la situazione era critica già prima. D’altro canto se la Pubblica amministrazione ha smesso di assumere, se non investiamo in ricerca e sviluppo, se non assumiamo in sanità, come possiamo pensare che la situazione possa essere diversa e che si aprano opportunità per i laureati? Né possiamo meravigliarci che ci collochiamo anche agli ultimi posti per percentuale di laureati a 30-34 anni. L’investimento in formazione in Italia ha garantito una maggiore protezione dei giovani dalla perdita di occupazione, rispetto a quelli con basso titolo di studio durante la crisi precedente, ma non al punto da incentivarne la frequenza universitaria. Se più basse sono le probabilità di inserimento nel mercato del lavoro, minore sarà l’attrattività dell’istruzione terziaria per i giovani. Il problema è serio, serissimo. E ci sottolinea quanto il nostro Paese non abbia lavorato per valorizzare il capitale umano giovanile e conseguentemente per investire sul futuro. Per operare adeguatamente abbiamo la necessità di capire come sta veramente la situazione dei nostri giovani, non solo laureati. Tre sono i punti fondamentali da considerare. Primo: quanto pesa la collocazione di classe sociale dei trentenni rispetto a quella di origine. Secondo: che cosa sta succedendo dell’andamento dell’occupazione dei giovani da 25 a 34 anni prima e dopo il Covid. Terzo: che cosa è stato fatto contro la povertà dei giovani fino a 34 anni. Come sottolineato dal Rapporto Annuale dell’Istat le variazioni dimensionali delle classi occupazionali sono in gran parte responsabili del fatto che tutte le generazioni nate fino alla fine degli anni ’60 abbiano fatto registrare tassi crescenti di passaggio verso classi di livello superiore rispetto a quelle di origine da parte Ormai sprofondiamo.....punto ! Tutta questa inclusione forzata ha indebolito e reso scarso profitto e poca disciplina nei giovani Classifiche che hanno validità zero.

Jada Pinkett Smith ammette: «Ho avuto una relazione con August Alsina» - VanityFair.itLa moglie di Will Smith, durante un episodio del suo «Red Table Talk», ha confessato quel che il cantante, oggi ventisettenne, ha detto mesi fa. Quattro anni fa, quando lei e il marito erano separati in casa, si è lasciata andare ad un rapporto nuovo. «Volevo sentirmi bene»