Eurobarometro, Robotaxi

Tassista batte robotaxi: nella guida autonoma i conti non tornano ancora

Tassista batte robotaxi: nella guida autonoma i conti non tornano ancora [news aggiornata alle 09:39]

04/05/2019 11.05.00
Eurobarometro, Robotaxi, Maurizio Ricci

Tassista batte robotaxi: nella guida autonoma i conti non tornano ancora [news aggiornata alle 09:39]

Secondo uno studio del Mit, le auto tradizionali - e i loro autisti - costano complessivamente meno dei veicoli senza guidatore che si preparano ad arrivare sulle nostre strade. Eppure, da Uber a Google, i giganti del settore continuano a destinare un fiume di denaro verso questi progetti

Solo i più spavaldi visionari, in Italia, pensano ad un traffico di auto senza guidatori. Tuttavia, anche negli Usa, in una situazione urbanistica e stradale assai meno tortuosa, l’idea sembra ancora azzardata. Questo non impedisce che fiumi di denaro affluiscano a chi se ne occupa. E’ un’altra regola del capitalismo. In fondo, Uber, il gigante globale dell’”altro taxi”, sta per andare in Borsa a quotazioni record, nonostante abbia finora perso 10 miliardi di dollari, di cui 2,1 l’anno scorso, non abbia mai fatto profitti e non si sa se e come possa farli.

Roma, autobus in fiamme sulla Portuense, nessun ferito Scontro Orban-Ue: il premier ungherese vuole depotenziare la plenaria di Strasburgo La guardia del corpo di Diana è il nuovo responsabile della sicurezza di Astrazeneca

Uber sbarca il lunario, pagando giorno dopo giorno i suoi costi, grazie non al fatturato, ma ai soldi  che ci mettono gli investitori, pronti a scommettere su futuri - eventuali - profitti, pur di non restar fuori da quello che potrebbe essere un altro mega boom, tipo smartphone o pc. Anche se rischiano di far la fine di Will Coyote e di accorgersi troppo tardi di camminare sul vuoto. Accade lo stesso con i petrolieri dello shale oil, che inondano di greggio il mercato mondiale, ma continuano ad avere un cash flow negativo. In questo quadro, non stupisce che la stessa Uber, la sua concorrente Lyft, un gigante come Google stiano investendo centinaia di milioni di dollari su esperimenti di guida autonoma.

Il problema, dicono i ricercatori del Mit, è che i conti non tornano. Cifre alla mano, anche mettendo nel piatto progressi tecnologici, come l’intelligenza artificiale, usare un’auto propria, o con un tassista alla guida, costa meno. Mettendo insieme bolli, licenze, manutenzione, carburante, assicurazione, usare l’auto propria, dicono Nunes e Hernandez, costa 44 centesimi di dollari a chilometro. Il robotaxi costa una cifra che è come minimo il doppio (98 centesimi), ma può arrivare anche a 3,73 dollari. Perché la differenza? In primo luogo, perché il costo di un’auto propria sconta un utilizzo al 100 per cento (niente benzina se la macchina sta in garage). Il tasso di occupazione di un taxi, ad esempio a San Francisco, è, invece, del 52 per cento. headtopics.com

Ma le normali aziende di taxi, a San Francisco, guadagnano. Come fanno? Scaricando parte dei costi sui tassisti, che pagano una quota fissa, in cambio del leasing dell’auto che usano. Questi soldi arrivano all’azienda, indipendentemente dal fatto che il taxi abbia o no un cliente a bordo, e vengono utilizzati per pagare i costi fissi. Ma in un’azienda di robotaxi , il guidatore è la stessa azienda. Che, dunque, o assorbe quel costo, limitando il profitto, o lo scarica sul cliente, aumentando la tariffa.

La situazione si complica perché, rispetto ad un’azienda convenzionale, il robotaxi ha costi fissi più alti. Perché il robot non è mai solo. Il servizio richiede, ad esempio, una supervisione umana, che costa: salario, ufficio, attrezzatura. Quanto? Lo studio del Mit calcola fra 21 centesimi di dollaro a 1,46 dollari a chilometro. Dipende da quanti taxi monitora il supervisore. Nunes e Hernandez avvertono, però, che, oltre i 10 taxi, i risparmi si fanno infinitesimali. Di fatto, solo con una utilizzazione del taxi vicina al 100 per cento, 24 ore su 24, e accettando una limitazione dei profitti del 37 per cento, rispetto a quelli di un taxi normale, un robotaxi arriva alla parità di costo.

Leggi di più: la Repubblica »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Squadra che vince non si cambia: Panariello, Conti e Pieraccioni tornano con un tour nei teatriDebutto il 18 novembre a Milano. L’appuntamento a Torino sarà il 9 dicembre

Huawei batte (ancora) Apple: è il 2° produttore di smartphone al mondoNel primo trimestre 2019, le quote di mercato dei cinesi sono al 19%, Apple all'11,7% e Samsung è prima a 23,1% Idc dava i windows phone (poi falliti) più venduti degli iPhone! Annunciarono il fallimento di iPad quando uscito. All’estero, i siti di tecnologia, definiscono imbarazzante la ricerca di idc: è piena di errori. Huawei vende solo a prezzi bassi e non ha superato Apple huawei Ad inizio anno huawei avrebbe superato Apple? Ma persino i siti android riportavano le ricerche di mercato più serie con iPhone XR in testa nelle vendite. Notizie che voi ignoravate per aspettare questa di idc che è imbarazzante per l’inacuratezza.

Basket donne, finale scudetto: Schio batte ancora Ragusa.familaschio avanti 2-0 nella finale scudetto donne. Da martedì la serie si sposta in casa della VirtusEirene_RG basket familaschio VirtusEirene_RG A Ragusa è impossibile vincere. Le aquile torneranno a volare e poi in gara 5 come a Venezia

Blog | Il futuro del lavoro non è ancora democratico - Alley OopI lavori del futuro richiedono competenze ma non tutti possono avere accesso. Quanto è democratica tra trasformazione tecnologica che stiamo vivendo?

Nella foto postata dalla Casa Bianca per il compleanno di Melania c'è qualcosa che non vaSeduta da sola sul divano dello studio ovale, circondata dai reporter con gli obiettivi e i microfoni puntati altrove. È lo scatto pubblicato... Il ritratto della felicità, in effetti! Abbiamo la stessa età ma sembra mi’ nonna (anzi no, ché mia nonna nn era rifatta ed è rimasta super allegra fino si suoi 91!!)... 🙄 fa discutere solo a voi La Cecoslovacchia non esiste più dal 1 gennaio 1993

Europhonica - Le donne nella politica europea: qualche miglioramento ma non bastaRainews24 manda in onda e pubblica sul suo sito Europhonica, il format radiofonico nato nel 2015 dalla collaborazione di RadUni, associazione degli operatori radiofonici universitari italiani, con i suoi omologhi francesi, spagnoli, portoghesi, tedeschi e greci. Questa settimana il focus è sul divario ancora esistente tra uomini e donne nel variegato panorama continentale. Con qualche, notevole, eccezione

L’editoriale di Maurizio Molinari: “L’Europa nella morsa dei rivali” “L’Europa nella morsa dei rivali” - La Stampa

L'auto autonoma nasce 541 anni fa grazie a Leonardo da Vinci - AttualitàL'auto autonoma nasce 541 anni fa grazie a LeonardodaVinci ANSAmotori Chi ....il genio Francese? 😂😂😂😂😂😂😂 Possibile che ce ne sia attualmente un modello alla mostra presso le Scuderie del Quirinale?

Cuba, stop al disgelo: gli Usa di Trump tornano all’embargoIl vento delle parole e la celebrazione dell’ennesimo nonsense di politica internazionale. L’Avana-Miami. L’ultimo muro, quello d’acqua, riemerge surreale dai fondali. El bloqueo, l'embargo, rinasce dalle proprie ceneri. Un Mike e un Miguel si fronteggiano ancora, 60 anni dopo la Revolucion cubana. Mike Pompeo, segretario di Stato americano, e Miguel Diaz-Canel, presidente di Cuba, ricadono in quella impasse politico-diplomatica che Barack Obama e Raul Castro avevano superato nel 2014

Festa Brescia, le “Rondinelle” tornano in A dopo otto anniLa squadra di Eugenio Corini ha superato l’Ascoli 1-0 e si è assicurata la promozione nella massima serie con due giornate di anticipo

Mar Rosso egiziano: tornano i turisti, ma ora si teme per l'ambienteDopo anni di crisi dovuti all'instabilità politica, Hurghada, Marsa Alam e Sharm calamitano di nuovo i turisti. Ma il sovraffollamento mette a