Tamponi drive in, bastano tre minuti e in 48 ore c’è l’esito

Alle 10,30 sono già una decina le auto in fila per il tampone, poco più tardi sono almeno il doppio ma la coda è scorrevole.

14/10/2020 08.21.00

Alle 10,30 sono già una decina le auto in fila per il tampone, poco più tardi sono almeno il doppio ma la coda è scorrevole.

Alle 10,30 sono già una decina le auto in fila per il tampone, poco più tardi sono almeno il doppio ma la coda è scorrevole. A bordo ci sono genitori e bimbi, tutti con la mascherina, in attesa del test che si fa senza scendere dalla macchina. Succede in viale Pilone 105, nel nuovo hotspot «drive in» in funzione da ieri mattina 13 ottobre. Un servizio per sospetti casi positivi dedicato alle scuole di ogni ordine e grado: alunni, docenti e personale scolastico. Come funziona L’area è stata messa a disposizione dal Comune (quella dell’ex macello, oggi magazzini comunali), l’ingresso è al civico 105 di viale Pilone. La freccia con scritto «Tamponi scuole» indica il percorso: le macchine entrano nel cortile, si mettono in fila, seguono il percorso indicato e restano in attesa del proprio turno. Il tampone fa all’uscita, senza scendere dall’auto. Indossate tute e protezioni, gli operatori si avvicinano al finestrino e da lì eseguono il test. Il passaggio è veloce: con una media di 3 minuti a test, si stimano circa 20 tamponi all’ora. «Un percorso come abbiamo visto in altre città – spiega il sindaco Rasero – Per fortuna, rispetto alle lunghe attese segnalate altrove, al momento la procedura è veloce. Purtroppo, le presenze di questa mattina ci dicono che il Covid è arrivato nelle nostre scuole: molte classi sono a casa, ma se siamo qua è perché c’è stata una tempestiva risposta della nostra Asl per avere risposte in tempi rapidi». «Le scuole hanno da oggi un percorso riservato – precisa il Commissario Asl Giovanni Messori Ioli – Intanto nella postazione già attiva al Massaia continuiamo a garantire i tamponi previsti dal Sisp e per i rientri dall’estero». Ai cittadini l’invito a fare attenzione: «E’ necessario indossare la mascherina e seguire le regole – continua Messori Ioli – Il fatto che al Massaia i ricoveri siano stabili (una decina negli Infettivi) non ci deve far sentire sicuri. Dobbiamo tenere alta la guardia». Come si accede Le famiglie devono contattare il pe

poco più tardi sono almeno il doppio ma la coda è scorrevole. Abordo ci sono genitori e bimbi, tutti con la mascherina, in attesa del test che si fa senza scendere dalla macchina.Succede in viale Pilone 105, nel nuovo hotspot «drive in» in funzione da ieri mattina 13 ottobre.

Pd, Letta: ' Mai più al governo con Salvini e la Lega' Migrante di 27 anni muore nel Brindisino: tornava da una giornata di lavoro nei campi Coronavirus, Israele verso il ritorno all’obbligo di mascherine al chiuso dopo l’aumento dei contagi

Un servizio per sospetti casi positividedicato alle scuole di ogni ordine e grado: alunni, docenti e personale scolastico.Come funzionaL’area è stata messa a disposizione dal Comune (quella dell’ex macello, oggi magazzini comunali), l’ingresso è al civico 105 di viale Pilone. La freccia con scritto «Tamponi scuole» indica il percorso: le macchine entrano nel cortile, si mettono in fila, seguono il percorso indicato e restano in attesa del proprio turno. Il tampone fa all’uscita, senza scendere dall’auto.

Indossate tute e protezioni, gli operatori si avvicinano al finestrino e da lì eseguono il test.Il passaggio è veloce: con una media di 3 minuti a test, si stimano circa 20 tamponi all’ora. «Un percorso come abbiamo visto in altre città – spiega il sindaco Rasero – Per fortuna, rispetto alle lunghe attese segnalate altrove, al momento la procedura è veloce. Purtroppo, le presenze di questa mattina ci dicono che il Covid è arrivato nelle nostre scuole: molte classi sono a casa, ma se siamo qua è perché c’è stata una tempestiva risposta della nostra Asl per avere risposte in tempi rapidi». headtopics.com

«Le scuole hanno da oggi un percorso riservato – precisa il Commissario Asl Giovanni Messori Ioli– Intanto nella postazione già attiva al Massaia continuiamo a garantire i tamponi previsti dal Sisp e per i rientri dall’estero».Ai cittadini l’invito a fare attenzione: «E’ necessario indossare la mascherina e seguire le regole – continua Messori Ioli – Il fatto che al Massaia i ricoveri siano stabili (una decina negli Infettivi) non ci deve far sentire sicuri. Dobbiamo tenere alta la guardia».

Come si accedeLe famiglie devono contattare il pediatra o il medico di famiglia: saranno loro a caricare sul portale regionale dedicato al Covid-19 nominativi e dati per il test: «In questo modo gli accessi saranno segnalati e pianificati dal Sisp – spiega Elena Tamietti (coordinatore Usca) - che avendo ricevuto informativa attraverso la piattaforma programma giorno e ora del tampone: questo evita code inutili». Il tampone viene poi inviato all’istituto Zooprofilattico di Torino, per un risultato in 48 ore.

L’hotspot di viale Pilone è aperto da lunedì a venerdì (10,30-15) e sabato mattina (10-12).La domenica, solo per casi urgenti, si potrà comunque far riferimento alla postazione dell’ospedale (ingresso via Pertini, orario 10-12). Oltre che nel capoluogo, sono attive nell’Astigiano altre due postazioni: Casa della salute di Canelli (lunedì-venerdì, 12-13.30) e Casa della salute di Villafranca (lunedì-venerdì, 12.30-14), che assicurano l'accesso a scuole, prenotati Sisp e rientri dall'estero.

Leggi di più: La Stampa »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Coronavirus: nelle ultime 24 ore 4619 nuovi casi con 85mila tamponi, 39 i mortiEra dal 20 giugno che non si registravano tanti decessi in 24 ore  La Regione con più casi è la Lombardia seguita dalla Campania 😢😢😢😢 il 20 giugno tutti erano fuori in giro senza mascherine e l` estate era alle porte ... e si diceva che andava bene .. Evviva, si arretra. Mah

Coronavirus, in Piemonte 454 contagi su 6486 tamponiLeggi su Sky TG24 l'articolo Coronavirus, in Piemonte 454 contagi su 6486 tamponi 7%, ben oltre la soglia di allarme OMS del 5% (e che sarebbe sui casi testati e non sul totale)

Coronavirus, in Lombardia 696 positivi su 13.934 tamponiLeggi su Sky TG24 l'articolo Coronavirus, in Lombardia 696 positivi su 13.934 tamponi 4,97% di positivi su 14000 tamponi. Di questi 696 sono per il 90% asintomatici tutto questo giustifica per l informazione il giornalismo giornalisti i media lo stato di polizia? Quindi vediamo, la ricerca della verita’ e’ ancora la regola aurea della stampa ? coronavirus

Coronavirus in Italia, il bollettino con i dati di oggi 12 ottobreLeggi su Sky TG24 l'articolo Coronavirus Italia, bollettino 12 ottobre: 4.619 nuovi casi su 85.442 tamponi

Covid, Viale: “Dopo la quarantena 'liberi' senza tamponi di controllo”Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, Viale: “Dopo la quarantena 'liberi' senza tamponi di controllo” boh! Quindi il secondo tampone non serve ad un belino?

Coronavirus in Italia, il bollettino con i dati di oggi 13 ottobreLeggi su Sky TG24 l'articolo Coronavirus Italia, bollettino 13 ottobre: 5.901 nuovi casi su 112.544 tamponi quindi se ne facevamo 130.000 sarebbero stati almeno 6200...? in italia il sabato e la domenica non si fanno i tamponi...si ha altro di meglio da fare!