Sui vaccini abbiamo perso un’occasione. Ci salva la gioia stupita di un’ottantenne

Su @7Corriere la rubrica di @robertosaviano 'Leggermente fuori fuoco' | «Sui vaccini abbiamo perso un’occasione. Ci salva la gioia stupita di un’ottantenne»

30/04/2021 14.13.00

Su 7Corriere la rubrica di robertosaviano 'Leggermente fuori fuoco' | «Sui vaccini abbiamo perso un’occasione. Ci salva la gioia stupita di un’ottantenne»

A questa foto ho dato un nome, «gioia». Ritrae una signora anziana che sorride, ma di un sorriso stupito, sorpresa forse dalla piccola puntura, un dolore che mai come oggi significa ritorno alla vita. Non alla vita normale, ma a quella senza paura. Paura non solo di morire per il Covid, ma di contrarre il virus in forma grave. Di contagiare le persone amate, essere ricoverati, stare male e far preoccupare chi ti vuol bene

Ho deciso di parlare di vaccini, ma voglio farlopartendo da lontano. Secondo l’Istat, nel 2020 sono stati iscritti all’anagrafe 404.104 bambini, quasi 16 mila in meno del 2019. Nel 2019 erano 420.084, 20 mila in meno sul 2018. Nel 2018 l’anagrafe ne registrava 439.747, oltre 18 mila in meno rispetto all’anno precedente quasi 140 mila in meno di 10 anni prima. Il tema vaccini, prima della pandemia, è stato dibattuto quasi esclusivamente per i vaccini sui bambini e i relativi richiami. Dai numeri sulle nascite citati pare evidente che tutto il dibattito sui vaccini, benché avessimo al tempo l’impressione che investisse un numero vastissimo di persone, in realtà interessava una fascia della popolazione numericamente esigua. Cosa ci dava l’impressione che fosse, invece, un dibattito condiviso?

Riccardo Puglisi, chi è 'l'ultras liberista' chiamato a Palazzo Chigi Morto Paolo Armando, partecipò a Masterchef: lo chiamavano «tigre» I lavoratori del magazzino Lidl: 'Non ci sono orari, siamo pagati quanto vogliono loro e ricattati per gli straordinari. Li prende solo chi non fa storie' - Il Fatto Quotidiano

IL TIFO VIOLENTO PRO E CONTRO I VACCINI ANDAVA FERMATO PRIMA DELLA PANDEMIA, QUANDO IL TEMA TOCCAVA SOLO I NEONATILa violenza, la muscolarità, il disprezzoche una parte provava per l’altra. In una parola: il tifo. C’era chi tifava a favore dei vaccini e chi tifavaa contro e se provavi a intervenire ti arrivava addosso una colossale shit storm. Fare ammuina è la garanzia per allontanare dal dibattito tutte le persone che, mansuete di carattere, mal si adattano allo scontro. Perché invece di dare informazioni, di mettere a disposizione dei cittadini un vademecum per poter - dati alla mano - comprendere l’importanza dei vaccini, si è spesso scelta la strada della stigmatizzazione, della rabbia verso i comportamenti irrazionali?

È giusto, mi sono sempre chiesto, essere intolleranticon chi ritieni essere intollerante? La mia risposta è no. La soluzione sta nella parola, nel dialogo, anche nello scontro, purché non abbia il fine di annientare il proprio interlocutore, ma di convincerlo. Marco Pannella amava ripetere: non vincere, ma convincere. Anche perché così non è raro scoprire che, chi non la pensa come noi, ha ragioni utili a rafforzare la nostra scelta o a metterne in luce le contraddizioni. Diciamocelo senza infingimenti: headtopics.com

sui vaccini abbiamo perso un’occasione d’oro. Abbiamo perso la possibilità di parlarne serenamente in tempo di pace. Sì, perché se oggi parliamo di vaccini di massa è ovvio che l’argomento ha assunto un’urgenza e proporzioni fino a un anno e mezzo fa inimmaginabili. Vale sempre la pena affrontare in tempo di pace le questioni spinose. E invece, oggi, ai ritardi nell’organizzazione della campagna vaccinale e nella consegna delle dosi, si aggiunge uno scetticismo già latente che nessuno si è premurato di fugare su larga scala. E che il blocco del vaccino di AstraZeneca ha aggravato.

Ciascuno ha le sue responsabilità: autoritàsanitarie, politica, informazione.Alla foto che ho scelto ho dato un nome, «gioia». Ritrae una signora anziana che sorride, ma di un sorriso stupito, sorpresa forse dalla piccola puntura, un dolore che mai come oggi significa ritorno alla vita. Non alla vita normale, ma a quella senza paura.

Paura non solo di morire per il Covid, ma di contrarre il virus in forma grave. Di contagiare le persone amate, essere ricoverati e far preoccupare chi ti vuol bene. «State attenti per le persone a cui volete bene. Se avete figli immaginate la loro sofferenza nel sapervi in pericolo, la paura che provano a non potervi vedere», dice chi ha avuto il Covid. E allora non riesco davvero a capire chi potrebbe vaccinarsi e non lo fa. Non capisco ma provo a mettermi nei loro panni. Me lo ha insegnato Aldo Masullo, un filosofo recentemente scomparso che ho amato molto e a cui mi sento debitore. Parlava di sofferenza e insofferenza per provare a comprendere le ragioni di chi fa scelte che potremmo non capire. Verso chi non la pensa come noi è empatia il primo sentimento da provare, non rabbia, non disprezzo. «Non ci fidiamo del vaccino», dirà qualcuno. Lo capisco, ma ora si deve agire per il bene della comunità. Vacciniamoci pensando a chi amiamo. Quando sarà il mio turno, penserò alla signora che sorride sorpresa per una vita di relazioni che può finalmente ricominciare.

30 aprile 2021 (modifica il 30 aprile 2021 | 08:22) Leggi di più: Corriere della Sera »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Pfizer non ci sta: “Per nulla favorevoli” alla rimozione dei brevetti sui vaccini anti-CovidLo dice l’ad Albert Bourla in risposta alle parole del presidente degli Usa Joe Biden: «Ci sarebbe il rischio di ridurre il numero di dosi prodotte» E hanno ragione

6 cappelli dell'estate 2021 di Ruslan Baginskiy che ci fanno già sognare le vacanzeLa nuova collezione di cappelli dell'estate 2021, firmata Ruslan Baginskiy

Ventimiglia, migrante preso a sprangate dopo lite in un supermarket: il video shock sui socialUn migrante è stato assalito e preso a sprangate da tre persone in pieno centro a Ventimiglia, all'angolo tra via Roma e via Ruffini, dietro al Comune e alla caserma della polizia di frontiera. L'uomo è stato soccorso dal personale sanitario del 118 e portato in ospedale a Sanremo: ha riportato diverse lesioni, tra cui un forte trauma facciale. La polizia indaga sulla vicenda, ma un video diffuso subito dopo l'aggressione sui social mostra tutta la violenza di quanto successo. Leggi: Migrante preso a sprangate a Ventimiglia Alessia1974D Vermi e vigliacchi. XX miglia?! Dove 4 'migranti' come li chiamate voi, violentarono una giovane cooperante, dopo che Hollande ci chiuse le frontiere?!. Ma sì...quella che i compagni di merende controllarono a vista perchè non li denunciasse Però lei fuggì e corse dai CC, ma voi eravate distratti😂 hai tempi delle BR si parlava tanti di cattivi maestri...nei riguardi di questi imbecilli, nessuno si sente responsabile? eh Matte' eh Giorgià

Covid-19: aumenta il rischio di maltrattamenti sui bambini - VanityFair.itL’emergenza sanitaria ha avuto un forte impatto sulla salute mentale delle famiglie, aumentando i casi di depressione e di burnout genitoriale: a farne le spese sono bambini e adolescenti, oggi esposti a un maggiore rischio di maltrattamento. È questo l’allarme lanciato da Cesvi in occasione dalla IV edizione dell’Indice regionale sul maltrattamento all'infanzia in Italia

Sonno: sei motivi per cui ci si sveglia sempre nel cuore della notte - VanityFair.itPuò essere un fatto normale, se sporadico. Ma un risveglio notturno frequente potrebbe dipendere da fattori precisi. Ecco quali

Dal nuovo provvedimento sui sostegni al tagliando sulle riaperture, i dossier sul tavolo della maggioranzaTra giovedì 13 maggio e venerdì 14 il governo dovrà trovare un’intesa sulla nuova tranche di aiuti per le attività travolte dalle misure restrittive anti Covid e sulle nuove regole per le riaperture Non stanno pagando nemmeno il primo decreto e ne stanno facendo un altro sti farabutti ladri. Confidiamo nel buon senso dei partiti su un accordo che abbia consenso bipartisan su sviluppo lavoro recoveryfund. Che si rimetta in moto la macchina lavorativa visto quasi 1mln di posti di lavoro persi, dati istat_it siamo stanchi delle lotte intestine Palazzo_Chigi