Strage di Ustica, i parenti della vittime: “Dopo 40 anni è arrivata l’ora della verità”

“Su Ustica vogliamo la verità”

27/06/2020 10.04.00

“Su Ustica vogliamo la verità”

Nell’anniversario, la presidente dell’associazione Daria Bonfietti accusa: «Non è possibile che nessuno ci dica chi ha lanciato quel missile contro l’aereo»

9:06ROMA. Sete di giustizia. Bisogno di verità. Necessità di chiarire un capitolo di dolore lungo 40 anni. È dal 27 giugno 1980 che i familiari di chi ha perso la vita sul volo Dc9 della compagnia Itavia, in volo di linea da Bologna a Palermo, chiede di sapere chi è stato. Lo ribadisce anche oggi Daria Bonfietti, presidente dell'associazione dei parenti delle vittime: «Non è possibile che dopo 40 anni nessuno ci dica ancora la verità. Ustica non è un mistero italiano, si sa esattamente quello che è successo e un giudice lo ha messo per iscritto: l'aereo è stato colpito da un missile». Dei 77 passeggeri e i 4 membri dell’equipaggio non si salvò nessuno. Alle 20.59 di 40 anni fa, il DC-9 IH870 scompare dai radar. L'aereo si trova a metà strada tra Ponza e Ustica. Da quel momento solo un lungo, lunghissimo tunnel di mistero, omissioni, silenzi e dolore.

Zan: «Sono incredulo, è un’ingerenza senza precedenti» 'La Chiesa dovrebbe abbracciare i gay, invece non li vuole liberi. E ora Francesco sembra un po' Pio IX' Il Fatto di Domani del 22 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano

 Daria Bonfietti incalza: «Oggi quello che ci manca e che vogliamo sapere è chi è stato ad abbattere un aereo nei cieli italiani in tempo di pace Questo è quello che chiediamo al governo: che faccia tutto il possibile per darci l'ultimo pezzo di verità che manca». 

La strage di Ustica quarant’anni dopo: rispunta la pista dell’attentato palestineseFRANCESCO GRIGNETTIStamattina alle 10, a Bologna, è prevista la commemorazione del quarantennale della strage alla presenza del presidente della Camera Roberto Fico. L’orario non è stato scelto a caso: alle 10 del mattino del 27 giugno 1980, la sede centrale del Sismi riceve un allarme rosso dal Libano. Un telegramma cifrato che per decenni è stato coperto da segreto di Stato, declassificato in parte nel 2014 e che ancora  è considerato «segretissimo». headtopics.com

Moglie di una delle vittime: “Quella sera c’era una guerra nei cieli italiani”fabio albaneseE intanto non si placa la polemica politica tra chi è convinto che si sia trattato di un attentato terroristico e chi è certo della ricostruzione secondo cui l'aereo sarebbe finito in un vero e proprio teatro di guerra nei cieli del Mediterraneo abbattuto nel corso di un combattimento tra alcuni velivoli Nato e un Mig libico a bordo del quale, secondo le dichiarazioni rilasciate a suo tempo dall'ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga, si sarebbe trovato addirittura lo stesso Gheddafi. Sullo sfondo una tela di intrecci tra depistaggi, spionaggio e controinformazione. 

«Diteci una volta per tutte la verità» il monito ininterrotto di Daria Bonfietti.©RIPRODUZIONE RISERVATAI perché dei nostri lettori“Un’informazione seria, libera, competente e autorevolecome quella de La Stampa merita un abbonamento.

FrancescoI perché dei nostri lettori“Perché La Stampa è il quotidiano su cui ho imparato a leggere. La famiglia di mia mamma era di Torino. Una copia era sul tavolo, tutti i giorni.Per me La Stampa è casa.PaolaI perché dei nostri lettori

“informa senza distorcere i fatti, perché nella suasa prendere posizione autonoma anche a costo di andare contro corrente.FabrizioI perché dei nostri lettori“Da 50 anni sono un lettore de La Stampa. È il quotidiano che apprezzo perché è headtopics.com

Europei 2021, Juve e Barcellona per le differenze: loghi arcobaleno La Uefa ha detto no allo stadio arcobaleno durante Germania-Ungheria Dichiarazione congiunta di 13 Paesi Ue contro la legge ungherese anti-Lgbt. Firma anche l'Italia (ma dopo le proteste) - Il Fatto Quotidiano

equilibrato nei commenti, ha editoriali interessanti, giornalisti competenti Leggi di più: La Stampa »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

La verità la conosciamo già, i francesi hanno ammazzato inermi italiani, in più noi italiani di 💩 abbiamo ammazzato chi sapeva

Ustica, 40 anni dopo: la strage spiegata ai ragazziNella notte del 27 giugno 1980 il Dc9 Italia Bologna-Palermo si inabissò nel Mediterraneo nei pressi dell’isola di Ustica, causando 81 vittime. Ecco cosa sappiamo, oggi, della tragedia bugie di Stato che vuole dire ? mah chissà perchè non chiamano le cose con il loro nome e cognome misteri italiani Purgatori, sono 40 anni che scrivi le stesse cazzate...

Quarant'anni dopo Ustica, lo speciale di Sky TG24Leggi su Sky TG24 l'articolo Quarant'anni dopo Ustica, lo speciale di Sky TG24

Ustica, i volti e le storie delle 81 vittimePer la prima volta, a distanza di 40 anni, il Corriere della Sera è in grado di mostrare tutte insieme le foto delle persone rimaste uccise nell’esplosione. Un lavoro collettivo di ricerca che ha portato alla luce sofferenze, dolore e ferite ancora aperte. Ma che, attraverso questi volti, vuole essere un forte messaggio civile di denuncia e giustizia La rapidità della Giustizia italiana 🧐

Corinaldo, strage in discoteca: l’accusa chiede condanne da 16 a 18 anni per la banda dello sprayAlla «lanterna Azzurra» morirono cinque ragazzi e un a mamma schiacciati dalla calca dopo che una banda di ragazzini aveva spruzzato dentro il locale la sostanza urticante Pene esemplari

Strage del bus Erasmus in Spagna, il papà di Elena Maestrini: 'Nessuna novità sul processo. Ora il governo insista con autorità iberiche' - Il Fatto QuotidianoQuattro anni e tre mesi. Tanto è passato da quel 20 marzo 2016 quando sull’autostrada che collega la Catalogna con la Francia, all’altezza di Tarragona, persero la vita 13 ragazze erasmus, di cui 7 italiane, per lo scontro frontale tra il pullman su cui viaggiavano 57 persone e un’auto in direzione opposta. Tra queste, Elena …

Ustica, i volti e le storie delle 81 vittimePer la prima volta, a distanza di 40 anni, il Corriere della Sera è in grado di mostrare tutte insieme le foto delle persone rimaste uccise nell’esplosione. Un lavoro collettivo di ricerca che ha portato alla luce sofferenze, dolore e ferite ancora aperte. Ma che, attraverso questi volti, vuole essere un forte messaggio civile di denuncia e giustizia La rapidità della Giustizia italiana 🧐