Star allo Specchio: lo yoga glow di Marianne Mirage - VanityFair.it

In una nuova puntata della nostra rubrica beauty abbiamo scoperto un lato inedito della cantante @MarianneMirage

23/10/2019 22.30.00

In una nuova puntata della nostra rubrica beauty abbiamo scoperto un lato inedito della cantante MarianneMirage

In una nuova puntata della nostra rubrica beauty abbiamo scoperto un lato inedito della cantante Marianne Mirage. Guardate il video per immergervi nella sua particolarissima filosofia di bellezza, responsabile della radiosità e dell'entusiasmo contagioso che lei trasmette

Marianne Mirageha rivelato una parte di sé ancora piuttosto inedita.Qui potete ascoltare il suo album.Marianne non è l’artista dalla passione univoca, oltre alla musica ama recitare, ha studiato al Centro Sperimentale di Cinematografia a Milano, e da tre anni ha intrapreso la strada dello yoga, trasformandosi dall’interno e dall’esterno.

Vaccini Covid, De Magistris a La7: 'In questo momento siamo tutti cavie, sapremo tra qualche anno cosa ci siamo messi nel braccio' Prato, operai della Texprint picchiati dai vertici dell'azienda: un lavoratore colpito con un mattone. Sindacato: 'Tre finiti in ospedale' - Il Fatto Quotidiano Ci sono Riccardo Puglisi (università di Pavia) e Stagnaro dell'Istituto Bruno Leoni

Dalla personalità magnetica, calmante, fortemente seducente e dotata di quell’inner glowche sembra irradiare una luce vitale, Marianne è come un’influencer emozionale, dall’energia creativa e trasformativa che permea ciò che la circonda. Di questo suo potere sanno qualcosa le piante di casa: «Il cactus ha iniziato a far crescere rami riccioluti simili ai miei capelli e all’orchidea sono spuntate radici in alto sul fusto, forse perché assorbono la musica che suono», racconta con divertito stupore.

Con lo yoga è arrivata a livelli di elasticità impensabili per la maggior parte di noi, e a beneficiarne non è solo il corpo, ma anche la pelle: è portatrice felice di quella radiosità, o, che ora più che mai è tra i headtopics.com

goalambitissimi dallebeauty addicted. C’è chi la ricrea affidandosi alla tecnica del layering, stratificando creme e sieri, come fanno le espertissime coreane, e chi invece ricorrendo a colpi sapienti di illuminante imita un effettokilowattalla Rihanna. Marianne, invece, quella pelle brillante – come se una lampadina fosse accesa all’interno del sua corpo irradiandola, attivando i suoi occhi vitrei e rendendo elettrica la sua chioma leonina – la ottiene con una sequenza studiata di

asana yoga. «Tutte le mattine», racconta, «mi sveglio alle sette per eseguire la mia pratica di due ore, quando il corpo è rigido come un legno, ma il benessere che ne deriva mi spinge ad andare avanti con impegno per stare sempre meglio».

Lo yoga come chiave di bellezza oggi, ma nel tempo qual è stato il dettaglio che l’ha definita?«I capelli, che per me sono stati una grandissima condanna, perché fanno malissimo, per pettinarli ci vogliono due ore. I miei ricordi legati alla spazzola sono di grandi lacrime. Mi torna in mente quando da bambina mio padre doveva tenermi bloccata nella vasca da bagno mentre mia madre urlava, “tienila ferma”e tentava di spazzolarmi i ricci. Anche andare dal parrucchiere non era uno dei momenti più felici, ogni volta restavo delusa. Ero piena di desideri, pensavo “magari oggi me li faranno lisci”, ma la risposta era sempre la stessa: “non so cosa fare ai tuoi capelli”. Per lo choc non parlavo per tutto il giorno, sentivo che non potevo essere come tutti gli altri. Col tempo poi ho capito quali erano le persone giuste a cui affidarmi: ho scoperto i saloni afro dove avrebbero saputo “trattare” i miei capelli».

Qual è l’approccio giusto per imparare a convivere con capelli ricci come i suoi?«Prima di tutto bisogna accettarli, anche se sei una riccia che non vuole vedersi riccia,it’s ok,puoi farlo, puoi permettertelo, devi cercare di voler loro bene, non per forza rovinarli. Se li piastri sempre, poi non torneranno più ricci e ti mancheranno. Il mio consiglio è di trovare un’acconciatura interessante, per esempio portandoli tutti da un lato con faccio io e magari aggiungere delle treccine o degli anellini come quelle dei piercing per le orecchie. La mia è solo una delle tante pettinature. Bisogna essere audaci, perché c’è per forza qualcosa da fare. Miliardi di cose si possono realizzare con i capelli ricci per contenere headtopics.com

Mascherine, c'è l'ipotesi di toglierle all'aperto dal 15 luglio 'Grazie per gli auguri e il sostegno': il messaggio di Zaki all'Italia Anche il ministro Speranza si è vaccinato: «Una grande gioia»

the big explosion».Qual è la prima cosa che fa Mariane Mirage la mattina quando si sveglia?«Mi dico buongiorno splendore, anche se non è vero e poi inizio a improvvisare un make-up. Parto dagli ombretti neutri per dare luminosità, ma non mi guardo allo specchio, non ce l’ho. Di solito mi trucco al buio e poi esco di casa e mi sento dire “ma come ti sei truccata?”. Il mio problema vero è che ho la pelle molto chiara e sensibile ed è per questo che non uso make-up, il fondotinta per me è uno sconosciuto. Al contrario dei miei capelli, ai quali non gliene frega niente, qualsiasi cosa io metta sulla pelle la fa arrabbiare. Un mascara lo suo, ma non di quelli impattanti, piuttosto uno che dia un risultato naturale. Di solito mi fermo qui e direi che già potrebbe andare bene, perché poi arriva il momento del caffè. Ma trovo interessante anche quella cosa che vedo sulle tue labbra: il tuo gloss».

E adesso arriviamo al suo segreto per avere quel glow sul viso: lo yoga.«Lo yoga fa bene dentro e fuori, perché costringe a respirare, e così ossigena tutti i tessuti. Ma non è solo la pelle a beneficiarne, con lo yoga si allena anche la concentrazione. Se sono arrivata a fare posizioni difficili è perché non ho mai perso l’attenzione, quella che mi è servita per scrivere i pezzi del mio album Vite Private.Cliccate qui per ascoltare il suo nuovo album. Ormai faccio tante ore di pratica ed è diventata una sfida con me stessa. La bellezza vista anche in questa dimensione non è fatta solo di consigli di make-up e acconciature, ma di strade alternative».

Che cosa cambierebbe del concetto di bellezza di oggi?«Per fortuna il canone di bellezza classico si è molto aperto, si punta sempre più a essere se stessi e non per forza a rappresentare qualcosa. Credo che ognuno debba prima di tutto impegnarsi a volersi bene, a rispettare il proprio corpo, i capelli, la pelle, gli occhi e fare quello che dà benessere, in tutti i sensi. Bisogna puntare a essere la migliore versione di sé, anche solo avvicinarsi, non importa quando si arriverà, il percorso prima o poi porterà lì».

Cosa vuole fare da grande?«Vorrei mantenere questa voglia di esplorare, vedere colori, viaggiare anche sotto l’aspetto emotivo. Lavorare sul mio nuovo disco mi ha regalato una grande emozione che ancora ora mi pervade».Sembra che adesso lei abbia raggiunto una tranquillità interiore, ha mai perso il controllo? headtopics.com

«Ricordo un evento drastico che non è dipeso da me. Un parrucchiere una volta mi ha rasato i capelli dicendomi “così sei più rock”, la mia reazione fu di ammutolirmi per lo choc. Non ho mai avuto la bussola che mi aiutasse a sapere dove andare, ma sono convinta che bisogna credere in se stessi perché nessuno lo farà mai per te, e se tu per primo non ti valorizzi le altre persone non lo faranno. Questa convinzione mi ha fatto credere nella mia musica e anche nell’improvvisazione, perché non nasciamo “imparati”».

Ci sono delle donne che l’hanno ispirata nella sua vita?«Patti Smith mi ha fatto iniziare a scrivere canzoni, per colpa o per merito ora sono qui. Per me lei rappresentava il modello di donna forte, che non vuole sentirsi dire nulla da nessuno, che sa esattamente quello che vuole e quello che vuole dimostrare. Sono cresciuta con questi valori, come un maschiaccio, e non sarò mai qualcosa che non sono. Un giorno ho iniziato a scrivere canzoni e la prima l’ho conservata in un libro di poesie di Patti Smith. Dopo Sanremo il mio manager mi ha chiamato per dirmi che il mio idolo voleva che aprissi i suoi concerti e per me è stato un doppio choc, non solo dovevo vederla, ma dovevo andare e suonare al suo concerto. Lei era come la immaginavo, veramente umana, anzi sovrumana e mi ha invitato sul palco a cantare “People have the power”. Ci sono anche altre donne che ammiro e sono cantanti di altri tempi come Amelia Rodriguez e Billie Holiday, tormentate e che hanno cantato con il cuore e con l’anima».

Salvini da Draghi per parlare di stato di emergenza e mascherine I Maneskin sul New York Times: 'Conquisteranno il mondo?' Gli auguri dal carcere di Zaki per la partita Italia - Svizzera

Ha una femminilità selvaggia, quando ha preso consapevolezza del suo corpo?«Lo yoga mi ha aiutato. Prima cercavo di nascondermi con maglioni e grandi felpe, poi ho accettarlo anche i miei difetti, i piedi, le braccia che non mi piacevano. È cominciato tutto così e mi sono sentita più sicura».

E quando ha scoperto che la sua strada sarebbe stata la musica?«Da piccola spiavo mio padre che dipingeva mentre ascoltava musica jazz e sentivo che quella melodia aveva qualcosa di magico. Una volta per stupirlo e dimostrare che quello che faceva lui potevo farlo anche io, dissi che avrei voluto suonare il pianoforte. Ma abitavamo in una casa piccola che non poteva ospitare uno strumento così grande e mia mamma allora propose “c’è una vecchia chitarra attaccata al muro che nessuno suona, prendi quella”. Così è nato il mio amore per la musica: da sola nella mia stanza ho iniziato a suonare. Poi c’è stato un altro amore, a scuola, che mi ha fatto capire che potevo far parte di una band. Ho cominciato a suonare jazz negli hotel, nei ristoranti, nei pub, grazie alla musica mi sono mantenuta all’Università di lettere e filosofia. La musica c’è sempre stata, anche quando lavoravo al bar e facevo i cappuccini. Solo più tardi, a Milano, quando ho conosciuto Caterina Caselli che mi ha dato la possibilità di farlo come mestiere, è diventata la mia professione».

Fin qui abbiamo scoperto la cantautrice Marianne Mirage, ma per chi desiderasse vedere come fare a replicare il suo inconfondibile glowguardare il video qui soprafino alla fine. Se volete, invece,ascoltare Marianne Mirage dal vivopresto partirà con un tour «Vite Private» nei club: prima data a

Milano il 15 Novembre al Biko, seguiràil 22 a Le Muraa Romail 23 sarà a Prato al Capanno 17.il 7 dicembre a Rimini al Bradipop Club,il 13 a Pordenone all’ Astro Clube il 17 gennaio a Santa Maria a Vico (CE) allo Smav Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

MarianneMirage Meravigliosa❤

Lo stile di una mamma Royal: Doria Ragland e Carole Middleton a confronto - VanityFair.itSfida a colpi di outfit tra Doria Ragland, mamma di Meghan Markle, e Carole Middleton, mamma di Kate. Diverse, ma più simili di quanto possa sembrare, unite sotto il segno dello stile, le due royal mother-in-law non sembrano (al momento) fare passi falsi modaioli. Del resto, dietro un'icona di stile, c'è sempre una madre-à-porter

Festa del Cinema di Roma: i beauty look più belli delle star - VanityFair.itTra rossetti come unico dettaglio ad accendere i volti, cascate di onde impareggiabili come quelle di Madalina Ghenea e raccolti morbidi da replicare subito, il Festival romano regala momenti di assoluto glamour da tappeto rosso

Michelle Obama e l'importanza di allenarsi per «prenderci cura di noi stessi» - VanityFair.itL'ex First Lady condivide una foto mentre fa una flessione: «Dopo un allenamento sono sempre contenta di essere andata in palestra». Il suo messaggio è: sentirsi bene nel proprio corpo e prendersi sempre cura della propria salute

Alcol, l'esperto: «Nei giovani non parlate di abuso, è l'uso che fa male» - VanityFair.itI dati dell'ultimo rapporto dell'Istituto superiore di sanità sui teenager dicono che, nel 2018, il 43% dei 15enni italiani e il 37% delle 15enni ha bevuto cinque o più bicchieri di uno o più mix alcolici tutti insieme con l'obiettivo di ubriacarsi

A lezione di parkour con Fausto Vicari all'Art of Motion - VanityFair.itA Matera, in occasione dell’evento internazionale di freerunning Art Of Motion 2019 di Red Bull, abbiamo incontrato il campione italiano della disciplina. Ecco la sua storia tra alienazione, amicizia e progetti

Cioccolata con olio di oliva: ideale perfino per i diabetici - VanityFair.itLa cioccolata a cui viene aggiunto olio extravergine di oliva non causa aumenti di glicemia rilevanti secondo uno studio della Sapienza di Roma