Sopravvissuta alla Shoah a 98 anni diventa nonna per la 35esima volta: “La miglior vendetta contro i nazisti”

Deportata ad Auschwitz, Lily Ebert fu liberata dai soldati americani nell'aprile 1945 quando aveva 20 anni

18/01/2022 00.18.00

Sopravvissuta alla Shoah a 98 anni diventa nonna per la 35esima volta: “La miglior vendetta contro i nazisti”

Deportata ad Auschwitz, Lily Ebert fu liberata dai soldati americani nell'aprile 1945 quando aveva 20 anni

Modificato il: 17 Gennaio 20221 minuti di lettura«E' la miglior vendetta contro i nazisti». Sopravvissuta ad Auschwitz, un'anziana signora ebrea di 98 anni ha celebrato così a Londra l'arrivo del suo 35esimo bisnipote. «Per tutti diventare bisnonna è qualcosa di speciale, ma ancora di più per me come sopravvissuta all'Olocausto», ha detto Lily Ebert all'agenzia stampa britannica Press Association.

Cresciuta in Ungheria e deportata nel lager nazista di Auschwitz, Ebert fu liberata dai soldati americani nell'aprile 1945 quando aveva 20 anni. «Non avrei mai potuto credere di poter arrivare a questo - ha detto -Allora per prima cosa dovevo sopravvivere e poi arrivare a questa età.. i nazisti volevano ucciderci tutti».

Leggi di più: La Stampa »

Divisi dal muro, la vita al confine Usa-Messico

Leggi su Sky TG24 l'articolo Divisi dal muro, la vita al confine Usa-Messico Leggi di più >>

Peccato abbia tutte le nazionalità, tranne quella italiana... (la battuta sui 'Senatori a vita', appare scontata, quindi se pensate male, siete delle bruttissime perZone.) 😊 ❤️ Beh, anche i nazisti hanno figliato! GRANDE NONNA 👍 Se a 98 anni pensa ancora a vendicarsi avrà avuto una vita molto triste...

Che notizia del casso

La Shoah nel diario di una bimba di 9 anniL’agghiacciante racconto quotidiano di una bambina che scopre la tragedia di essere ebrea. Il libro scritto da Bruna Cases, con il prezioso aiuto della collega del Corriere Federica Seneghini

Serena Rossi torna protagonista su Rai 1 con la fiction La Sposa - iO DonnaCostretta a un matrimonio per procura, Maria è una donna degli anni '60 costretta a lottare contro tutti: dal marito padrone alla società veneta che la emargina.

Bat, voleva uccidere infermiere ma ferisce un altro per erroreL’aggressore, 54 anni, è stato fermato dalla polizia per tentato omicidio voleva punire un infermiere che riteneva responsabile di un errore sanitario che anni fa aveva causato una grave malattia ad un suo familiare l'infermiera ha commesso un errore atroce, lui ne commette un altro peggio.

La Shoah nel diario di una bimba di 9 anniL’agghiacciante racconto quotidiano di una bambina che scopre la tragedia di essere ebrea. Il libro scritto da Bruna Cases, con il prezioso aiuto della collega del Corriere Federica Seneghini

Sileri: «In arrivo distinzione tra positivi e malati. Entro l'anno quasi tutti gli italiani avranno incontrato Omicron». Oms: in Italia picco vicino«La comunicazione dei dati del bollettino deve essere aggiornata»: lo dice ancora una volta il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri a Rai Radio1, per poi... Se le previsioni si basano sui datigrezzi possiamo stare tranquilli!

Audi alla Dakar con l’elettrica RS Q-etronLa prima volta tra le dune del deserto un’auto a zero emissioni per testare tecnologie

17 Gennaio 2022 Modificato il: 17 Gennaio 2022 1 minuti di lettura «E' la miglior vendetta contro i nazisti». Sopravvissuta ad Auschwitz, un'anziana signora ebrea di 98 anni ha celebrato così a Londra l'arrivo del suo 35esimo bisnipote. «Per tutti diventare bisnonna è qualcosa di speciale, ma ancora di più per me come sopravvissuta all'Olocausto», ha detto Lily Ebert all'agenzia stampa britannica Press Association. Cresciuta in Ungheria e deportata nel lager nazista di Auschwitz, Ebert fu liberata dai soldati americani nell'aprile 1945 quando aveva 20 anni. «Non avrei mai potuto credere di poter arrivare a questo - ha detto -Allora per prima cosa dovevo sopravvivere e poi arrivare a questa età.. i nazisti volevano ucciderci tutti». Dopo la liberazione, Ebert ha vissuta un anno in Svizzera prima di trasferirsi nel 1946 nella Palestina sotto mandato britannico. Nel 1967 ha lasciato Israele ed è emigrata in Gran Bretagna con il marito Samuel. Madre di tre figli, nonna di dieci nipoti e ora super bisnonna, ha dedicato gran parte della sua vita come testimone degli orrori della persecuzione nazista contro gli ebrei. E' stata anche fra i fondatori dell''Holocaust Survivor Centre in Gran Bretagna. Ad annunciare la notizia del 35esimo bisnipote, è stato Dov Forman, bisnipote 18enne, con un tweet che ha ricevuto 120mila like. Forman ha un account Tik Tok con 1,6 milioni di follower dedicato alla bisnonna. «Lei è la regina della famiglia, ci ispira ogni giorno», ha commentato Leggi i commenti