Siria, Savethechildren

Siria, Savethechildren

Siria, Save the children: 4,6 milioni di bambini soffrono la fame

Il rapporto sul conflitto e la pandemia in #Siria #SaveTheChildren

29/09/2020 12.17.00

Il rapporto sul conflitto e la pandemia in Siria SaveTheChildren

Il rapporto sul conflitto e la pandemia dell'organizzazione internazionale che tutela i bambini nel mondo. La serie in podcast con le loro voci e quelle dei genitori esasperati dall'insicurezza alimentare. Gli interventi per l'alimentazione sono finanziati solo per l'11%.

Negli ultimi sei mesi il numero totale di minori in condizioni di insicurezza alimentare in tutta la Siria è salito a più di 4,6 milioni. Dopo quasi dieci anni di conflitti e sfollamenti, un numero senza precedenti di bambini sta ora combattendo contro i crescenti tassi di malnutrizione: lo rivela un nuovo rapporto di Save the Children, l'Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro.

Astrazeneca, Bersani a La7: 'Speranza ha accumulato errori? No, è il capitano della nave che ci ha portato fuori dalla tempesta' - Il Fatto Quotidiano Bari, 54enne in rianimazione: “Ischemia dopo vaccino”. Era in cura per “trombosi venosa periferica”. Il 26 maggio immunizzato con J&J - Il Fatto Quotidiano Pubblica amministrazione, il primo concorso con la 'formula Brunetta' è un flop: allo scritto si presenta poco più della metà degli ammessi. Ministero costretto a riaprire le selezioni - Il Fatto Quotidiano

I numeri del Covid in Siria In tutta la Siria finora sono stati confermati 5.480 casi di COVID-19. È probabile che questi numeri siano solo la punta dell'iceberg, poiché ci sono enormi lacune nei test e una carenza di dispositivi di protezione individuale. Molte persone riferiscono che è stato consigliato loro di assumere farmaci da banco ai primi sintomi senza un test per il COVID. C'è anche chi ha parlato di un aumento di richieste giornaliere di becchini, in alcune zone, si legge in una nota.

Il paniere alimentare, la voce dei bambini e dei genitoriLe restrizioni dovute al coronavirus, anni di violenza e la perdita di posti di lavoro hanno devastato i mezzi di sussistenza di milioni di persone. Il deprezzamento della valuta e la riduzione del flusso di merci hanno peggiorato la situazione, facendo aumentare vertiginosamente i prezzi dei prodotti alimentari. Secondo il Programma alimentare mondiale, un paniere alimentare in grado di sfamare una famiglia costa oltre 23 volte la media pre-crisi e più del doppio del precedente picco nel 2016. headtopics.com

"Non mangiamo sempre la sera perché non c'è pane. A volte ho fame a mezzogiorno o di pomeriggio, ma non riesco mai a trovare il pane. Quando eravamo a casa potevamo mangiare quello che volevamo, ma qui il cibo è diverso e non possiamo permetterci di comprare qualcosa in più" ha detto Faten, un bambino di dieci anni che vive in un campo di sfollati nel nord-ovest della Siria.

Ai genitori non resta altra scelta che eliminare il cibo fresco come carne, frutta e verdura, affidandosi invece a riso o cereali per settimane e settimane. Un recente sondaggio condotto da Save the Children ha rilevato che il 65% dei bambini non mangia una mela, un'arancia o una banana da almeno tre mesi. Nel nord-est della Siria quasi un quarto dei bambini ha affermato di non aver mangiato questi frutti da almeno nove mesi."L'ultima volta che ho mangiato la frutta è stato più di 2 mesi fa. Quando chiedo ai miei genitori di comprarcene un po', dicono che a malapena possiamo permetterci il resto" ha affermato Noura*, 10 anni.

Molti bambini hanno riferito a Save the Children di avere mangiato nelle ultime settimane solo riso e fagioli. Una madre ci ha spiegato che ha dovuto risparmiare tre settimane per comprare una sola mela, che ha diviso in cinque parti tra lei e la sua famiglia. Un altro bambino che non mangiava frutta o verdura fresca da sei mesi è stato visto con un pezzo di prugna che aveva trovato per terra.

Aumenta la malnutrizione"I miei due figli hanno sei anni e due mesi. La loro crescita si è fermata così tanto. Li ho portati da molti dottori, ci hanno dato medicine, ma non sono migliorati, nemmeno l'uno per cento. A volte dicono che è malnutrizione, a volte qualcos'altro. Ho tutti i tipi di medicine, ogni 15 giorni compro farmaci per circa 7.000 lire siriane" ha detto il papà Rami. Una prolungata mancanza di cibo nutriente nei pasti quotidiani può causare rischi e danni permanenti ai bambini, compreso l'arresto della crescita o la malnutrizione cronica. In Siria, almeno un bambino su otto, circa 500.000 in tutto, soffre attualmente di questa condizione. headtopics.com

Eriksen, la foto dall'ospedale: 'Grazie a tutti, sto bene' Modena, tentata rapina a portavalori su A1: esplosioni, spari, chiodi Un video della tv australiana imbarazza Oms: 'Pipistrelli vivi nei laboratori di Wuhan'

"La malnutrizione è un problema molto sottovalutato per i bambini siriani. I bambini malnutriti affrontano una miriade di rischi per la loro salute e il loro benessere, come l'arresto della crescita, che limita la loro capacità di combattere le malattie, aumenta la probabilità di ansia e depressione e porta a uno scarso rendimento a scuola. Un'intera generazione di bambini sta affrontando il rischio di malnutrizione, perché le loro famiglie semplicemente non possono più permettersi di mettere un pasto in tavola. A meno che non agiamo ora per alleviare questa sofferenza, sempre più bambini dovranno guardare mentre la loro porzione di cibo si riduce di giorno in giorno", ha dichiarato Sonia Khush, Direttore dell'Emergenza di Save the Children in Siria.

Save the Children sta distribuendo pacchi alimentari con frutta e verdura fresca nel Nord della Siria, soprattutto alle donne incinte e alle neo mamme, per combattere la fame nascosta di bambini e madri. L'Organizzazione sostiene anche i bambini piccoli in tutta la Siria, fornendo consigli dietetici e screening per la malnutrizione. Per Save the Children è fondamentale che tutta la comunità internazionale investa per migliorare la disponibilità e l'accessibilità economica di alimenti sicuri e nutrienti. Mentre le esigenze in tutta la Siria si stanno ampliando a causa del COVID-19 e degli impatti economici del conflitto, gli interventi per l'alimentazione sono finanziati solo per l'11%.

Save the Children chiede inoltre accesso umanitario illimitato e una nuova autorizzazione ad operare da oltre frontiera, anche a Bab Al Salam a Nord di Aleppo chiuso a luglio, per alleviare le sofferenze di famiglie e bambini che continuano a lottare nel mezzo di una prolungata crisi e diffusione di una pandemia.

La serie podcast di Save the ChildrenIl conflitto in Siria fa da sfondo alla seconda puntata di"Children of War", la serie podcast di Save the Children, che è stata ed è presente nelle più drammatiche aree di conflitto del mondo, e attraverso cinque storie, una a settimana, dà voce ai bambini sopravvissuti nell'arco di 80 anni alle guerre più tristemente famose della storia e dei nostri giorni: la 2° Guerra Mondiale, la guerra civile in Nigeria con la carestia del Biafra, il genocidio in Rwanda del '94 e le guerre attuali in Siria e nello Yemen. headtopics.com

Leggi di più: Rainews »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Terrorismo, arrestata in Siria Alice Brignoli 'la mamma dell'Isis'Secondo fonti militari, la cittadina residente in Lombardia è stata rimpatriata insieme ai suoi quattro figli dalla Siria dove insegnava loro la Jihad Adesso toglietegli i figli e buttate la chiave ... l’unico rammarico è che con le mie tasse la dovrò mantenere in carcere. Peccato sarebbe stata sicuramente più contenta a farsi esplodere da qualche parte Perché non l'hanno lasciata in Siria insieme alla sua prole islamica?

Catturata in Siria Alice Brignoli, la «mamma dell’Isis» indagata per terrorismo internazionaleLa donna presa con il marito e i quattro figli, tutti minorenni.. Nel 2015 aveva lasciato l’Italia con la famiglia per unirsi allo Stato islamico

Mangiarsi le unghie: i consigli delle esperte per smettereL’onicofagia è una cattiva abitudine di cui soffrono moltissime donne. I consigli della dermatologa e della psicologa per smettere di mangiarsi le unghie

Trump, il New York Times pubblica le dichiarazioni dei redditi: “Per anni non ha pagato le tasse”Secondo il giornale il capo della Casa Bianca «ha debiti in scadenza per 421 milioni di dollari e potrebbe aver frodato il fisco chiedendo un rimborso da 72 milioni»

Su una platea di 1,2 milioni di «work ready», solo 220mila offerte di lavoro dai navigatorA fine luglio su 1,23 milioni di persone tenute al patto di servizio solo 710mila sono state convocate dai Cpi e in 318mila hanno firmato Ma davvero? E chi lo avrebbe mai immaginato avete ma sentito un giornalista chiedere ad un sindaco perche non fa lavorare i percettori del rdc, visto che sono GRATIS per il Comune? Preferiscono GETTARE FANGO SUL M5S ... Ditelo a luigidimaio 😒

L’impatto del Covid sulla vela pro? Nella Sailing Valley -20%Lo studio di Eurolarge Innovation sulla Bretagna. Il comparto fattura 348 milioni nel 2019, 83 solo di regate, per un +16% sul 2018.