Isis, Stati Uniti, Turchia, Al Baghdadi, Abu Bakr Al Baghdadi, Fethullah Gulen, Rasmiya Awad

Isis, Stati Uniti

Siria, catturata sorella di Al Baghdadi. Ankara chiede scambio con Usa: 'Fethullah Gulen deve tornare'

Siria, catturata sorella di Al Baghdadi. Ankara chiede scambio con Usa: 'Fethullah Gulen deve tornare' [aggiornamento delle 02:25]

06/11/2019 04.34.00

Siria, catturata sorella di Al Baghdadi . Ankara chiede scambio con Usa: ' Fethullah Gulen deve tornare' [aggiornamento delle 02:25]

L'imam da vent'anni rifugiato in Pennsylvania è considerato da Ankara l'organizzatore del golpe fallito del 2016 a Istanbul e Ankara contro

Il Sultano lo propone con le sue stesse parole: "Fethullah Gulen è importante per la Turchia quanto il leader dell'Isis, Abu Bakr al Baghdadi, lo era per gli Stati Uniti". E nel tracciare un parallelo fra il predicatore oggi nemico numero uno di Ankara, e il fondatore del Califfato suicidatosi nel recente blitz americano nel nord della Siria, il presidente turco chiede a Washington qualcosa che Donald Trump adesso difficilmente potrà eludere. Anche perché la visita di Erdogan negli Usa è vicina, il 13 novembre prossimo, e lo scambio di "terroristi", come dice Ankara, costituirà il piatto forte dell'incontro, oltre alla questione del riconoscimento del genocidio armeno approvato la scorsa settimana dalla Camera dei Rappresentanti (con la Turchia furibonda).

Milan, arriva il lieto fine: riscattato Tomori per 28 milioni! Milano, rubano estintori e li svuotano in un bus: denunciati 8 minori Più poveri a causa del Covid, mai così tanta povertà dal 2005

Esteri Turchia, 35 giornalisti arrestati con l'accusa di 'gulenismo'Gulen, tuona il capo dello Stato turco, "vive in una tenuta di lusso che si estende su 40 ettari in territorio degli Stati Uniti". Ankara pretende così un'estradizione che Washington sempre si è rifiutata di concedere. Ma la Turchia ha ora un argomento in più. I militari turchi hanno infatti annunciato l'arresto di una sorella di al Baghdadi.

Rasmiya Awad, 65 anni, è stata catturata nel nord della Siria, in un nuovo raid effettuato nei pressi della città di Azaz, a una decina di chilometri dal confine con la Turchia. L'area è sotto il controllo dell'esercito di Ankara dall'inizio dell'operazione 'Fonte di pacè scattata il 9 ottobre scorso, dopo il ritiro dei marines americani. Fonti di intelligence definiscono la donna come "una miniera d'oro" per le informazioni che può dare agli inquirenti. headtopics.com

Di lei al momento si sa poco. Il capo dell'Isis aveva cinque fratelli e svariate sorelle, e non è noto nemmeno quanti in effetti siano e chi si trovi in vita o meno. Awad è stata trovata in una roulotte, dove viveva con il marito, la nuora e cinque figli. Adesso è sotto interrogatorio per sospetto coinvolgimento con il gruppo terrorista. La presidenza turca si è lodata per l'operazione - lo fa da tempo lo stesso Trump con i suoi blitz - definendola su Twitter come "un altro esempio del successo delle nostre operazioni antiterrorismo".

Esteri Un piano per per rapire Gulen: la rivelazione del Wall Street Journal. Ma Ankara smentisce dal nostro corrispondente MARCO ANSALDOEppure, proprio grazie a questi sviluppi sullo scacchiere siriano, emergono diversi interrogativi su eventuali informazioni o coperture nelle mani di Ankara sul capo del Califfato nero. Al Baghdadi si trovava infatti dallo scorso luglio nella regione di Idlib, zona da tempo sotto il pieno controllo della Turchia da quando le truppe di Ankara sono presenti in Siria. Non solo, ma secondo voci non confermate, al Baghdadi poteva essere libero di entrare e uscire varcando il confine per andare, lui o i suoi collaboratori, nella regione turca del vicino Hatay.

Esteri Isis, Lombardia, solidarietà per liberare figlio di jihadista bloccato in Siria: sul Pirellone scritta 'free Alvin' di ALBERTO CUSTODEROI combattenti curdi avevano dichiarato più volte di avere fornito informazioni decisive per far arrivare la Delta Force americana alla cattura del fondatore dell'Isis, tradito da un suo collaboratore deluso. Ma quali accordi sono intercorsi anche fra Ankara e Washington prima dell'annuncio di Trump sul ritiro americano dalla Siria? L'attacco militare turco infatti è avvenuto subito dopo. E, dopo altre due settimane, è arrivata la cattura del capo dell'Isis. Puntini che gli analisti stanno mettendo in fila, di fronte a una vicenda tutta da chiarire nella sua preparazione e nel suo reale svolgimento.

Nuovi pattugliamenti congiunti dei militari turchi e russi sono stati intanto avviati anche a Kobane. Attività che prevedono, oltre alle truppe di terra, l'impiego di droni. È la seconda volta che gli eserciti dei due Paesi pattugliano insieme le zone della Siria settentrionale, per controllare l'effettivo ritiro dei combattenti curdi, secondo l'accordo raggiunto ad Ankara alla fine di ottobre fra Erdogan e il vice presidente americano Mike Pence. headtopics.com

Eriksen, video di auguri da tutte le nazionali Stagionali, Landini: le imprese si uniscano a battaglia. 'Il Reddito? È per i poveri, chi ce l'ha vuole lavorare'. Catalfo: 'Dai video realtà disarmante. Serve il salario minimo' - Il Fatto Quotidiano Il riscaldamento della Finlandia con la t-shirt dedicata a Eriksen. FOTO Leggi di più: la Repubblica »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

NO!!!!! Si fanno veramente comico.!! Una vecchia Donna che probabilmente non sa´ niente ed un Imam che supportava sempre Dialogo tra Christian, Ebrei e Musulmani. Si facevano sempre Ridicolo.!! Quest`e´ un altro.

Isis, Lombardia, solidarietà per liberare figlio di jihadista bloccato in Siria: sul Pirellone scritta 'free Alvin'Alvin Berisha ha dieci anni: nato e cresciuto a Barzago in provincia di Lecco, nel 2014 (all'età di 6 anni) viene portato in Siria dalla madre che Vergogna! La commissione segre intervenga per cenurare il pirellone Là deve rimanersene. È un criminale

Libia, la Russia prova a prendere il controllo come in Siria: '200 contractor dell'oligarca amico di Putin inviati a sostegno di Haftar' - Il Fatto QuotidianoLa Russia mette gli scarponi sul terreno anche in Libia e prova a diventare regista della guerra civile nel Paese, così come successo in Siria. Non con i propri militari, come per il sostegno a Bashar al-Assad, ma con i contractor. Nelle ultime sei settimane, scrive il New York Times, sono stati inviati circa 200 … grande Putin Il cambiamento? Ad ognuno i suoi contractor😓😓😓

Morto il Califfo, morta l'Isis? Il punto critico di Corrado FormigliMorto il Califfo, morta l' Isis ? Il punto critico di corradoformigli ELLEweekly PiazzapulitaLA7

Manuel Bortuzzo: «La lesione midollare non è completa» - VanityFair.itIl nuotatore ferito a febbraio per uno scambio di persona racconta la sua storia nel libro «Rinascere». Potrebbe anche tornare a camminare

Bobe, rimasto orfano nel raid contro Al Baghdadi: lo adotta un fotografo sirianoMentre documentava le conseguenze dell’attacco al leader dell’ Isis , Fared Alhor si è imbattuto nel cucciolo: «Ora per pagare le cure necessarie sto raccogliendo delle donazioni presso il Santuario di Ernesto che da anni si occupa dei randagi in Siria» Peccato!

Trump dà il via al ritiro degli Usa dall’accordo sul clima di Parigi - La StampaDALL’INVIATO A NEW YORK. L’amministrazione Trump ha avviato la pratica per uscire dall’Accordo di Parigi sul clima. La decisione di abbandonarlo era stata presa dal presidente subito dopo il G7 di Taormina, come aveva promesso durante la campagna elettorale, ma le regole dell’intesa impedivano di farlo prima di tre anni dall’entrata in vigore. Questa scadenza ora è passata, e quindi Washington ha cominciato formalmente il processo di uscita. La pratica richiederà un altro anno di tempo per essere espletata, e quindi l’abbandono dell’accordo diventerà ufficiale il 4 novembre del 2020, ossia proprio il giorno dopo le prossime elezioni per la Casa Bianca. «Il presidente Trump - ha scritto il segretario di Stato Pompeo in una dichiarazione per annunciare l’atto - aveva deciso di ritirarsi dall’Accordo di Parigi per il peso economico ingiusto imposto sui lavoratori americani, le imprese, e i contribuenti, attraverso gli impegni presi in base all’intesa». Quindi ha aggiunto: «Gli Stati Uniti hanno ridotto tutti i tipi di emissioni, pur continuando a far crescere la nostra economia, e assicurando ai nostri cittadini l’accesso all’energia a costi sostenibili». Con questo atto, l’America diventa il primo e unico paese ad uscire dall’accordo, firmato su base volontaria di circa 200 nazioni. Lo scopo era ridurre le emissioni di gas in modo da contenere il riscaldamento globale sotto un grado e mezzo Celsius entro la metà del secolo. Questa è la soglia che secondo gli scienziati renderebbe i danni gravi e irreversibili. Negli ultimi tre anni i negoziatori hanno cercato di trovare una soluzione per far restare Washington, ma non sono riusciti a convincere Trump. Diversi stati, città e imprese americane hanno però sfidato il presidente, continuando ad applicare gli obiettivi prefissati. In particolare la California, devastata dagli incendi nelle ultime settimane, ha assunto la leadership di questa resistenza, scontrandosi ora anche sul piano legale con l’amministrazione, che ha c Che schifo... ImpeachTrump L'idiota perfetto! Noi bandiamo la plastica, loro vanno a carbone.... concorrenza SLEALE .....avremmo più diritto noi che gli USA a mettere dazi