Sieropositivi | A 40 anni dalla prima diagnosi di Aids, Milano continua a combattere - Linkiesta.it

A 40 anni dalla prima diagnosi di Aids, Milano continua a combattere Un quarto dei casi nazionali di contagio da Hiv, ancora oggi, avviene nel capoluogo lombardo

20/01/2022 16.07.00

A 40 anni dalla prima diagnosi di Aids, Milano continua a combattere Un quarto dei casi nazionali di contagio da Hiv, ancora oggi, avviene nel capoluogo lombardo

Un quarto dei casi nazionali di contagio da Hiv, ancora oggi, avviene nel capoluogo lombardo: tante iniziative di sensibilizzazione e centri di aiuto e cura proseguono nella lotta all’altro virus (e allo stigma che lo accompagna)

Abbiamo appena passato la triste ricorrenza dei quarant’anni dalla prima diagnosi di Aids, sapendo cheMilano è la città con più contagi in Italia, secondo gli ultimi rapporti disponibili: 800 casi all’anno sui quasi 3400 nazionali.Grande è l’impegno della città e delle sue associazioni, come dimostrano anche le numerose iniziative messe in campo l’ 1 dicembre scorso, giornata mondiale della lotta contro l’Aids: test gratuiti e anonimi per la città nelle sedi del Cdi (Centro Diagnostico Italiano) aderenti grazie alla collaborazione con

Leggi di più: Linkiesta »

Lo sciopero dei taxi conferma che in Italia abbiamo paura della concorrenza

I 40mila tassisti italiani chiedono lo stralcio dell’articolo 10 del Ddl concorrenza che prevede una delega al governo affinché faccia ordine in una disciplina ormai superata. "Liberalizzare significa aumentare la competitività di un paese per renderlo più efficiente", ci dice Giuricin Leggi di più >>

Joao Mario e l'avventura all'Inter: un flop da 40 milioni di euroNell'estate 2021 si è concluso il tormentato rapporto tra Joao Mario e l'Inter: cinque anni intervallati da prestiti e continui alti e bassi. VittoRoto Entrava con la maglia pulita ed usciva ancora più pulito

A Segrate una 40 enne è stata violentata nell’ascensore di casa: l’uomo arrestato grazie a un’improntaÈ successo lo scorso 21 dicembre. La donna, in stato di choc, aveva subito allertato di carabinieri Finalmente un po' di inclusione e meltin pot Avevano almeno le mascherineeeeee?🌈🙏🏻😷☁️🌈 Sta succedendo quello che è successo in America con la parola 'colored', che da termine neutrale è diventato offensivo, ma qui ad essere coinvolto è l'intero genere maschile.

Newcastle su Zapata, l'Atalanta vuole 40 milioni. E i nerazzurri chiedono l'obbligo di riscatto - TUTTOmercatoWEB.comAltro che Luis Muriel, l'Atalanta a gennaio rischia di perdere Duvan Zapata. Prosegue il pressing da parte del Newcastle per l'attaccante colombiano,.

Milano-Firenze | Gli scenari della moda uomo 2022, tra rinunce e resistenza - Linkiesta.itLa variante Omicron è calata anche sulla prima uscita dell’anno del comparto maschile. Le sfilate sono state poche, spesso sostituite da filmati trasmessi in streaming, scarsi anche i buyer. Le idee però ci sono e gli stilisti continuano a inventare nuove soluzioni sempre più all’insegna dell’inclusione e della sostenibilità

From Seattle to the world | L’importanza di Bill Gates nel dibattito ambientalista - Linkiesta.itL’importanza di Bill Gates nel dibattito ambientalista Si è definito «messaggero imperfetto» della lotta al climate change, ma nonostante il suo nome ingombrante ha un ruolo imprescindibile, a metà strada tra l’influencer e il tecnico | greenkiesta_lk greenkiesta_lk ma siete usciti di melone? Questo tizio che vola da tutte le parti, coinvolto con Epstein, etc etc....un ruolo imprenscindibile greenkiesta_lk Gates distruggerà il mondo

Sempre fuori posto | La violenza mascherata dell’accappatoio di Weinstein - Linkiesta.itUn’ossessione, un particolare che disturba e impressiona. È il dettaglio sempre presente nei resoconti del MeToo, fa notare Carolin Emcke nel suo monologo ora trasformato in un libro (La Tartaruga - Baldini + Castoldi), che lo posiziona a metà tra il vestito e la nudità, tra l’abuso e il ridicolo

Unsplash Abbiamo appena passato la triste ricorrenza dei quarant’anni dalla prima diagnosi di Aids, sapendo che Milano è la città con più contagi in Italia, secondo gli ultimi rapporti disponibili: 800 casi all’anno sui quasi 3400 nazionali. Grande è l’impegno della città e delle sue associazioni, come dimostrano anche le numerose iniziative messe in campo l’ 1 dicembre scorso, giornata mondiale della lotta contro l’Aids: test gratuiti e anonimi per la città nelle sedi del Cdi (Centro Diagnostico Italiano) aderenti grazie alla collaborazione con Anlaids Lombardia, mentre Lila (Lega Italiana Lotta all’Aids) ha organizzato incontri di prevenzione nelle università concentrandosi sugli studenti, la fascia d’età più colpita tra i nuovi casi. Diverse le iniziative di sensibilizzazione: “ Se ami la libertà, proteggila”, un’installazione durata 40 ore, su un barcone in mezzo ai Navigli e visibile sulla terraferma, per sensibilizzare sulla consapevolezza della prevenzione; poi, ai Frigoriferi Milanesi, “ 40 anni positivi. Dalla pandemia di Aids a una generazione Hiv free”, per celebrare i quattro decenni di lotta contro la malattia. Emotivamente d’impatto anche “HIV together we can stop the virus”, con le opere animate grazie alla realtà a mostrare le varie fasi del percorso del paziente, dalla diagnosi alle terapie, fino alla convivenza con la malattia. Il fatto è che sullo sfondo continua a imporsi una domanda: mentre la ricerca scientifica porta avanti faticosamente la sua lotta al male, quanto quest’ultimo trova ancora un suo tragico complice nel pregiudizio, nell’isolamento sociale? Non ha dubbi Daniele Calzavara, coordinatore di Milano Check-Point, associazione con l’obiettivo di creare uno luogo sicuro e accogliente dove ricevere supporto per la propria salute sessuale, offrendo servizi di test Hiv e sifilide gratuiti e anonimi, e percorsi di profilassi pre-esposizione : «Oggi viviamo in un’epoca in cui i progressi scientifici e i grandi traguardi dovrebbero contribuire a mettere fine alla diffusione del virus dell’Hiv, che invece continua a diffondersi. Il grande nemico è la discriminazione che colpisce le persone colpite da Hiv. Lo stigma crea paura, e la paura genera un clima in cui le persone non vogliono conoscere il loro stato sierologico e non vogliono vedere l’Hiv per quello che è: un virus». L’immaginario collettivo è ancora legato a quello degli anni Ottanta e Novanta, che colpisce soprattutto omosessuali e tossicodipendenti e una diagnosi significa morte ed emarginazione. Invece il virus può colpire chiunque e se è vero che non esiste ad oggi una cura definitiva, è altrettanto vero che grazie ai farmaci l’aspettativa e la qualità di vita delle persone positive è pari a chi è negativo. Smantellare questo paradigma attraverso l’informazione e la prevenzione, fare cultura sull’argomento è la strada per arrivare all’obiettivo zero infezioni al 2030, promosso dall’Oms. Realtà come Milano Checkpoint cercano di percorrere questo cammino ambizioso, ma scontrandosi con una realtà ancora troppo difficile. Emblematico il racconto di Chiara , che lavora in un poliambulatorio accanto alla sede dell’associazione: «Sono tante le persone entrate in studio credendo si tratti di Milano CheckPoint. Giovani, studenti universitari e donne e uomini trentenni, anche stranieri», a conferma del dato del Ministero della Salute secondo il quale l’incidenza di nuove diagnosi è più elevata nella fascia tra i 25 e i 29 anni. «Arrivano silenziose, con un timore che somiglia troppo ad un senso di vergogna. Mi ricordo bene un ragazzo, entrato dicendo a monosillabi di voler fare un test. Credendo istintivamente che alludesse a un tampone Covid ho chiesto se dovesse fare un rapido o un molecolare. Si è ammutolito, non ha nemmeno risposto e quasi balbettando mi ha domandato se fosse il numero civico 15, cioè quello della sede dell’associazione. Allora ho capito». Ecco, tornare sempre a galla lo stigma attorno all’Hiv, l’urgenza di abbattere i luoghi comuni. Non bastano anonimato e gratuità, pur fondamentali per raggiungere un’utenza talmente fragile e marginalizzata da non rivolgersi agli ospedali per paura, Non bastano l’impegno dei volontari e le iniziative di sensibilizzazione. Da Milano parta il cambiamento culturale, sociale, umano. Condividi: