Esteri%2Cbrexit%2Cpolitica

Si dimette Watson, l'ultimo che si batteva contro l'antisemitismo del labour britannico - La Stampa

«Ragioni personali e non politiche». Ma per i moderati che temono la svolta del partito ancora più a sinistra non è una buona notizia

07/11/2019 17.35.00
Esteri%2Cbrexit%2Cpolitica

«Ragioni personali e non politiche». Ma per i moderati che temono la svolta del partito ancora più a sinistra non è una buona notizia.

«Ragioni personali e non politiche». Ma per i moderati che temono la svolta del partito ancora più a sinistra non è una buona notizia

14:11LONDRA. Si è dimesso Tom Watson, l’unico vero oppositore di Jeremy Corbyn nel partito laburista britannico, nel quale svolgeva il ruolo di vice segretario. Per i moderati che temono che ora la politica del partito si orienti ancora più a sinistra non è una buona notizia. Corbyn adesso governa da solo, circondato da fedelissimi, indeciso a tutto come sempre, e privo di buoni consiglieri che gli dicano la verità.

Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Università: Bocconi sesta al mondo tra i migliori corsi di finanza Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare

Watson, parlamentare da 18 anni, ha precisato che le sue dimissioni sono «personali, non politiche». E’ vero, ha molti interessi e una vita felice, e già avrebbe voluto ritirarsi dalla politica nel 2010. Ma non c’è dubbio che all’origine delle dimissioni ci sia la progressiva emarginazione, sistematicamente favorita dai fedelissimi di Corbyn fino a una tentata estromissione nel settembre scorso. Watson era rimasto uno dei pochi a denunciare l’antisemitismo nel partito, per il quale già molti altri esponenti laburisti si sono dimessi. Era anche favorevole al remain e a un nuovo referendum sulla Brexit, un tema sul quale il leader laburista cambia idea di continuo.

Nel dare la notizia delle dimissioni, il sito webTimes of Israelha scritto che con Watson lascia il Parlamento un importante membro del Labour Friends of Israel, il gruppo nato per favorire stretti legami tra i laburisti britannici e quelli di Israele. Il sito ricorda anche le prese di posizione di Corbyn a favore di Hamas e di Hezbollah, e la sua presenza a una cerimonia in onore dei terroristi che uccisero i componenti la squadra olimpica israeliana alle Olimpiadi di Monaco del 1972. Secondo un recente sondaggio, il 40% degli ebrei che vivono in Gran Bretagna si è detto deciso a lasciare il paese se Corbyn vincerà le elezioni del 12 dicembre, cosa improbabile ma non impossibile. headtopics.com

Nei 18 anni passati in Parlamento, Watson è stato protagonista di molte battaglie, interne ed esterne al partito. E’ stato il primo a chiedere a Tony Blair di dimettersi e ha appoggiato Gordon Brown nella successione. Ha partecipato attivamente all’indagine sulle intercettazioni telefoniche illegali praticate in alcuni giornali del gruppo di Rupert Murdoch, culminata con la chiusura del settimanale scandalistico News of The World. Era stato proprio Watson a interrogare e a mettere in difficoltà Murdoch per conto della Commissione parlamentare sulle intercettazioni.

Attivissimo in ogni causa che valesse la pena di essere combattuta, Watson era stato protagonista nel 2012 anche di una clamorosa denuncia su una rete di pedofili composta da personaggi di primissimo piano, che coinvolgeva persino il parlamento, i vertici dell’esercito, Downing Street e i servizi segreti. Theresa May era stata costretta a nominare una commissione d’inchiesta che è ancora al lavoro e che è costata finora 200 milioni di sterline. La polizia aveva perquisito le abitazioni e gli uffici di molti vip, che hanno usato tutta la loro influenza per sostenere la loro estraneità ai fatti. Il testimone di Watson è stato poi screditato e accusato di avere detto il falso. I giornali conservatori scrissero che Watson aveva perso tutta la sua credibilità. Ma chissà, vedremo.

Leggi di più: La Stampa »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

San Maurizio Canavese, si fingevano pendolari ma spacciavano droga: tre in manette - La StampaIn ballo 10 dosi di cocaina. Addosso ad uno degli arrestati è stato trovato anche un coltello serramanico di otto centimetri.

Aziende e sostenibilità, così si può salvare il mare prima di cena - La StampaLa ricerca sul Mediterraneo promossa da One Ocean Foundation con Sda Bocconi, McKinsey e Csic. Il ruolo dei ceo, gli incentivi per le Pmi, gli innovatori.

“Così il Piemonte si è rialzato dall’alluvione del 1994” - La StampaALBA. «A 25 anni dall’alluvione che sconvolse il nostro Piemonte, queste pagine ci ricordano le tante, troppe vite travolte da una delle più grandi tragedie che la nostra terra ha dovuto affrontare. Ma anche che c’è una forza che nessuna calamità potrà mai portarci via. Quella di rialzarsi, con coraggio e dignità. Trasformando le macerie in mattoni. E la fine in un nuovo inizio». Le parole con cui il governatore della Regione Alberto Cirio apre il libro “Più forti dell’alluvione”, dove la giornalista de “La Stampa” Paola Scola racconta le storie di dolore e ripresa di chi fu protagonista nel novembre ’94. Stamane, nel 25° anniversario del dramma, il Consiglio regionale ha ricordato quei fatti e i 70 morti in Piemonte. Alba l’ha fatto sabato con il capo della Protezione civile Angelo Borrelli e, oggi, con un’esercitazione di sgombero degli studenti. Oggi, dalle 18, le 29 vittime in provincia di Cuneo verranno commemorate con messa e fiaccolata a Clavesana. Stasera, alle 20, Ceva renderà omaggio alle 29 “croci” con altrettanti rintocchi a lutto del Campanone. Garessio propone pomeriggio e serata (dalle 17,30, cinema) dedicati alle testimonianze. Domani, alle 18, il libro “Più forti dell’alluvione” sarà presentato a Cuneo, alla libreria Ippogrifo, con l’allora presidente della Provincia Giovanni Quaglia, che ne ha scritto la prefazione. E venerdì si torna con la memoria a Ceva (Specchio dei Tempi vi ricostruì la Passerella alluvionata), dalle 21. Asti ha ricordato i giorni del fango facendo volare palloncini con i nomi delle vittime: tre di Asti e tre di Canelli. Le fiaccole degli alpini hanno illuminato il Tanaro. E in municipio, fino a sabato, si potrà visitare la mostra «Alluvione ’94: da tragedia a prevenzione»: è curata dall’associazione Protezione civile Città di Asti, nata all’indomani dell’alluvione. Il Comune venerdì, dalle 9 alle 12, organizza un’esercitazione per l’operatività nell’emergenza. “Il Tanaro: valorizzazione naturalistica e turistica” è il tema de

“Non si può fare innovazione senza cultura tecnologica” - La StampaJuan Carlos De Martin “Al Politecnico un Festival per far crescere tutto il Piemonte”.

Manovra, vertice Pd: 'Se si continua così la corda si spezza' - Tgcom24Il leader Pd Nicola Zingaretti ha riunito mercoledì mattina alla Camera i ministri dem e i capigruppo sulla Manovra. Dalla riunione, spiegano fonti presenti all'incontro, è emersa 'esasperazione per i continui atteggiament... Se si continua così, l’Italia si ritrova a fare le tavole rotonde con i paesi del terzo mondo, non in via di sviluppo! Ma toglietevi dai coglioni al più presto, che non se ne può più! MAGARIIIIIIII🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹 Ancora!!!! Ma ci vuole tnt a capire che siete incapaci e dovete andare a cass? Ma aspettate un disegno nn sapete leggere. Siamo stufi dei vs ripensamenti e delle vs chiacchiere. State distruggendo il Sud con la chiusura della ILVA della WHIRLPOOL e di tutte le altre attività

Amsterdam, il pilota di un aereo tira l’allarme per sbaglio: si scatena la paura dirottamentoSu un velivolo in partenza da Amsterdam direzione Madrid. Coinvolta la polizia militare e informato anche il premier olandese Rutte Il pilota voleva essere sicuro che l'allarme funzionasse davvero