Shopping e disciplina, lo spirito del mercato di piazza Cavour è più forte del coronavirus

«Bentornati.

23/05/2020 07.19.00

«Bentornati.

«Bentornati: aiutateci a rispettare le regole e proviamo a ripartire insieme. Keep calm e sarete serviti». Due cartelli appesi alle tende, guanti e gel igienizzante alle mani e le bancarelle si riprendono piazza Cavour. Il mercato bisettimanale è tornato ieri nella sua cornice più classica, la piazza sorvegliata dalla statua del Conte e dalla Torre dell’Angelo. Si ricompone la più classica delle cartoline della città, con qualche modifica dovuta a distanze e misure di sicurezza. Ma l’essenza di sempre c’è. Il Comune, con le associazioni di categoria, ha dovuto escogitare soluzioni per evitare assembramenti e contatti ravvicinati: via Cavour era occupata solo da un lato, e i tre ambulanti, i più anziani, sono stati spalmati su corso Libertà. Una misura voluta dal sindaco Andrea Corsaro. In piazza Massimo d’Azeglio sono stati tolti 4 banchi di abbigliamento, ricollocati tra via Gioberti, via Duomo e la piazza principale. Tutte le bancarelle sono state accorciate di un metro e mezzo: era d’obbligo tenere la distanza di 2 metri ed evitare l’assembramento di clienti negli stessi banchi. Solo in un caso è stato necessario mettere transenne per evitare incroci tra persone, quello della bancarella di articoli per la casa all’ingresso di piazza Cavour. Tutto è stato sorvegliato da 12 volontari della protezione civile, con 2 squadre della polizia locale, l’Associazione nazionale carabinieri, militari dell’Arma e i referenti di Comune e Fiva-Ascom. L’esordio è promosso sia dagli ambulanti che dai frequentatori: «La gente c’è - dice Rudi Radossi dal suo banchetto di via Gioberti - perché ama questo tipo di rapporto: ne ha approfittato per stare insieme, fare acquisti e avere la sorpresa di vedersi gli uni con gli altri in salute. Ci vorrà del tempo, ma bisogna tornare alla gentilezza, professionalità e pazienza di noi commercianti: qualità che avevamo perso. Grazie al Comune per averci permesso di svolgere il mercato in sicurezza e fluidità». La signora Giuseppina è una habitué

Roberto MaggioPubblicato il23 Maggio 2020«Bentornati: aiutateci a rispettare le regole e proviamo a ripartire insieme. Keep calm e sarete serviti». Due cartelli appesi alle tende, guanti e gel igienizzante alle mani e le bancarelle si riprendono piazza Cavour. Il mercato bisettimanale è tornato ieri nella sua cornice più classica, la piazza sorvegliata dalla statua del Conte e dalla Torre dell’Angelo. Si ricompone la più classica delle cartoline della città, con qualche modifica dovuta a distanze e misure di sicurezza. Ma l’essenza di sempre c’è.

Milan, arriva il lieto fine: riscattato Tomori per 28 milioni! Milano, rubano estintori e li svuotano in un bus: denunciati 8 minori Più poveri a causa del Covid, mai così tanta povertà dal 2005

Il Comune, con le associazioni di categoria, ha dovuto escogitare soluzioni per evitare assembramenti e contatti ravvicinati: via Cavour era occupata solo da un lato, e i tre ambulanti, i più anziani, sono stati spalmati su corso Libertà. Una misura voluta dal sindaco Andrea Corsaro. In piazza Massimo d’Azeglio sono stati tolti 4 banchi di abbigliamento, ricollocati tra via Gioberti, via Duomo e la piazza principale. Tutte le bancarelle sono state accorciate di un metro e mezzo: era d’obbligo tenere la distanza di 2 metri ed evitare l’assembramento di clienti negli stessi banchi. Solo in un caso è stato necessario mettere transenne per evitare incroci tra persone, quello della bancarella di articoli per la casa all’ingresso di piazza Cavour. Tutto è stato sorvegliato da 12 volontari della protezione civile, con 2 squadre della polizia locale, l’Associazione nazionale carabinieri, militari dell’Arma e i referenti di Comune e Fiva-Ascom.

L’esordio è promosso sia dagli ambulanti che dai frequentatori: «La gente c’è - dice Rudi Radossi dal suo banchetto di via Gioberti - perché ama questo tipo di rapporto: ne ha approfittato per stare insieme, fare acquisti e avere la sorpresa di vedersi gli uni con gli altri in salute. Ci vorrà del tempo, ma bisogna tornare alla gentilezza, professionalità e pazienza di noi commercianti: qualità che avevamo perso. Grazie al Comune per averci permesso di svolgere il mercato in sicurezza e fluidità». headtopics.com

La signora Giuseppina è una habitué del martedì e venerdì: «Ci siamo ritrovate con le amiche - dice guardando la merce -. Ne ho già ritrovate tre: sentivo la mancanza. Il mercato è l’occasione giusta». Da 30 anni Franco e Piera Candrilli, di Venaria, sistemano il banchetto sotto la Torre dell’Angelo: «È una partenza soft, ma meglio che stare a casa. E poi mancavano i gesti quotidiani, come il caffè al bar».

Altri ambulanti come Stefano Tiddia e Rosario vigilano sul mantenimento delle misure di sicurezza: «Non si tocca la merce senza guanti - dicono - ma la gente è disciplinata e lo sa. Il primo giorno è più difficile, abbiamo anche meno spazio espositivo, ma ripartire è positivo». Dall’alba erano presenti in piazza l’assessore Mimmo Sabatino e Alessandro Loqui per Fiva-Ascom: «Non ci sono stati particolari problemi - dicono -, abbiamo dovuto ripensare gli spazi, ma abbiamo anche liberato due postazioni per futuri dehors, accontentando ambulanti e baristi. Abbiamo controllato di persona il rispetto delle distanze».

Leggi di più: La Stampa »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Campari, il 4% sceglie il recesso e blocca il trasferimento in OlandaL’esborso potenziale supera i 150 milioni di soglia previsti - Il cda conferma l’operazione: «sarà riproposta quando il prezzo delle azioni si sarà stabilizzato» Resta la domanda: perché conviene trasferirsi in Olanda? Basta vantaggi fiscali all'interno della UE e penalizzazioni per chi ha usato danaro pubblico italiano e restituzione con interessi buona notizia! Campari mostra esser azienda migliore di Fca e altre....che fanno concorrenza sleale pagando tasse in paradisi fiscali! Strategia, marketing o convenienza

Il Veneto continua a disboscare per il prosecco - Il Fatto QuotidianoL’assalto al tesoro del prosecco nel cuore delle colline di Conegliano e Valdobbiadene, dichiarate dall’Unesco patrimonio paesaggistico dell’umanità, è ricominciato. Con i timbri della legalità e le autorizzazioni regionali, ma comunque a dispetto delle assicurazioni politiche secondo cui gli alberi non sarebbero stati abbattuti per far posto alle vigne che valgono come l’oro. E che … la regione veneto è di centro destra? e allora diamoci sotto con le cialtronate Morirete affogati dal prosecco di merda e dai fitofarmaci... Un territorio e una biodiversità devastati. Si è perso un enorme patrimonio di varietà viticole antiche per lasciare posto a quella roba in larga parte dozzinale che è il prosecco.

Tutti a prendere il sole sulla “piatta” di Chiaverano, il sindaco: “Avanti così e la chiudo”CHIAVERANO (TORINO). Ora la piattaforma sul lago Sirio, la 'piatta' dove la scorsa settimana era stata fotografata una coppia di giovani mentre facevano sesso, nudi e in pieno giorno, diventa meta preferita dai turisti. Leggi anche: L’esibizione a luci rosse durante il lockdown: sesso in pieno giorno sulla piattaforma del ... Fermateli, si assembrano! Sirio Più congiunti di così... D’altronde se il comune si chiama Chiaveramo

E Bertolaso scarica Fontana&C: “Fiera, il progetto era altro” - Il Fatto Quotidiano“Quello in Fiera non è il mio ospedale. Sono sconcertato dall’evoluzione del progetto, a causa della mia malattia sono stato di fatto esautorato dall’operazione”. Tanto che “ho diffidato Regione Lombardia e Fondazione di Comunità, dal chiudere la struttura e a proseguire tale progetto”. Quella che avete appena letto è la incredibile conversazione avvenuta ieri mattina … 'L'ultimo fallimento di Bertolaso' nei migliori cinema. Bertoladro è tornato 3 deve sparire tutta 'sta gente..

Giungla lombarda: diffidato il Comune che fa i test immunologici - Il Sole 24 OREA un mese circa dall'inizio del progetto di test immunologici a tappeto, organizzato e gestito dal comune di Cisliano (Mi) per fare la mappatura del contagio del Coronavirus, gli esami si fermano. Una diffida dell'ATS di Milano, infatti, blocca i lavori... Vergognoso 👎🤡 I soliti conflitti tra autorità competenti in materia sanitaria e di sicurezza sulla salute pubblica? Tutto normale? Perché? Quando si parla di salute non dovevamo essere trattati tutti allo stesso modo dal SSN?

Il crollo delle partite Iva: il 60% ha perso almeno un terzo del fatturatoIl bonus autonomi potrebbe distribuire 3,8 miliardi a 4,9 milioni di persone ad aprile ma la platea si riduce a un milione a maggio. Reddito di emergenza per 2 milioni di persone fino ad ora ! se avessero lavorato solo per FCA negli ultimi 5 anni avrebbero perso il 60% del fatturato annuale e senza alcun aiuto.ilfoglio_it fattoquotidiano Quindi? Aumenteranno i loro onorari di 3 volte per recuperare i soldi per pagarsi le rate del SUV comprato nel 2019?😡